Salute 13 Maggio 2019 10:27

Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»

«L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale», spiega Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS, che ha presentato un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale

Vaccini per adulti, Cicchetti (ALTEMS): «Riducono la spesa del Servizio sanitario nazionale»

Un modello econometrico per determinare il vantaggio delle vaccinazioni negli adulti per la sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale. È il risultato di uno studio prodotto da ALTEMS, Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari, i cui risultati sono stati presentati durante il convegno “Vaccinarsì consapevolmente…50+”. «La prevenzione – spiega Americo Cicchetti, Direttore dell’ALTEMS ai nostri microfoni – rappresenta, in genere, una opzione costo-efficace per quelle patologie che sono appunto prevenibili. Riteniamo che ci sia un grande valore clinico ed economico dietro la promozione della vaccinazione negli adulti»

Professore, qual è il vantaggio economico di fare i vaccini?

«Noi abbiamo sviluppato un modello econometrico che va a guardare tutti questi effetti, tutte queste implicazioni dal punto di vista economico e abbiamo calcolato che per ogni euro che abbiamo investito in un programma vaccinale ne ritornano almeno 2,50 sul piano del sistema economico generale. È evidente che la vaccinazione soprattutto nell’età adulta genera un effetto leva e dato che in questa fase, il nostro sistema economico certamente l’incremento della produttività è uno dei fattori che dobbiamo ricercare come paese, riteniamo che queste informazioni possano essere utili non solo per chi fa politica sanitaria, ma anche per chi fa politica economica e fiscale in questo paese. La novità che è un po’ dietro a questo lavoro che stiamo portando avanti da un po’ di anni grazie ad un finanziamento della commissione europea, riguarda gli effetti più ampi, che sono certamente in termini di riduzione della spesa del SSN perché non ci sono complicanze, ma appunto riguardano l’intero ciclo economico. L’INPS non paga indennità, aumenta il reddito, aumenta il gettito fiscale ecco tutti questi elementi sono catturati all’interno di questo modello».

LEGGI: VACCINI, UNA RISORSA PER L’ECONOMIA. ALTEMS: «OGNI EURO INVESTITO NE RESTITUISCE 2,50»

C’è molta attenzione da parte dell’Unione Europea riguardo alle vaccinazioni?

«Sicuramente è uno dei temi portanti, la Commissione europea già nel 2015, grazie appunto alla direzione generale della ricerca, suggerì il lancio della call per i finanziamenti nel programma Horizon 2020, per trovare nuovi modi per valutare gli effetti delle vaccinazioni. Chiaramente dietro c’è una convinzione che la prevenzione vaccinale sia una delle strategie più costo-efficaci che si possano immaginare in sistemi sanitari europei che comunque soffrono, per non dico mancanza di risorse, però certamente una pressione da questo punto di vista esiste in Italia come in tutti gli altri paesi europei».

Cosa cambierebbe rispetto all’attuale politica in merito alle vaccinazioni?

«Dobbiamo dire che noi abbiamo uno dei piani vaccinali, quello nazionale 2017/2019, tra i più avanzati in Europa e penso al mondo. Quello che noi riteniamo è che questo piano possa essere intanto sempre più implementato dalle Regioni. Oltre a questo possa anche essere migliorato se possibile, perché se esistono evidenze economiche che ci dicono che la vaccinazione è un investimento produttivo sia per la salute sia dal punto di vista del ciclo produttivo generale, credo che questo debba esser preso in considerazione nel nuovo piano della prevenzione vaccinale che ci aspettiamo per il 2020/2022».

Articoli correlati
Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore
Nico Acampora: «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Andrea Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma ho voluto tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Lavoriamo invece per far crescere il progetto di inclusione sociale»
di Federica Bosco
Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»
«Ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16. Tre sono in terapia intensiva. I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni»
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
Covid, Dattolo (OMCeO Firenze): “Sistema in crisi, subito obbligo vaccinale”
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Firenze “Stop a 21 sistemi sanitari regionali diversi: serve regia unica nazionale”
Un anno fa il V-day contro Covid, cosa è successo in 365 giorni?
Dai primi vaccini ufficiali all'arrivo della variante Omicron, attraverso Green pass e vaccinazione dei bambini. Trecentosessantacinque giorni dal vaccine day del 2020, il bilancio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre