Salute 8 gennaio 2018

Vaccini: obbligo per gli operatori sanitari. Emilia capofila della proposta, d’accordo anche Lazio, Lombardia e Piemonte

Chi non acconsentirà alla profilassi verrà trasferito. Ecco la conseguenza per gli operatori sanitari che decideranno di non vaccinarsi pur lavorando in reparti ritenuti ad alto rischio infettivo

Immagine articolo

Vaccinazioni obbligatorie per personale sanitario: l’Emilia Romagna si fa capofila e mette nero su bianco la proposta di Sergio Venturi, Assessore alla Salute, che già da mesi caldeggiava una soluzione per i rischi che corrono medici e infermieri. ‘Accordo in merito alla prevenzione del rischio biologico in ambiente sanitario’: questo il nome della proposta che ha trovato consensi in Emilia e si sta facendo largo anche nel Lazio, in Lombardia e in Piemonte.

Dalla Regione sono state individuate le aree maggiormente a rischio in cui occorrerebbe la profilassi e sono: oncologia, ematologia, trapianti, neonatologia, ostetricia, pediatria, malattie infettive, pronto soccorso e rianimazione. «Le vaccinazioni negli operatori sanitari hanno una triplice valenza – si legge in uno studio realizzato da aziende sanitarie regionali corollario della proposta di Venturi -. Proteggono l’utente del servizio sanitario; l’operatore sanitario che per motivi professionali è maggiormente esposto al contagio; tutelano il servizio sanitario che, in situazioni epidemiche, potrebbe fronteggiare una carenza acuta di personale».

Chi non seguirà l’indicazione verrà trasferito in reparti ritenuti non ad alto rischio, fa sapere la Regione che su Repubblica.it ci tiene a precisare: «Nessun licenziamento ma spostamento di reparto mantenendo funzioni equivalenti e stesso stipendio». Sulla questione si discuterà più approfonditamente da metà gennaio in poi nel corso di una serie di riunioni programmate ad hoc.

Ad essere coinvolti 10mila operatori sanitari, ma non tutti dovranno vaccinarsi considerando che molti hanno già avuto le malattie più pericolose come rosolia, morbillo, parotite e varicella. Dal Piemonte, l’Assessore alla Salute Antonino Saitta ha espresso soddisfazione per la scelta dell’Emilia, tuttavia ribadisce la necessità di un intervento a livello nazionale.

LEGGI ANCHE: VACCINI, MAIO (FIMMG): «AUMENTA RICHIESTA D’INFORMAZIONE PER PAZIENTI E FORMAZIONE PER MEDICI»

Articoli correlati
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...