Salute 8 Gennaio 2018 13:33

Vaccini: obbligo per gli operatori sanitari. Emilia capofila della proposta, d’accordo anche Lazio, Lombardia e Piemonte

Chi non acconsentirà alla profilassi verrà trasferito. Ecco la conseguenza per gli operatori sanitari che decideranno di non vaccinarsi pur lavorando in reparti ritenuti ad alto rischio infettivo

Vaccini: obbligo per gli operatori sanitari. Emilia capofila della proposta, d’accordo anche Lazio, Lombardia e Piemonte

Vaccinazioni obbligatorie per personale sanitario: l’Emilia Romagna si fa capofila e mette nero su bianco la proposta di Sergio Venturi, Assessore alla Salute, che già da mesi caldeggiava una soluzione per i rischi che corrono medici e infermieri. ‘Accordo in merito alla prevenzione del rischio biologico in ambiente sanitario’: questo il nome della proposta che ha trovato consensi in Emilia e si sta facendo largo anche nel Lazio, in Lombardia e in Piemonte.

Dalla Regione sono state individuate le aree maggiormente a rischio in cui occorrerebbe la profilassi e sono: oncologia, ematologia, trapianti, neonatologia, ostetricia, pediatria, malattie infettive, pronto soccorso e rianimazione. «Le vaccinazioni negli operatori sanitari hanno una triplice valenza – si legge in uno studio realizzato da aziende sanitarie regionali corollario della proposta di Venturi -. Proteggono l’utente del servizio sanitario; l’operatore sanitario che per motivi professionali è maggiormente esposto al contagio; tutelano il servizio sanitario che, in situazioni epidemiche, potrebbe fronteggiare una carenza acuta di personale».

Chi non seguirà l’indicazione verrà trasferito in reparti ritenuti non ad alto rischio, fa sapere la Regione che su Repubblica.it ci tiene a precisare: «Nessun licenziamento ma spostamento di reparto mantenendo funzioni equivalenti e stesso stipendio». Sulla questione si discuterà più approfonditamente da metà gennaio in poi nel corso di una serie di riunioni programmate ad hoc.

Ad essere coinvolti 10mila operatori sanitari, ma non tutti dovranno vaccinarsi considerando che molti hanno già avuto le malattie più pericolose come rosolia, morbillo, parotite e varicella. Dal Piemonte, l’Assessore alla Salute Antonino Saitta ha espresso soddisfazione per la scelta dell’Emilia, tuttavia ribadisce la necessità di un intervento a livello nazionale.

LEGGI ANCHE: VACCINI, MAIO (FIMMG): «AUMENTA RICHIESTA D’INFORMAZIONE PER PAZIENTI E FORMAZIONE PER MEDICI»

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Investimenti del Pnrr e cure di prossimità, l’Emilia Romagna punta sulla regia dei direttori assistenziali
L’assessore alla Sanità Raffaele Donini: «La rete dei laboratori un’eccellenza emersa con la pandemia da mettere a frutto negli ospedali di Comunità»
Crioconservazione del tessuto adiposo autologo, Altini: «Esempio collaborazione tra pubblico e privato»
Intervista al Direttore sanitario dell’Ausl Romagna Ravenna, dottor Mattia Altini: «L’idea di collaborare, contaminarsi, guardare le cose da punti diversi è un valore che può migliorare anche il Servizio sanitario nazionale»
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali