Salute 4 Giugno 2024 17:32

Tumore alle ovaie, talco e lavande intime aumentano il rischio

C’è una correlazione tra l’uso di prodotti intimi, come il talco genitale e le lavande, e l’aumento del rischio di sviluppare un tumore alle ovaie. L’associazione è evidenziata in uno studio pubblicato sul Journal of clinical oncology

Tumore alle ovaie, talco e lavande intime aumentano il rischio

C’è una correlazione tra l’uso di prodotti intimi, come il talco genitale e le lavande, e l’aumento del rischio di sviluppare un tumore alle ovaie. L’associazione è evidenziata in uno studio pubblicato sulla rivista Journal of clinical oncology della Società americana di oncologia clinica (Asco), il cui congresso è in corso in questi giorni a Chicago. “Questo studio sottolinea i rischi potenziali associati ai prodotti per l’igiene intima, in particolare al talco genitale”, spiega Fumiko Chino, radioterapista presso il Memorial Sloan Kettering Cancer. “Le prove si aggiungono a un corpus crescente di letteratura che suggerisce che tali prodotti potrebbero contribuire ad un aumento del rischio di cancro ovarico, soprattutto tra le utilizzatrici abituali e quelle tra i 20 e i 30 anni di età”, aggiunge.

Il legame con il tumore alle ovaie è risultato è più forte nei cambiamenti ormonali

L’associazione è dunque risultata particolarmente forte tra le donne che usavano il talco frequentemente o soprattutto durante periodi di cambiamenti ormonali significativi o di attività riproduttiva. Lo studio ha coinvolto 50.884 donne della coorte Sister Study, tutte con una sorella a cui era stato diagnosticato un cancro al seno. “Nonostante le difficoltà nel valutare la storia dell’esposizione, i nostri risultati sono solidi e mostrano un’associazione coerente tra l’uso di talco genitale e il cancro alle ovaie“, ha affermato l’autrice principale Katie O’Brien. Non è stata invece trovata alcuna associazione significativa tra l’uso di talco o lavande genitali e il cancro al seno o all’utero. Le lavande, sottolineano i ricercatori, hanno mostrato una possibile associazione con il cancro ovarico, giustificando ulteriori indagini.

Necessario un monitoraggio continuo delle sostanze chimiche specifiche nei prodotti

“Questi risultati – si legge nello studio – contribuiscono in modo significativo al dibattito in corso sulla sicurezza dei prodotti per l’igiene intima e sottolineano la necessità di ulteriori ricerche e di una potenziale rivalutazione della sicurezza di questi prodotti”. I ricercatori evidenziano quindi la necessità di un monitoraggio continuo delle sostanze chimiche specifiche nei prodotti per l’igiene intima che possono influenzare il rischio di cancro e incoraggiano ulteriori studi per replicare questi risultati in diverse popolazioni. Lo studio è stato supportato dall’Istituto statunitense di scienze della salute ambientale (National Institutes of Health).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...