Salute 21 Maggio 2019

Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»

Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»

Immagine articolo

Primo approdo per chiunque necessiti di un consulto clinico, i medici di famiglia assumono un ruolo fondamentale anche nelle vaccinazioni per gli adulti. «Si è allargato il nostro compito, c’è ovviamente l’aspetto informativo, la sfera delle opportunità di prevenzione che oggi noi abbiamo abbondantemente ampliato», spiega in una lunga intervista Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG. Intanto, la medicina generale inizia ad essere riconosciuta anche nell’ambito universitario, come avvenuto recentemente all’università di Genova.

«Il nostro ruolo si è sicuramente ampliato, – continua il segretario Maio – perché storicamente si pensava al medico di famiglia solo per la vaccinazione anti-influenzale e il contributo che noi abbiamo dato negli anni è sostanziale nella prevenzione sia per gli over 65 e poi per l’area dei pazienti cronici. Un’area nella quale in Italia non siamo ancora bravissimi, dobbiamo lavorare per portare su le coperture ed è appunto il medico di famiglia il primo front office a cui i pazienti si rivolgono. I pazienti cronici, non solo gli anziani ma anche i giovani cronici, oggi hanno nuove vaccinazioni a disposizione e possono prevenire malattie che possono in modo significativo, non solo determinare un aggravamento o mettere a rischio con patologie gravi tipo l’ictus o l’infarto, ma possono peggiorare la loro qualità di vita. Non dobbiamo poi dimenticare che i giovani cronici sono persone attive, che lavorano. Allora diventa importante che il medico di famiglia sia in grado, come ormai sta accadendo in tutte le regioni d’Italia di offrire non solo l’informazione, ma anche la possibilità di fare il vaccino nei luoghi di vita dei pazienti, in orari che non sono quelli canonici delle altre strutture, perché è sufficiente prendere appuntamento con il proprio medico di famiglia per avere sia una risposta alle informazioni, che per ricevere poi la vaccinazione che serve.

LEGGI: CONVENZIONE MMG, SCOTTI (FIMMG): «LA ‘BUSTA PAGA’ DEI MEDICI DI FAMIGLIA È FERMA AL 2010. TRE MESI PER FIRMARE»

Noi oggi non parliamo più della singola vaccinazione, ma parliamo di una presa in carico vaccinale, quindi di tutti quelli che possono essere gli aspetti utili a quel paziente, esattamente a quel paziente, per le sue condizioni e sottolineo: condizioni che possono variare nel tempo, in questo il medico di famiglia è un attore formidabile perché segue dall’inizio, per tutto il percorso di vita, la salute di un cittadino. Parliamo di presa in carico vaccinale per dire che noi adesso sempre di più cerchiamo di valutare lo stato vaccinale completo del paziente. Ha fatto il richiamo per l’antitetanica? Ci sono problematiche di salute che richiedono delle vaccinazioni aggiuntive? Ecco il quadro complessivo oggi il medico di famiglia è in grado di gestirlo».

Cosa si sente di dire ai pazienti, soprattutto in questo periodo in cui c’è paura riguardo alle vaccinazioni?

«Di ascoltare le fonti attendibili, di andare dal medico di famiglia e di esporre con serenità tutte le perplessità, tutte le domande, perché quello che si legge in giro molto spesso non è corretto. Molto spesso viene da sorridere quando vengono da me per esempio dei pazienti la cui superficie corporea è completamente ricoperta di tatuaggi e quindi hanno addosso di tutto e di più in termini di sostanze tossiche, che poi si preoccupano del vaccino. Il vaccino non ha metalli, non ha sostanze tossiche. Queste sono informazioni che il medico di famiglia è in grado di dare, quindi invito tutti semplicemente a leggere e documentarsi, però a controllare sempre quali sono le fonti da cui si ricevono quelle informazioni e rivolgersi con serenità al loro medico di famiglia per portare tutte le perplessità e i dubbi che ci sono».

Il medico di famiglia ha un ruolo importantissimo, come dicevamo e si sta anche evolvendo. È notizia recente il Dipartimento misto in Liguria. Quindi, fortunatamente, si sta rivalutando questo ruolo anche a livello universitario…

«La medicina generale è una disciplina con delle specificità. Per legge europea oggi un laureato in medicina e chirurgia, contrariamente a quanto accadeva in passato, deve formarsi e deve formarsi perché prendere in carico un paziente, e stiamo parlando di una società dove gli anziani, i cronici, aumentano sempre di più e aumenteranno sempre di più. Significa avere delle competenze, dei contenuti che sono innanzitutto ovviamente scientifici, ma anche avere la capacità di gestire un percorso assistenziale e allora questo non lo insegna il corso di laurea, lo deve insegnare la disciplina della medicina generale. Il fatto che adesso si sia iniziato, si cominci a strutturare un dialogo con le università che in realtà già prima esisteva, perché il medico che si forma in medicina generale non vive solo dei periodi di formazione presso lo studio del medico di famiglia, ma anche all’interno delle strutture ospedaliere. Allora questo dialogo è importante, perché ci sia una qualità formativa erogata sempre migliore e chiaramente non possiamo non dialogare strettamente sia sui contenuti scientifici, sia sui contenuti formativi. Rimane poi la specificità della medicina generale, perché la presa in carico di un paziente sul territorio, in assenza di altre strutture, solo una buona formazione di un medico di famiglia la riesce a gestire».

Articoli correlati
#DestinazioneSanità | Liguria, lavori in corso: si sta costruendo una nuova sanità
La sanità ligure sta attraversando un momento di grande trasformazione. Per raccontarlo, siamo andati a Genova e abbiamo incontrato istituzioni, medici, direzioni ospedaliere e sindacalisti che ci hanno raccontato in che direzione sta andando la sanità della Regione tra privatizzazioni, nuovi ospedali, nuove politiche e nuovi modelli assistenziali. Ma con medici sempre più anziani. Cecchini (CIMO): «Sono cambiamenti importanti che richiedono al sindacato una forte attenzione e un forte impegno»
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Morbillo, quest’anno 864 casi in Italia: un terzo ha sviluppato complicanze. Ecdc: «Aumento in tutta Europa»
I dati riportati sul bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità. Due terzi dei casi si sono verificati in Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia. L'87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. In tutta Europa 44074 casi dal 2016 al 2019
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...