Salute 8 Ottobre 2021 16:37

Un adolescente su tre è un ragazzo vampiro: come riconoscerli e aiutarli

In crescita durante il lockdown, gli adolescenti affetti da vamping trascorrono la notte svegli sul Pc. Per la dottoressa Emanuela Malorgio, (OMCeO Torino) pediatra esperta di disturbi del sonno occorre una terapia personalizzata

di Federica Bosco

Li chiamano i “ragazzi vampiro” perché trascorrono la notte svegli a navigare sul pc, sui social, a guardare video o serie tv. Uno studio realizzato dall’Ordine dei Medici di Venezia con Fondazione Ars Medica sulla base dei dati raccolti da un’insegnante in un istituto superiore di Conegliano ha evidenziato come il fenomeno riguardi un ragazzo su tre, ovvero il 35,7% degli adolescenti e preadolescenti.

In crescita con la pandemia

«Il vamping è un fenomeno in crescita, i dati lo confermano, ma che sia tutta colpa del lungo lockdown per il Covid è da escludere. Esisteva già prima, di sicuro è stato amplificato». A dirlo è Emanuela Malorgio, psicologa e psicoterapeuta dell’Ordine dei medici di Torino, esperta di disturbi del sonno dell’associazione italiana medicina del sonno chiamata ad analizzare i dati raccolti in Veneto.

«Il lavoro è nato grazie ad una intuizione di una docente, Maria Serena, che durante l’ora di antologia in classe, parlando di vamping, ha posto dei quesiti sull’argomento agli studenti ed ha poi esteso l’indagine a tutto l’istituto e raccolto i dati, presentandoli all’Ordine dei Medici di Venezia – spiega la dottoressa Malorgio –: io ho partecipato in quanto pediatra esperta di disturbi del sonno per far capire cosa succede ad un ragazzino quando entra in un circuito di vamping, cosa significa per lui non dormire la notte e spostare gli orari in avanti  in modo importante».

Gli effetti della DAD

La pandemia da Covid ha accentuato un problema che in realtà già esisteva, anche se era poco osservato e proprio la dottoressa Malorgio ha sottolineato come la didattica a distanza abbia generato da un lato un miglioramento in termini di ore di sonno nei ragazzi, mentre dall’altra abbia amplificato il vamping.

«Di sicuro le tante ore in DAD hanno incentivato una socialità a distanza e portato a due conseguenze: da un lato si è determinato un miglioramento della situazione in termini di ore di sonno perché i ragazzi hanno potuto dormire un’ora di più al mattino. Se si tiene conto che i ragazzi nell’età dell’adolescenza sono gufi fisiologici perché hanno la fase di inizio sonno spostata in avanti rispetto agli adulti, il poter dormire un’ora in più, li ha tolti da una situazione di sonno fisiologica che negli studenti è generata dall’esigenza di doversi alzare presto per essere in classe alle 8. Paradossalmente, da questo punto di vista hanno registrato un miglioramento del ciclo sonno-veglia perché durante il lockdown si mettevano davanti al pc in pigiama e quindi dormivamo circa un’ora in più la mattina».

Alle ore di sonno “recuperate” grazie alla DAD, fa da contraltare però una crescente dipendenza notturna dai social che ha rappresentato per mesi l’unico ponte con il mondo, alimentando una generazione di ragazzi vampiro. «Su adolescenti già propensi ad un isolamento sociale, la DAD ha innescato una necessità di condivisione che durante la pandemia si è fatta ancora più forte e diffusa anche tra i più piccoli».

«Genitori attenzione ai segnali che lanciano i bambini»

Dai medici è partito quindi il richiamo alle famiglie affinché educhino i figli, fin da piccoli, all’uso degli strumenti tecnologici nei modi e nei tempi corretti, adeguati alla vita diurna. «Già a sette e otto anni i bambini utilizzano WhatsApp, Twitter, Instagram, cercano un loro spazio per affermare la propria identità, ma se non attenzionati dai genitori si dimenticano del mondo reale. Il fenomeno riguarda entrambi i sessi, anche se con modalità differenti – riprende la dottoressa Malorgio -: i primi usano giochi condivisi, le seconde utilizzano maggiormente i social e per questo sono più portate ad essere vittime di bullismo e cyberbullismo. Le conseguenze sono pesanti, dopo una prima fase in cui denunciano sonnolenza diurna, arrivano a non voler più uscire di casa e stare con i coetanei, scivolando verso forme più gravi di Hikikomori o di dipendenze».

Terapie personalizzate

Quando un genitore si accorge di uno stato di sonnolenza che manifesta il figlio durante il giorno, magari accompagnato da un desiderio di restare chiuso in camera, fino al punto di non voler andare a scuola, occorre rivolgersi a professionisti dei disturbi del sonno: «Un comportamento di questo tipo – aggiunge la dottoressa Malorgio – non deve essere trascurato, per questo è opportuno rivolgersi al pediatra di famiglia e se necessario, su indicazione dello stesso, ad uno psicoterapeuta. Di solito si comincia con terapie comportamentali da concordare con l’adolescente a cui si associano terapie della luce per ripristinare il livello della melatonina e quindi il ritmo sonno veglia.  I giovani si mostrano nella maggior parte dei casi collaborativi, ma una percentuale se pur minima a volte necessita di una terapia più profonda ed allora si indirizza ad uno psicologo psicoterapeuta che collabora con il pediatra».

Dormire bene significa vivere meglio

Calo di rendimento scolastico, alterazione dell’appetito, fino a disturbi dell’umore e abuso di sostanze alcoliche o eccitanti, sono alcune delle conseguenze più gravi del vamping, è necessario perciò agire con una campagna di prevenzione che deve educare i bambini ad un corretto stile di vita per garantirsi un benessere anche in età adulta. «Non rispettare il sonno – conclude il medico di OMCeO Torino – significa manomettere la maturazione cerebrale e la capacità cognitiva. Si considera erroneamente che il sonno sia un momento passivo, in realtà è attivo e contribuisce alla rigenerazione dei tessuti, al mantenimento della memoria e delle capacità cognitive».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Cannabis, allarme adolescenti: a 13 anni già ne fanno uso, a rischio il cervello
Uno studio europeo rivela: Italia al primo posto per il consumo di marjuana tra i ragazzi con conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista neurologico. Maisano (psicologa e psicoterapeuta Fatebenefratelli Sacco): «La risonanza magnetica rivela aree cerebrali danneggiate che possono col tempo compromettere funzioni percettive e cognitive dell’individuo»
Shanghai, misure draconiane per evitare i contagi. Cos’è il “sistema bolla”?
Dipendenti delle "aziende essenziali" fino al prossimo 1 maggio 2022, resteranno 24 ore su 24 in azienda. Sì, anche a dormire e mangiare
di Stefano Piazza
«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano
La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...