Salute 21 Maggio 2019

Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»

Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»

Immagine articolo

Primo approdo per chiunque necessiti di un consulto clinico, i medici di famiglia assumono un ruolo fondamentale anche nelle vaccinazioni per gli adulti. «Si è allargato il nostro compito, c’è ovviamente l’aspetto informativo, la sfera delle opportunità di prevenzione che oggi noi abbiamo abbondantemente ampliato», spiega in una lunga intervista Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG. Intanto, la medicina generale inizia ad essere riconosciuta anche nell’ambito universitario, come avvenuto recentemente all’università di Genova.

«Il nostro ruolo si è sicuramente ampliato, – continua il segretario Maio – perché storicamente si pensava al medico di famiglia solo per la vaccinazione anti-influenzale e il contributo che noi abbiamo dato negli anni è sostanziale nella prevenzione sia per gli over 65 e poi per l’area dei pazienti cronici. Un’area nella quale in Italia non siamo ancora bravissimi, dobbiamo lavorare per portare su le coperture ed è appunto il medico di famiglia il primo front office a cui i pazienti si rivolgono. I pazienti cronici, non solo gli anziani ma anche i giovani cronici, oggi hanno nuove vaccinazioni a disposizione e possono prevenire malattie che possono in modo significativo, non solo determinare un aggravamento o mettere a rischio con patologie gravi tipo l’ictus o l’infarto, ma possono peggiorare la loro qualità di vita. Non dobbiamo poi dimenticare che i giovani cronici sono persone attive, che lavorano. Allora diventa importante che il medico di famiglia sia in grado, come ormai sta accadendo in tutte le regioni d’Italia di offrire non solo l’informazione, ma anche la possibilità di fare il vaccino nei luoghi di vita dei pazienti, in orari che non sono quelli canonici delle altre strutture, perché è sufficiente prendere appuntamento con il proprio medico di famiglia per avere sia una risposta alle informazioni, che per ricevere poi la vaccinazione che serve.

LEGGI: CONVENZIONE MMG, SCOTTI (FIMMG): «LA ‘BUSTA PAGA’ DEI MEDICI DI FAMIGLIA È FERMA AL 2010. TRE MESI PER FIRMARE»

Noi oggi non parliamo più della singola vaccinazione, ma parliamo di una presa in carico vaccinale, quindi di tutti quelli che possono essere gli aspetti utili a quel paziente, esattamente a quel paziente, per le sue condizioni e sottolineo: condizioni che possono variare nel tempo, in questo il medico di famiglia è un attore formidabile perché segue dall’inizio, per tutto il percorso di vita, la salute di un cittadino. Parliamo di presa in carico vaccinale per dire che noi adesso sempre di più cerchiamo di valutare lo stato vaccinale completo del paziente. Ha fatto il richiamo per l’antitetanica? Ci sono problematiche di salute che richiedono delle vaccinazioni aggiuntive? Ecco il quadro complessivo oggi il medico di famiglia è in grado di gestirlo».

Cosa si sente di dire ai pazienti, soprattutto in questo periodo in cui c’è paura riguardo alle vaccinazioni?

«Di ascoltare le fonti attendibili, di andare dal medico di famiglia e di esporre con serenità tutte le perplessità, tutte le domande, perché quello che si legge in giro molto spesso non è corretto. Molto spesso viene da sorridere quando vengono da me per esempio dei pazienti la cui superficie corporea è completamente ricoperta di tatuaggi e quindi hanno addosso di tutto e di più in termini di sostanze tossiche, che poi si preoccupano del vaccino. Il vaccino non ha metalli, non ha sostanze tossiche. Queste sono informazioni che il medico di famiglia è in grado di dare, quindi invito tutti semplicemente a leggere e documentarsi, però a controllare sempre quali sono le fonti da cui si ricevono quelle informazioni e rivolgersi con serenità al loro medico di famiglia per portare tutte le perplessità e i dubbi che ci sono».

Il medico di famiglia ha un ruolo importantissimo, come dicevamo e si sta anche evolvendo. È notizia recente il Dipartimento misto in Liguria. Quindi, fortunatamente, si sta rivalutando questo ruolo anche a livello universitario…

«La medicina generale è una disciplina con delle specificità. Per legge europea oggi un laureato in medicina e chirurgia, contrariamente a quanto accadeva in passato, deve formarsi e deve formarsi perché prendere in carico un paziente, e stiamo parlando di una società dove gli anziani, i cronici, aumentano sempre di più e aumenteranno sempre di più. Significa avere delle competenze, dei contenuti che sono innanzitutto ovviamente scientifici, ma anche avere la capacità di gestire un percorso assistenziale e allora questo non lo insegna il corso di laurea, lo deve insegnare la disciplina della medicina generale. Il fatto che adesso si sia iniziato, si cominci a strutturare un dialogo con le università che in realtà già prima esisteva, perché il medico che si forma in medicina generale non vive solo dei periodi di formazione presso lo studio del medico di famiglia, ma anche all’interno delle strutture ospedaliere. Allora questo dialogo è importante, perché ci sia una qualità formativa erogata sempre migliore e chiaramente non possiamo non dialogare strettamente sia sui contenuti scientifici, sia sui contenuti formativi. Rimane poi la specificità della medicina generale, perché la presa in carico di un paziente sul territorio, in assenza di altre strutture, solo una buona formazione di un medico di famiglia la riesce a gestire».

Articoli correlati
Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci
A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e riduce il ricorso ad analisi cliniche e strumentali»
di Isabella Faggiano
Medicina generale, firmata pre-intesa. Il 5 settembre si chiude l’ipotesi di ACN, convenzione entro fine anno
Scotti (Fimmg): «Verso il ritiro dello stato di agitazione. In tre anni 6mila giovani MMG nel territorio». Onotri (Smi): «La strada è lunga». Bonaccini (Regioni): «Ora spediti verso firma convenzione». Venturi (Comitato Settore): «Data applicazione a Decreto Semplificazione e Decreto Calabria»
Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola
Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina
Aggressioni, guardie mediche tra le più colpite. Maio (FIMMG): «Cambiare approccio organizzativo»
«Non è mettendo cancellate che si risolve il problema: ci sono stati addirittura episodi in cui le guardie mediche sono rimaste auto-sequestrate all’interno». L’intervista a Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG
Medici di famiglia, incontro Fimmg – Bonaccini. Scotti: «Fiduciosi, possibili via d’uscita a stato di agitazione» 
Il segretario della Federazione dei medici di medicina generale ringrazia Bonaccini per «aver rotto l’omertà istituzionale». Tra i punti oggetto dell’incontro la conferma del ruolo professionale e contrattuale della Medicina Generale e l’idea di una decontribuzione sull’assunzione del personale di studio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone