Salute 13 Maggio 2019

Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»

«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale

Immagine articolo

Un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale. È il risultato di uno studio prodotto da ALTEMS, Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari, i cui risultati sono stati presentati durante il convegno “Vaccinarsì consapevolmente…50+”. «La prevenzione – spiega Americo Cicchetti, Direttore dell’ALTEMS ai nostri microfoni – rappresenta, in genere, una opzione costo-efficace per quelle patologie che sono appunto prevenibili. Riteniamo che ci sia un grande valore clinico ed economico dietro la promozione della vaccinazione negli adulti»

Professore, qual è il vantaggio economico di fare i vaccini?

«Noi abbiamo sviluppato un modello econometrico che va a guardare tutti questi effetti, tutte queste implicazioni dal punto di vista economico e abbiamo calcolato che per ogni euro che abbiamo investito in un programma vaccinale ne ritornano almeno 2,50 sul piano del sistema economico generale. È evidente che la vaccinazione soprattutto nell’età adulta genera un effetto leva e dato che in questa fase, il nostro sistema economico certamente l’incremento della produttività è uno dei fattori che dobbiamo ricercare come paese, riteniamo che queste informazioni possano essere utili non solo per chi fa politica sanitaria, ma anche per chi fa politica economica e fiscale in questo paese. La novità che è un po’ dietro a questo lavoro che stiamo portando avanti da un po’ di anni grazie ad un finanziamento della commissione europea, riguarda gli effetti più ampi, che sono certamente in termini di riduzione della spesa del SSN perché non ci sono complicanze, ma appunto riguardano l’intero ciclo economico. L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale ecco tutti questi elementi sono catturati all’interno di questo modello».

LEGGI: VACCINI, UNA RISORSA PER L’ECONOMIA. ALTEMS: «OGNI EURO INVESTITO NE RESTITUISCE 2,50»

C’è molta attenzione da parte dell’Unione Europea riguardo alle vaccinazioni?

«Sicuramente è uno dei temi portanti, la Commissione europea già nel 2015, grazie appunto alla direzione generale della ricerca, suggerì il lancio della call per i finanziamenti nel programma Horizon 2020, per trovare nuovi modi per valutare gli effetti delle vaccinazioni. Chiaramente dietro c’è una convinzione che la prevenzione vaccinale sia una delle strategie più costo-efficaci che si possano immaginare in sistemi sanitari europei che comunque soffrono, per non dico mancanza di risorse, però certamente una pressione da questo punto di vista esiste in Italia come in tutti gli altri paesi europei».

Cosa cambierebbe rispetto all’attuale politica in merito alle vaccinazioni?

«Dobbiamo dire che noi abbiamo uno dei piani vaccinali, quello nazionale 2017/2019, tra i più avanzati in Europa e penso al mondo. Quello che noi riteniamo è che questo piano possa essere intanto sempre più implementato dalle Regioni. Oltre a questo possa anche essere migliorato se possibile, perché se esistono evidenze economiche che ci dicono che la vaccinazione è un investimento produttivo sia per la salute sia dal punto di vista del ciclo produttivo generale, credo che questo debba esser preso in considerazione nel nuovo piano della prevenzione vaccinale che ci aspettiamo per il 2020/2022».

Articoli correlati
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Coronavirus, Scaccabarozzi: «Vaccini già in produzione, ci assumiamo il rischio»
Ecco come è andato il webinar “Nuovi modelli per la Governance delle cure” con Beatrice Lorenzin, Pier Carlo Padoan, Pierluigi Lopalco, Luca Pani, Giorgio Racagni e Paolo Siani
di Tommaso Caldarelli
Appello del Board del Calendario per la Vita: «Mantenere e incrementare coperture vaccinali per bambini e anziani»
«Evitiamo di aggiungere pandemie alla pandemia, aanche ri-organizzando i servizi di vaccinazione e rassicurando la popolazione»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 giugno, sono 6.383.805 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 380.331 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 2 giugno: Nel...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco