Salute 27 Marzo 2024 15:18

Tumore ovarico, l’appello dell’Ovarian Cancer Commitment

Diagnosi tempestive e accesso ai biomarcatori predittivi e alle cure innovative. Sono questi i principali temi da affrontare per combattere il tumore ovarico. L’appello è stato lanciato oggi dall’Ovarian Cancer Commitment (OCC), in occasione di una Tavola Rotonda a Roma. L’OCC è un’iniziativa europea promossa da AstraZeneca insieme alla Società Europea di Oncologia Ginecologica (ESGO) e alla Rete Europea dei Gruppi di Advocacy sul Cancro Ginecologico (ENGAGe), con l’obiettivo di promuovere la discussione e il confronto per migliorare la qualità di vita e la sopravvivenza delle donne con cancro ovarico

Tumore ovarico, l’appello dell’Ovarian Cancer Commitment

In Italia fino all’80% dei casi di tumore ovarico viene diagnosticato tardi. Ogni anno vengono stilate 4.800  nuove diagnosi l’anno con la malattia già in fase avanzata. È dunque necessario aumentare la consapevolezza tra le donne, attraverso opportune campagne informative. È inoltre importante favorire e velocizzare, per tutte le pazienti, l’accesso ai test per biomarcatori predittivi e alle cure innovative.

Questo, in intesi, l’appello lanciato dall’Ovarian Cancer Commitment (OCC), in occasione di una tavola rotonda a Roma. Si tratta di un’iniziativa europea promossa da AstraZeneca insieme alla Società Europea di Oncologia Ginecologica (ESGO) e alla Rete Europea dei Gruppi di Advocacy sul Cancro Ginecologico (ENGAGe), con l’obiettivo di promuovere la discussione e il confronto per migliorare la qualità di vita e la sopravvivenza delle donne con cancro ovarico.

“La patologia provoca ogni anno più di 3.200 decessi – sottolinea Nicoletta Colombo, Direttore di Ginecologia oncologica medica dell’IEO e Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università di Milano-Bicocca – Questo è dovuto a una sintomatologia aspecifica e tardiva, e dalla totale mancanza di programmi di screening. Nonostante le difficoltà nell’ottenere diagnosi precoci non sono mancati negli ultimi anni importanti innovazioni terapeutiche. In particolare, l’oncologia di precisione sta portando grandi benefici in termini di sopravvivenza”.

“Il carcinoma ovarico si caratterizza da notevoli deficit genetici che alterano i meccanismi di riparazione dei danni del DNA – prosegue Sandro Pignata, Direttore Divisione Oncologia Medica, Dipartimento di Uro-Ginecologia – Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale, Napoli -. Esiste da alcuni anni il test HRD in grado di rilevare quando non funziona il meccanismo della ricombinazione omologa o Homologus Recombination Deficiency. Si tratta di un “sistema di correzione” che se smette di operare induce il DNA a generare nuovi errori. Sono queste, infatti, le principali caratteristiche biologiche del tumore ovarico. L’esecuzione del test HRD permette quindi di adattare le cure a ogni singola paziente e consente ai clinici di proporre strategie di sorveglianza o di riduzione del rischio. Rappresenta un’evoluzione del test BRCA ed è rilevante nella scelta della terapia con i Parp-inibitori, la nuova classe di farmaci in grado di contrastare le neoplasie che presentano un difetto nel processo di ricombinazione omologa”.

L’esecuzione del test HRD richiede piattaforme tecnologiche e software attualmente presenti solo in pochi centri altamente specializzati. Inoltre, al momento, il processo di tariffazione e rimborsabilità del test non è sempre chiaro ed omogeno per tutte le Regioni. È auspicabile una centralizzazione della governance dei laboratori che svolgono queste analisi molto complesse, basate su tecnologia NGS. Solo così è possibile garantire la massima qualità di erogazione degli esami e il contenimento dei costi di esecuzione.

