Salute 11 Aprile 2024 16:56

Vaccino pneumococcico, dati positivi da studi di Fase III per V116, primo coniugato 21-valente disegnato per gli adulti

Il candidato vaccino pneumococcico coniugato 21-valente V116 ha ottenuto risultati molto positivi in una serie di studi di Fase III presentati  in occasione del 13° Meeting della International Society of Pneumonia and Pneumococcal Diseases (ISPPD), che si è tenuto a Città del Capo. V116 – sviluppato da MSD – si è dimostrato immunogenico per tutti e 21 i sierotipi coperti dal vaccino in vari sottogruppi di popolazione adulta. Se approvato, sarà il primo vaccino pneumococcico disegnato specificatamente per proteggere gli adulti disponibile sul mercato

Vaccino pneumococcico, dati positivi da studi di Fase III per V116, primo coniugato 21-valente disegnato per gli adulti

In occasione del 13° Meeting della International Society of Pneumonia and Pneumococcal Diseases (ISPPD), che si è tenuto a Città del Capo, sono stati presentati i dati positivi provenienti da numerosi studi di Fase III che hanno valutato V116 – vaccino pneumococcico coniugato 21-valente in sviluppo da MSD –  il primo disegnato specificatamente per proteggere gli adulti.

Negli studi clinici presentati, V116 si è dimostrato immunogenico per tutti e 21 i sierotipi coperti dal vaccino in vari sottogruppi di popolazione adulta, inclusi quelli che non avevano precedentemente ricevuto un vaccino pneumococcico (naïve), quelli che avevano già ricevuto un vaccino pneumococcico e quelli con un aumentato rischio di malattia pneumococcica, come ad esempio le persone con HIV. V116 ha anche generato risposte immunitarie più elevate rispetto ai vaccini con cui è stato confrontato per i sierotipi unici coperti da V116 in tutti gli studi STRIDE presentati al meeting.

“La malattia pneumococcica invasiva e la polmonite pneumococcica possono causare patologie gravi, soprattutto negli adulti più anziani e in quelli che presentano condizioni di immunocompromissione”, osserva Walter Orenstein, professore emerito di medicina, epidemiologia, salute globale e pediatria della Emory University e membro dello Scientific Advisory Committee di MSD. “Questi dati positivi dimostrano il potenziale di V116 nel rispondere al fabbisogno insoddisfatto nella prevenzione della malattia pneumococcica negli adulti”.

Questi i  principali risultati emersi dagli studi presentati:

  • Negli adulti di 50 e più anni di età naïve al vaccino (popolazione dello studio STRIDE-3), V116 si è dimostrato immunogenico per tutti e 21 i sierotipi nelle fasce d’età studiate (50–64, 65–74, 75–84 e ≥85 anni), secondo la misurazione della media geometrica dei titoli (GMT) dell’attività opsonofagocitica (OPA) sierotipo- specifica al giorno 30.
  • Negli adulti di 50 e più anni di età che avevano già ricevuto un vaccino pneumococcico (STRIDE-6), V116 ha dimostrato risposte immunitarie comparabili per i sierotipi condivisi con PCV15 (vaccino pneumococcico coniugato 15-valente) o PPSV23 (vaccino pneumococcico polivalente [23-valente]) e risposte immunitarie più alte per i sierotipi coperti solo da V116, indipendentemente dal vaccino pneumococcico ricevuto in precedenza o dall’intervallo di tempo rispetto alla precedente somministrazione del vaccino pneumococcico, secondo le GMT di OPA sierotipo-specifiche al giorno 30.
  • Negli adulti di 18 o più anni di età con HIV (STRIDE-7), V116 ha dimostrato risposte immunitarie comparabili con PCV15+PPSV23 per tutti e 13 i sierotipi condivisi e risposte immunitarie più alte per gli otto sierotipi coperti solo da V116, secondo la misurazione dei GMC (media geometrica delle concentrazioni) dell’Immunoglobulina G (IgG) e delle GMT di OPA sierotipo-specifiche al giorno 30.
  • In tutti gli studi presentati, V116 ha dimostrato un profilo di sicurezza comparabile con gli altri vaccini studiati, inclusi PCV20 (vaccino pneumococcico coniugato 20-valente), PCV15 e PPSV23.

“La portata dei dati presentati questa settimana rafforza la nostra fiducia nel potenziale valore clinico che V116 potrebbe offrire a un ventaglio di popolazioni adulte”, osserva Eliav Barr, Senior Vice President, Head of Global Clinical Development e Chief Medical Officer, Merck Research Laboratories. “Siamo incoraggiati dai risultati di questi studi, che dimostrano come V116 abbia generato risposte immunitarie per i sierotipi responsabili della maggior parte dei casi di malattia pneumococcica invasiva degli adulti”.

Lo studio PNEUMO

Oltre ai dati clinici di Fase III su V116, MSD ha presentato anche dati preliminari dello studio RWE Pneumococcal Pneumonia Epidemiology, Urine Serotyping, and Mental Outcomes (PNEUMO) svolto negli Stati Uniti, che ha scoperto che in 2.065 adulti di 50 o più anni di età ospedalizzati con polmonite acquisita in comunità tra il 2018 e il 2022 sono stati rilevati 242 sierotipi pneumococcici. Di questi sierotipi, l’84% circa era coperto da V116. Un quarto (il 25% circa) dei sierotipi rilevati era coperto solo da V116 e non da PCV15 o PCV20.

I risultati dello studio PNEUMO confermano che i sierotipi in V116 rappresentano la prevalenza di malattia pneumococcica (sia invasiva che non invasiva) negli adulti di 50 o più anni di età. Questi dati sono coerenti con i dati di sorveglianza CDC per la malattia pneumococcica invasiva relativi agli anni 2018-2021, che dimostrano come V116 copra i sierotipi responsabili di circa l’83% della malattia pneumococcica invasiva, inclusi gli otto sierotipi specifici di V116 che sono responsabili di circa il 30% della malattia pneumococcica negli individui di  ≥65 anni di età.

Molti degli studi presentati all’ISPPD sono stati inclusi nella richiesta di registrazione alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. L’Ente regolatorio USA ha concesso a V116 la revisione prioritaria con un PDUFA (Prescription Drug User Fee Act) del 17 giugno 2024. Se approvato, V116 sarebbe il primo vaccino pneumococcico coniugato, specificatamente disegnato per gli adulti,  presente sul mercato.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...