Salute 11 Novembre 2021 14:53

Tumore alla prostata, informati tre uomini su dieci. Bollino azzurro da Onda

Il Bollino Azzurro è il nuovo riconoscimento di Fondazione Onda agli ospedali che garantiscono un approccio multiprofessionale e interdisciplinare nell’ambito dei percorsi diagnostici e terapeutici dedicati ai pazienti con tumore alla prostata

Il Bollino Azzurro di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, identifica i centri che garantiscono un approccio multiprofessionale e interdisciplinare dei percorsi diagnostici e terapeutici per le persone con tumore alla prostata

Il tumore alla prostata

Tra le malattie più diffuse negli uomini, in Italia sono 564.000 le persone con una pregressa diagnosi di tumore della prostata, pari al 33 per cento dei casi di tumore nei maschi e ogni anno si contano circa 37.000 nuove diagnosi. La ricerca ha fatto enormi progressi nella cura di questo tumore permettendo di mantenere una buona qualità di vita, ma è comunque importante intervenire in tempo. Le più efficaci strategie di contrasto rimangono la corretta informazione e la diagnosi precoce ed è importante sottoporsi regolarmente a una visita di controllo.

È per questo che Fondazione Onda presenta oggi, proprio nel mese di novembre dedicato alla salute maschile e alla prevenzione del tumore alla prostata, questo nuovo progetto e la sua campagna informativa per promuovere una maggiore consapevolezza sulla malattia, sull’importanza della diagnosi precoce e di rivolgersi ai centri che garantiscono attraverso un approccio multidisciplinare trattamenti personalizzati e innovativi.

Dall’indagine “La consapevolezza sul tumore alla prostata” svolta su un campione di 273 persone, di cui il 33 per cento uomini con esperienza della malattia, risulta che il campione considera questo tipo di tumore molto diffuso, ma da più della metà degli intervistati, il 66 per cento, è percepito come una malattia curabile e non drasticamente impattante sulla qualità di vita. Inoltre, quello che emerge è che solo tre uomini su dieci si ritengono sufficientemente informati sul tema, tra questi chi ne soffre o ne ha sofferto si sente più informato, mentre la maggior parte vorrebbe ricevere maggiori informazioni ed essere tenuto aggiornato soprattutto dal proprio medico di medicina generale.

L’indagine di Fondazione Onda

«La maggior parte degli uomini intervistati, che appartengono a una fascia della popolazione particolarmente istruita, secondo la nostra indagine, ha eseguito le visite di controllo necessarie lo scorso anno, soprattutto grazie all’importante ruolo svolto dalle proprie partner – afferma Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda -. Infatti, risulta che l’uomo di fronte a problemi genito-urinari reagisce con comportamenti di chiusura minimizzando il problema. La donna ricopre un ruolo fondamentale nel motivare l’uomo alla diagnosi precoce e a sottoporsi a visite di controllo. Per questo motivo è molto utile che anche la popolazione femminile sia informata sulle tematiche di salute che riguardano i componenti maschili della famiglia. Dopo l’esperienza positiva di quasi quindici anni dei Bollini Rosa, abbiamo esteso con il Bollino Azzurro la nostra attenzione alla salute di genere maschile per promuovere in modo ancora più profondo e capillare la consapevolezza nell’uomo e nella donna del tumore alla prostata».

Il Bollino Azzurro ha lo scopo di segnalare alla popolazione le strutture che favoriscono una presa in carico multidisciplinare del tumore alla prostata promuovendo la collaborazione tra i diversi specialisti attivi nella gestione di questa malattia, quali urologo, radioterapista, oncologo medico, patologo, radiologo, medico nucleare, psicologo. Questa prima edizione del Bollino Azzurro è aperta sia agli ospedali Bollini Rosa sia a quelli che non sono parte del network distribuiti su tutto il territorio nazionale, che potranno candidarsi compilando il questionario disponibile al sito fino al 14 gennaio 2022.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore alla prostata: più casi ma meno decessi, il libro bianco di Fondazione Onda aiuta a capire il perché
Con 37 mila nuove diagnosi l’anno il cancro alla prostata rappresenta il 19% di tutti i tumori diagnosticati nella popolazione maschile italiana. Sorveglianza attiva, chirurgia robotica e radioterapia di precisione, oltre a cure sempre più personalizzate, permettono di gestire la malattia. In futuro si punta sulle terapie ormonali
Pomodori, tè verde, vino rosso: tutti i super food per prevenire e combattere il tumore alla prostata
Gli andrologi della SIA: «Riduzione del rischio fino all’80%. Effetto booster anche su efficacia terapie»
Menopausa: solo 5 donne su 100 ricorrono alla terapia ormonale sostitutiva
Sebbene più di una donna su due abbia riscontrato sintomi spesso severi dovuti alla menopausa, esiste una resistenza culturale sull’assunzione della terapia ormonale sostitutiva: un'indagine di Fondazione Onda
di Redazione
Bollino HFC: concorso best practice di Fondazione Onda per la salute di genere nelle aziende
Postura e benessere, fumo, stress e lavoro correlato, menopausa sono i temi chiave del nuovo percorso formativo offerto alle aziende per l’anno 2022. Parte il concorso delle Best Practice con l’obiettivo di identificare e premiare i migliori progetti delle aziende nell’ambito della promozione della salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi