Salute 10 Gennaio 2018

Vaccini, interviene l’Ue: «Preoccupati per scetticismo, rafforzeremo sostegno a Stati»

La portavoce alla Salute della Commissione europea, Anca Paduraru, annuncia misure per condividere dati e per lo scambio delle migliori pratiche. Sarà coinvolto il Comitato per la sicurezza sanitaria che si occupa delle minacce sanitarie transfrontalieri della Ue. Intanto si infiamma la polemica politica in Italia

di Giovanni Cedrone

«Siamo molto preoccupati per l’aumento dello scetticismo sui vaccini». Le parole della portavoce della Commissione Ue per la Salute, Anca Paduraru, non lasciano adito a dubbi: a Bruxelles le posizioni anti-vaccini di diversi movimenti populisti preoccupano. E forse non è un caso che le parole della Paduraru arrivano proprio nel giorno in cui il segretario della Lega Matteo Salvini annuncia che, una volta al governo, abolirà le norme sull’obbligo vaccinale introdotto su iniziativa del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha subito replicato bollando l’esternazione di Salvini come una posizione «che mette a rischio la salute dei nostri figli».

La fibrillazione pre-elettorale su un tema delicato come quello dei vaccini deve aver allarmato i vertici Ue. «Vogliamo sottolineare – ha spiegato Paduraru – l’importanza dei programmi di vaccinazione nella protezione della salute pubblica. Ad oggi, la copertura vaccinale rimane elevata nell’Ue», anche se poi ha chiarito che la vaccinazione è «responsabilità degli Stati membri».

In tutti i casi Bruxelles continuerà a vigilare sul tema. «La Commissione – continua Paduraru – è tuttavia impegnata a rafforzare il sostegno dell’Ue agli sforzi nazionali. Collaboreremo con gli Stati membri per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione e sulle possibili conseguenze della mancata vaccinazione». Lo strumento sarà quello del Comitato per la sicurezza sanitaria, che si occupa delle minacce sanitarie transfrontaliere nell’Ue, che avrà il compito di coordinare gli interventi. La portavoce per la salute ha spiegato che sarà possibile, ad esempio «promuovere la condivisione dei dati e lo scambio delle migliori pratiche, fornire supporto tecnico alle campagne nazionali di comunicazione sanitaria e persino agevolare strumenti e pareri scientifici».

Non è la prima volta che Bruxelles interviene sul tema in modo esplicito. A novembre il Commissario alla Salute Vytenis Andriukaitis aveva sottolineato, senza mezzi giri di parole, che i movimenti contrari ai vaccini «ci riportano a periodi in cui non c’era alcuna conoscenza scientifica, ci riportano all’età della pietra».

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Un vaccino contro Covid-19, a che punto sono i tentativi nel mondo?
Tutti i ricercatori del mondo sono all'opera per trovare un vaccino contro Covid-19. A che punto si trovano i 140 candidati? I dati dell'Oms sulle fasi raggiunte fino ad oggi dai singoli prodotti
Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»
Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l'influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»
Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG
Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d'accordo
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»