Salute 22 Novembre 2019

Visita fiscale a malata terminale. Mattioli (SMI): «Non doveva essere nel sistema, la donna era esente»

Il Sindacato Medici Italiani che assiste anche i medici fiscali ricorda come quest’ultimi siano da trent’anni senza un contratto che li tuteli. «L’Inps ha ragione, non siamo formati – spiega la sindacalista Piera Mattioli. Con il contratto avremo finalmente i corsi ECM»

«Non ha funzionato l’intera procedura» così commenta Piera Mattioli, del Settore Medici Fiscali del Sindacato Medici Italiani (SMI) la visita fiscale effettuata nei confronti di una donna malata terminale in cura in un hospice di Gorlago, in provincia di Bergamo. La notizia è rimbalzata sui social network, destando scalpore e sollevando polemiche riguardo la miope osservazione della burocrazia.

«La signora essendo malata oncologica avrebbe dovuto avere un’invalidità superiore al 67% e quindi esente dalla visita fiscale» spiega Mattioli, raggiunta al telefono da Sanità Informazione. Di fatto, la donna non doveva risultare nell’elenco dei pazienti da controllare. «Le visite vengono richieste tramite un sistema informatico. Quando andiamo ad effettuare gli accertamenti noi sul tablet non abbiamo la diagnosi della paziente per una questione di privacy». Non manca la responsabilità del medico: «Certo, possiamo rifiutarci di effettuare la visita quando ad esempio si è trovata davanti l’hospice. Abbiamo questa possibilità, ma magari la collega è giovane o ha iniziato a lavorare da poco».

All’indomani dello sfortunato episodio, l’Inps si è scusato con la famiglia. “Siamo molto dispiaciuti” hanno risposto dalla sede provinciale, affermando come “Purtroppo spesso abbiamo a disposizione medici a contratto, non sempre formati a dovere sulle procedure da adottare”.

«L’Inps ha ragione, non siamo formati» spiega la sindacalista. Perché ad oggi i medici fiscali sono liberi professionisti a partita Iva. «Non abbiamo un contratto da trent’anni. Siamo in trattativa ai tavoli con l’Inps e siamo a buon punto». Il prossimo incontro è previsto per martedì 26 novembre. «Stiamo per firmare una convenzione dove ci sarà anche la formazione». «Sulla bozza inviata dall’Inps, – spiega – l’Istituto ci garantirà dei corsi professionali ECM. Il 70% li organizzerà l’Inps e saranno obbligatori, mentre il restante sarà ad opzione volontaria e a carico del medico». Anche se, «la formazione dopo trent’anni ce la siamo fatta sul campo» puntualizza Mattioli.

«In questi anni non abbiamo avuto nessuna garanzia, nessuna tutela» ricorda ancora la sindacalista dei medici fiscali. Tuttavia, presto la situazione potrebbe cambiare: «Nel contratto sarà presente anche un riconoscimento contributivo da parte dell’Inps che verserà direttamente nelle casse dell’Enpam. Poi, il riconoscimento di ferie, giorni di riposo e il contributo per il riconoscimento della malattia nei primi 30 giorni».

LEGGI: REPERIBILITÀ, AGGRESSIONI, INCERTEZZA: LA DIFFICILE VITA DEL MEDICO FISCALE “RIDER” DELLA SANITÀ

Articoli correlati
«Con il protrarsi dell’emergenza Covid, potenziare la Medicina Generale e ridurre il carico burocratico»
di Luigi Martini (Segretario Aziendale della Asl di Latina) e Claudia Felici (Segretario Aziendale della Asl Rm1)
di Luigi Martini & Claudia Felici, SMI Lazio
ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo
Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell'Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Medici fiscali, la pre-intesa per l’Acn spacca i sindacati: le ragioni del sì e quelle del no all’accordo
La maggioranza dei sindacati è favorevole all’accordo con l’Inps: per lo Smi si tratta di un «traguardo ambito da decenni per chiudere con il precariato e aprire alla stagione della regolarizzazione e della stabilizzazione dei medici fiscali». Contraria la Fp Cgil: «Grave errore firmare un’intesa che non tutela i lavoratori»
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»