Salute 7 febbraio 2018

Via il superticket e assunzione di 40mila operatori sanitari, per Pietro Grasso «la salute non si paga»

Il leader di Liberi e Uguali ha annunciato a Vibo Valentia il programma sanità. Nel documento anche la formazione per i medici di famiglia e i pediatri e il sostegno alla diffusione dei farmaci generici

«La salute non si paga, deve tornare ad essere un diritto per tutti. E dobbiamo tornare a fare in modo che ci sia un abbattimento delle liste d’attesa». Questo uno dei passaggi più significativi del leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, che ieri ha illustrato il suo Piano sanità dopo una visita all’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia. Il documento programmatico, intitolato “La salute non si paga” prevede, in primis, l’abolizione del superticket e la riduzione dei ticket per impedire che i costi della sanità siano più alti nel pubblico che nel privato. Punto nodale del programma, l’assunzione di almeno 40mila medici e operatori sanitari, «minimo indispensabile per far fronte ai futuri pensionamenti», e investimenti in strutture e tecnologie per garantire su tutto il territorio nazionale il diritto alla salute.

Il documento programmatico prevede anche un piano per la formazione dei medici di famiglia e dei pediatri, perché, si legge nel testo, «se non si agisce ora, il sistema entrerà in crisi nei prossimi 4 anni». Si prevede inoltre il sostegno alla diffusione dei farmaci generici per abbattere i costi per i cittadini, considerando che «l’Italia è al penultimo posto in Europa nell’impiego dei farmaci generici».

Secondo LeU la sanità in Italia è una vera e propria emergenza: dodici milioni di italiani rinunciano alle cure a causa di costi sempre più elevati, di ticket che superano il prezzo delle prestazioni private, di liste d’attesa troppo lunghe, della mancanza di presidi sanitari sul territorio. «Bisogna interrompere questa privatizzazione di fatto del sistema sanitario e riportare il finanziamento alla sanità nella media europea».

Altra priorità è stipulare nuovamente i contratti nazionali della medicina dei servizi «per rafforzare servizi di vaccinazione, agli anziani, i consultori e le altre strutture territoriali». Sul tema aborto LeU sottolinea la necessità di una piena attuazione della legge 194 sull’interruzione di gravidanza e un piano di azione specifico per la salute mentale. Nel piano anche iniziative per migliorare l’ambiente, presupposto di una buona salute: riconversione verde delle industrie, lotta all’inquinamento urbano, prevenzione degli incidenti sul lavoro, educazione alimentare.

Articoli correlati
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»
Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Autonomia differenziata, lo SMI lancia petizione online per fermare voto del Parlamento: «Con riforma avremo una somma di Servizi sanitari regionali»
Il Sindacato guidato da Pina Onotri si mobilita contro il provvedimento fortemente voluta dalla Lega. Sarà inviata una lettera aperta ai deputati e ai senatori di tutti i gruppi politici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...