“Tutte le pazienti con carcinoma ovarico hanno il diritto di essere assistite in centri oncologici specializzati nel trattare una malattia molto complessa – osserva Anna Fagotti, Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Direttore Unità Operativa Complessa presso Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e Presidente ESGO -. In tempi brevi è necessario adottare i criteri e gli standard di selezione dei centri di riferimento all’interno delle reti oncologiche regionali. Su tutto il territorio nazionale servono linee guida omogenee che rispettino alcuni criteri e standard essenziali, in tutto 10, che sono stati stabiliti di recente dall’European Society of Gynaecological Oncology e prevedono, tra gli altri, la presenza di un chirurgo specializzato, un volume di soglia di almeno 30-20 interventi annui, la presenza di team multidisciplinari e l’accesso ai trials clinici”.

“La malattia presenta ancora dei bisogni insoddisfatti per la maggioranza dei pazienti – commenta Nicoletta Cerana, Presidente Acto Italia – Alleanza contro il Tumore Ovarico ETS – L’innovazione terapeutica sta migliorando le prospettive delle donne interessate dal tumore ovarico ma bisogna prestare maggiore attenzione a livello di assistenza socio-sanitaria e alla qualità di vita durante e dopo le terapie”.

“Il tumore ovarico provoca ancora troppe vittime in Italia così come in molti altri Paesi Occidentali – sottolinea l’Onorevole Annarita Patriarca, Componente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati – Tuttavia è una patologia oncologica ancora poco conosciuta ed è necessario informare maggiormente l’opinione pubblica. Sul versante istituzionale, è necessario un impegno comune del Governo e del Parlamento per garantire l’accesso a tutte le donne ai trattamenti più innovativi ed efficaci. Una priorità non rinviabile, che deve essere inserita nell’agenda politica”.

Nel corso della Tavola Rotonda è stata presentata anche la nuova campagna di comunicazione “Hai due minuti?”, che ha l’obiettivo di sensibilizzare sul tema della prevenzione del tumore ovarico. “La nostra azienda è orgogliosa di supportate un progetto di valore come questo che si propone di informare la popolazione femminile su una neoplasia che presenta ancora una diagnosi complessa – conclude Alessandra Dorigo, Head of Oncology di AstraZeneca Italia -. Al tempo stesso con Ovarian Cancer Commitment abbiamo avviato una collaborazione con i vari attori del sistema salute con l’obiettivo di migliorare la diagnosi e il trattamento del tumore ovarico. I progressi della ricerca scientifica e della pratica clinica negli ultimi anni hanno prodotto grandi risultati. L’impegno comune deve essere quello di rendere più accessibili queste innovazioni affinché non rimangano ad appannaggio di poche pazienti”.

Il board dell’Ovarian Cancer Commitment (OCC):

  • Giovanni Aletti – Professore associato Dipartimento di Oncologia ed Emato-Oncologia e Chirurgo presso IEO
  • Sandra Balboni – Presidente LOTO Onlus
  • Massimo Barberis – Direttore Unità Diagnostica Istopatologica e Molecolare – Istituto Europeo di Oncologia IRCCS, Milano
  • Rossana Berardi – Professore Ordinario di Oncologia all’Università Politecnica delle Marche. Direttrice della Clinica Oncologica all’Azienda Ospedaliero-Universitaria delle Marche
  • Ornella Campanella – Presidente aBRCAdabra
  • Gianpaolo Cicchelli – Head of Gyn/GU Franchise and Alliance di AstraZeneca
  • Nicoletta Colombo – Direttore di Ginecologia oncologica medica dello IEO e Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca
  • Anna Fagotti – Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Direttore Unità Operativa Complessa presso Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e Presidente ESGO
  • Domenica Lorusso – Direttore della Ginecologia Oncologica di Humanitas San Pio X di Milano e Professore ordinario di Ostetricia e Ginecologia a Università Humanitas
  • Elena Murelli– Componente della Commissione Sanità e Lavoro del Senato
  • Nicola Normanno – Direttore Dipartimento Ricerca Traslazionale a supporto dei percorsi oncologici – Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale, Napoli
  • Annarita Patriarca – Componente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati
  • Sandro Pignata – Direttore Divisione Oncologia Medica, Dipartimento di Uro-Ginecologia – Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale, Napoli
  • Carmine Pinto – Head Medical Oncology Comprehensive Cancer Centre IRCCS – AUSL di Reggio Emilia
  • Nicoletta Cerana – Presidente ACTO Italia ETS
  • Benedetta Sica – Head of Government Affairs & Public Policy di AstraZeneca

 

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...