Salute 22 Novembre 2019 18:40

Visita fiscale a malata terminale. Mattioli (SMI): «Non doveva essere nel sistema, la donna era esente»

Il Sindacato Medici Italiani che assiste anche i medici fiscali ricorda come quest’ultimi siano da trent’anni senza un contratto che li tuteli. «L’Inps ha ragione, non siamo formati – spiega la sindacalista Piera Mattioli. Con il contratto avremo finalmente i corsi ECM»

«Non ha funzionato l’intera procedura» così commenta Piera Mattioli, del Settore Medici Fiscali del Sindacato Medici Italiani (SMI) la visita fiscale effettuata nei confronti di una donna malata terminale in cura in un hospice di Gorlago, in provincia di Bergamo. La notizia è rimbalzata sui social network, destando scalpore e sollevando polemiche riguardo la miope osservazione della burocrazia.

«La signora essendo malata oncologica avrebbe dovuto avere un’invalidità superiore al 67% e quindi esente dalla visita fiscale» spiega Mattioli, raggiunta al telefono da Sanità Informazione. Di fatto, la donna non doveva risultare nell’elenco dei pazienti da controllare. «Le visite vengono richieste tramite un sistema informatico. Quando andiamo ad effettuare gli accertamenti noi sul tablet non abbiamo la diagnosi della paziente per una questione di privacy». Non manca la responsabilità del medico: «Certo, possiamo rifiutarci di effettuare la visita quando ad esempio si è trovata davanti l’hospice. Abbiamo questa possibilità, ma magari la collega è giovane o ha iniziato a lavorare da poco».

All’indomani dello sfortunato episodio, l’Inps si è scusato con la famiglia. “Siamo molto dispiaciuti” hanno risposto dalla sede provinciale, affermando come “Purtroppo spesso abbiamo a disposizione medici a contratto, non sempre formati a dovere sulle procedure da adottare”.

«L’Inps ha ragione, non siamo formati» spiega la sindacalista. Perché ad oggi i medici fiscali sono liberi professionisti a partita Iva. «Non abbiamo un contratto da trent’anni. Siamo in trattativa ai tavoli con l’Inps e siamo a buon punto». Il prossimo incontro è previsto per martedì 26 novembre. «Stiamo per firmare una convenzione dove ci sarà anche la formazione». «Sulla bozza inviata dall’Inps, – spiega – l’Istituto ci garantirà dei corsi professionali ECM. Il 70% li organizzerà l’Inps e saranno obbligatori, mentre il restante sarà ad opzione volontaria e a carico del medico». Anche se, «la formazione dopo trent’anni ce la siamo fatta sul campo» puntualizza Mattioli.

«In questi anni non abbiamo avuto nessuna garanzia, nessuna tutela» ricorda ancora la sindacalista dei medici fiscali. Tuttavia, presto la situazione potrebbe cambiare: «Nel contratto sarà presente anche un riconoscimento contributivo da parte dell’Inps che verserà direttamente nelle casse dell’Enpam. Poi, il riconoscimento di ferie, giorni di riposo e il contributo per il riconoscimento della malattia nei primi 30 giorni».

LEGGI: REPERIBILITÀ, AGGRESSIONI, INCERTEZZA: LA DIFFICILE VITA DEL MEDICO FISCALE “RIDER” DELLA SANITÀ

Articoli correlati
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Carenza infermieri, Consulcesi: «Si supera puntando sulla formazione»
In occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, che si celebra oggi 12 maggio, il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella chiede di rivedere le modalità di accesso alla facoltà di Infermieristica. Urgenti anche misure che rendano la professione più attraente in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto