Salute 22 Novembre 2019

Visita fiscale a malata terminale. Mattioli (SMI): «Non doveva essere nel sistema, la donna era esente»

Il Sindacato Medici Italiani che assiste anche i medici fiscali ricorda come quest’ultimi siano da trent’anni senza un contratto che li tuteli. «L’Inps ha ragione, non siamo formati – spiega la sindacalista Piera Mattioli. Con il contratto avremo finalmente i corsi ECM»

«Non ha funzionato l’intera procedura» così commenta Piera Mattioli, del Settore Medici Fiscali del Sindacato Medici Italiani (SMI) la visita fiscale effettuata nei confronti di una donna malata terminale in cura in un hospice di Gorlago, in provincia di Bergamo. La notizia è rimbalzata sui social network, destando scalpore e sollevando polemiche riguardo la miope osservazione della burocrazia.

«La signora essendo malata oncologica avrebbe dovuto avere un’invalidità superiore al 67% e quindi esente dalla visita fiscale» spiega Mattioli, raggiunta al telefono da Sanità Informazione. Di fatto, la donna non doveva risultare nell’elenco dei pazienti da controllare. «Le visite vengono richieste tramite un sistema informatico. Quando andiamo ad effettuare gli accertamenti noi sul tablet non abbiamo la diagnosi della paziente per una questione di privacy». Non manca la responsabilità del medico: «Certo, possiamo rifiutarci di effettuare la visita quando ad esempio si è trovata davanti l’hospice. Abbiamo questa possibilità, ma magari la collega è giovane o ha iniziato a lavorare da poco».

All’indomani dello sfortunato episodio, l’Inps si è scusato con la famiglia. “Siamo molto dispiaciuti” hanno risposto dalla sede provinciale, affermando come “Purtroppo spesso abbiamo a disposizione medici a contratto, non sempre formati a dovere sulle procedure da adottare”.

«L’Inps ha ragione, non siamo formati» spiega la sindacalista. Perché ad oggi i medici fiscali sono liberi professionisti a partita Iva. «Non abbiamo un contratto da trent’anni. Siamo in trattativa ai tavoli con l’Inps e siamo a buon punto». Il prossimo incontro è previsto per martedì 26 novembre. «Stiamo per firmare una convenzione dove ci sarà anche la formazione». «Sulla bozza inviata dall’Inps, – spiega – l’Istituto ci garantirà dei corsi professionali ECM. Il 70% li organizzerà l’Inps e saranno obbligatori, mentre il restante sarà ad opzione volontaria e a carico del medico». Anche se, «la formazione dopo trent’anni ce la siamo fatta sul campo» puntualizza Mattioli.

«In questi anni non abbiamo avuto nessuna garanzia, nessuna tutela» ricorda ancora la sindacalista dei medici fiscali. Tuttavia, presto la situazione potrebbe cambiare: «Nel contratto sarà presente anche un riconoscimento contributivo da parte dell’Inps che verserà direttamente nelle casse dell’Enpam. Poi, il riconoscimento di ferie, giorni di riposo e il contributo per il riconoscimento della malattia nei primi 30 giorni».

LEGGI: REPERIBILITÀ, AGGRESSIONI, INCERTEZZA: LA DIFFICILE VITA DEL MEDICO FISCALE “RIDER” DELLA SANITÀ

Articoli correlati
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Proroga Ecm: da Consulcesi il vademecum per evitare sanzioni
Dopo la decisione della Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina di concedere un altro anno per assolvere all’obbligo formativo ecco tutto quello che c’è da sapere ed i principali rischi che corre chi non sarà in regola entro il 31 dicembre 2020
Rapporto SDO, la preoccupazione del Sindacato Medici Italiani: «Meno posti letto. Situazione favorisce aggressioni»
«Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente». È l'allarme lanciato da Pina Onotri, segretario generale dello SMI. A preoccupare è anche la mobilità interregionale
Da Ippocrate ad oggi, la formazione cambia ma resta fondamentale. Almini (CAO Bergamo): «Ecco perché conviene adempiere all’obbligo ECM»
Il Presidente del Coordinamento Albi Odontoiatri di Bergamo sarà relatore unico di un seminario dal titolo “ECM: Come, dove, quando, perché!”. A Sanità Informazione spiega come e perché si sta evolvendo il sistema e i motivi per cui fare formazione continua è una parte fondamentale della professione
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...