Salute 14 Marzo 2022 12:48

Ucraina: come fanno le profughe quando hanno il ciclo? Senza cure mestruali a rischio la vita di molte donne

Milioni di donne in fuga dall’Ucraina si trovano in grande difficoltà con la gestione del ciclo mestruale. La carenza di prodotti aumenta il rischio di infezioni

Ucraina: come fanno le profughe quando hanno il ciclo? Senza cure mestruali a rischio la vita di molte donne

Può sembrare una questione secondaria in tempi di guerra, ma nella realtà non è affatto così. Le donne costrette a fuggire devono ogni mese affrontare un problema urgente: cosa fare quando arriva il ciclo mestruale? Quando si è costretti a fuggire, infatti, bisogna scegliere tra i prodotti sanitari e il cibo da portare e quelli che riguardano la gestione del ciclo mestruale vengono quasi sempre trascurati. Eppure la mancanza di «cure mestruali» può essere pericolosa per la vita. «Il riutilizzo di oggetti come immondizia e stracci al posto di assorbenti igienici, a cui le donne ricorrono spesso in situazioni di conflitto, può causare gravi infezioni e disagio», spiega il direttore esecutivo di UN Women UK, Claire Barnett.

Milioni di donne costrette a fuggire non possono portare prodotti per il ciclo

«È improbabile che le persone costrette a lasciare le loro case in una zona di guerra siano in grado di trasportare tutto ciò di cui hanno bisogno, o di pianificare in anticipo», dice Rachel Grocott, direttrice delle comunicazioni e del public fundraising di Bloody Good. «Se sono disponibili prodotti per il ciclo, spesso vengono venduti a prezzi così alti che le donne sono costrette a scegliere tra questi e altri elementi essenziali, compreso il cibo», aggiunge. Barnett riferisce che molte famiglia si sono rivolte alla sua organizzazione perché stanno «partendo con solo pochi oggetti che possono trasportare» e che «le donne non potranno portare con sé la fornitura di prodotti per il ciclo di cui hanno bisogno».

La mancanza di accesso ai prodotti sanitari per il ciclo rappresenta un pericolo per la vita

«Alcuni avranno viaggiato per giorni – dice Barnett – senza accedere a strutture adeguate. I negozi sono chiusi e molte donne in fuga non avranno una propria fonte di reddito per acquistare articoli non alimentari». Non è una questione di dignità, ma di necessità. «Non diciamo che l’accesso al cibo, all’acqua o alle medicine riguardi la dignità e le mestruazioni dovrebbero far parte degli aiuti umanitari tanto quanto qualsiasi di queste cose», sottolinea Gracott. Anche non avere accesso ai prodotti sanitari può essere pericoloso per la vita. Barnett spiega che la mancanza di accesso all’acqua, ai servizi igienici e alle strutture igieniche può essere «più letale delle morti direttamente dovute alla guerra».

Carenza di prodotti mestruali aumenta il rischio infezioni

Uno studio del 2017 di Global One sui campi profughi in Siria e Libano ha rilevato che il 60% delle donne rifugiate non aveva accesso alla biancheria intima e altre non avevano accesso ai prodotti sanitari durante il ciclo. Lo studio ha rilevato che la metà delle donne intervistate soffriva di infezioni del tratto urinario che non venivano curate. Terri Harris, responsabile del programma educativo di Bloody Good Period, che ha lavorato in un campo profughi in Libano, afferma che la mancanza di prodotti mestruali tra le donne rifugiate è «una delle loro maggiori preoccupazioni». E spiega: «Avevamo segnalato casi di donne che usavano vecchi stracci, pezzi di muschio, pezzi di materassi. L’uso di tali articoli, insieme alla scarsa disponibilità di acqua e strutture igienico-sanitarie, ha portato a infezioni e ad altri problemi di salute».

In guerra le donne si sentono più a rischio di subire una violenza sessuale

«Dobbiamo anche considerare che la guerra è ovviamente una condizione di stress acuto, che inevitabilmente si tradurrà in anomalie mestruali», sottolinea Harris. «Ciò potrebbe comportare cicli più pesanti, più dolorosi, irregolari, tutti problemi che richiedono un maggiore accesso ai prodotti» , aggiunge. Uno studio separato di UN Women e del suo partner in Camerun ha rilevato che il 99% delle donne non si sente al sicuro nei bagni dei campi profughi. Barnett aggiunge che le donne e le ragazze che non hanno un posto sicuro dove andare in bagno corrono «un rischio maggiore di violenza sessuale».

Gli aiuti umanitari tendono a trascurare i prodotti per il ciclo

«A parte il pericolo di violenza causato dal fatto che le donne dovranno andare in bagno e cambiarsi gli assorbenti fuori dalle strutture adeguate, siamo molto preoccupati per l’escalation che spesso vediamo nelle situazioni di conflitto in cui la violenza sessuale viene usata come arma», afferma Barnett. «Stiamo anche ascoltando notizie dai confini dei trafficanti e dallo sfruttamento di donne e bambini che lasciano l’Ucraina», aggiunge. Barnett dice che, durante i conflitti, i bisogni specifici delle donne sono «spesso trascurati», anche in termini di prodotti che le persone inviano oltre confine. «È probabile che i prodotti del ciclo vengano trascurati. Ma poiché la maggior parte degli adulti in fuga sono donne, il bisogno sarà grande», aggiunge.

La fornitura di prodotti mestruali alle donne è meglio se avviene tramite enti sul campo

Il fatto che i prodotti mestruali siano spesso trascurati quando si tratta di donazioni «indica il modo in cui il ciclo mestruale viene considerato in generale», afferma Grocott. «Semplicemente non sono presi in considerazione nel modo giusto, perché ci è stato insegnato che è meglio non parlarne», aggiunge. UN Women chiede donazioni urgenti. Quando si tratta di donare prodotti mestruali, Grocott dice che è meglio cercare un ente di beneficenza sul campo che possa fornire prodotti locali direttamente alle donne bisognose. «È fondamentale che le donne abbiano scelta e autonomia, e non ci si aspetta solo che stiano bene con qualsiasi prodotto venga loro offerto», afferma. «Nel mezzo di conflitti e crisi, nessuno dovrebbe cercare di gestire prodotti che non gli si addicono», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali