Politica 7 Febbraio 2018 12:23

Via il superticket e assunzione di 40mila operatori sanitari, per Pietro Grasso «la salute non si paga»

Il leader di Liberi e Uguali ha annunciato a Vibo Valentia il programma sanità. Nel documento anche la formazione per i medici di famiglia e i pediatri e il sostegno alla diffusione dei farmaci generici

«La salute non si paga, deve tornare ad essere un diritto per tutti. E dobbiamo tornare a fare in modo che ci sia un abbattimento delle liste d’attesa». Questo uno dei passaggi più significativi del leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, che ieri ha illustrato il suo Piano sanità dopo una visita all’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia. Il documento programmatico, intitolato “La salute non si paga” prevede, in primis, l’abolizione del superticket e la riduzione dei ticket per impedire che i costi della sanità siano più alti nel pubblico che nel privato. Punto nodale del programma, l’assunzione di almeno 40mila medici e operatori sanitari, «minimo indispensabile per far fronte ai futuri pensionamenti», e investimenti in strutture e tecnologie per garantire su tutto il territorio nazionale il diritto alla salute.

Il documento programmatico prevede anche un piano per la formazione dei medici di famiglia e dei pediatri, perché, si legge nel testo, «se non si agisce ora, il sistema entrerà in crisi nei prossimi 4 anni». Si prevede inoltre il sostegno alla diffusione dei farmaci generici per abbattere i costi per i cittadini, considerando che «l’Italia è al penultimo posto in Europa nell’impiego dei farmaci generici».

Secondo LeU la sanità in Italia è una vera e propria emergenza: dodici milioni di italiani rinunciano alle cure a causa di costi sempre più elevati, di ticket che superano il prezzo delle prestazioni private, di liste d’attesa troppo lunghe, della mancanza di presidi sanitari sul territorio. «Bisogna interrompere questa privatizzazione di fatto del sistema sanitario e riportare il finanziamento alla sanità nella media europea».

Altra priorità è stipulare nuovamente i contratti nazionali della medicina dei servizi «per rafforzare servizi di vaccinazione, agli anziani, i consultori e le altre strutture territoriali». Sul tema aborto LeU sottolinea la necessità di una piena attuazione della legge 194 sull’interruzione di gravidanza e un piano di azione specifico per la salute mentale. Nel piano anche iniziative per migliorare l’ambiente, presupposto di una buona salute: riconversione verde delle industrie, lotta all’inquinamento urbano, prevenzione degli incidenti sul lavoro, educazione alimentare.

Articoli correlati
Recovery Plan, la nuova bozza: alla sanità 18 miliardi ma l’aumento effettivo è di 3,5 miliardi
Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha presentato la nuova bozza al premier Conte: aumentano i fondi per scuola, sanità e welfare. Le risorse per la sanità serviranno a implementare la medicina e la digitalizzazione. Prevista la costruzione di circa 5mila Case di comunità. Resta il nodo del MES
È morta Emilia De Biasi, ex Presidente Commissione Sanità. Politica in lutto
L’ex senatrice era responsabile Welfare e Salute del Pd lombardo. Si era battuta per la legge sulle nuove professioni sanitarie, sulla ricerca clinica e sulle Disposizioni anticipate di trattamento. Speranza: «Sempre a difesa SSN. Ci siamo confrontati fino a qualche giorno fa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»