Salute 13 Maggio 2019 10:27

Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»

«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale

Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»

Un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale. È il risultato di uno studio prodotto da ALTEMS, Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari, i cui risultati sono stati presentati durante il convegno “Vaccinarsì consapevolmente…50+”. «La prevenzione – spiega Americo Cicchetti, Direttore dell’ALTEMS ai nostri microfoni – rappresenta, in genere, una opzione costo-efficace per quelle patologie che sono appunto prevenibili. Riteniamo che ci sia un grande valore clinico ed economico dietro la promozione della vaccinazione negli adulti»

Professore, qual è il vantaggio economico di fare i vaccini?

«Noi abbiamo sviluppato un modello econometrico che va a guardare tutti questi effetti, tutte queste implicazioni dal punto di vista economico e abbiamo calcolato che per ogni euro che abbiamo investito in un programma vaccinale ne ritornano almeno 2,50 sul piano del sistema economico generale. È evidente che la vaccinazione soprattutto nell’età adulta genera un effetto leva e dato che in questa fase, il nostro sistema economico certamente l’incremento della produttività è uno dei fattori che dobbiamo ricercare come paese, riteniamo che queste informazioni possano essere utili non solo per chi fa politica sanitaria, ma anche per chi fa politica economica e fiscale in questo paese. La novità che è un po’ dietro a questo lavoro che stiamo portando avanti da un po’ di anni grazie ad un finanziamento della commissione europea, riguarda gli effetti più ampi, che sono certamente in termini di riduzione della spesa del SSN perché non ci sono complicanze, ma appunto riguardano l’intero ciclo economico. L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale ecco tutti questi elementi sono catturati all’interno di questo modello».

LEGGI: VACCINI, UNA RISORSA PER L’ECONOMIA. ALTEMS: «OGNI EURO INVESTITO NE RESTITUISCE 2,50»

C’è molta attenzione da parte dell’Unione Europea riguardo alle vaccinazioni?

«Sicuramente è uno dei temi portanti, la Commissione europea già nel 2015, grazie appunto alla direzione generale della ricerca, suggerì il lancio della call per i finanziamenti nel programma Horizon 2020, per trovare nuovi modi per valutare gli effetti delle vaccinazioni. Chiaramente dietro c’è una convinzione che la prevenzione vaccinale sia una delle strategie più costo-efficaci che si possano immaginare in sistemi sanitari europei che comunque soffrono, per non dico mancanza di risorse, però certamente una pressione da questo punto di vista esiste in Italia come in tutti gli altri paesi europei».

Cosa cambierebbe rispetto all’attuale politica in merito alle vaccinazioni?

«Dobbiamo dire che noi abbiamo uno dei piani vaccinali, quello nazionale 2017/2019, tra i più avanzati in Europa e penso al mondo. Quello che noi riteniamo è che questo piano possa essere intanto sempre più implementato dalle Regioni. Oltre a questo possa anche essere migliorato se possibile, perché se esistono evidenze economiche che ci dicono che la vaccinazione è un investimento produttivo sia per la salute sia dal punto di vista del ciclo produttivo generale, credo che questo debba esser preso in considerazione nel nuovo piano della prevenzione vaccinale che ci aspettiamo per il 2020/2022».

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi