Salute 27 gennaio 2015

Troppi tagli, altolà della Corte dei Conti: i LEA a rischio

Pesa l’assenza di nuovi investimenti. E a soffrire di più è il Sud Italia

Immagine articolo

C’è preoccupazione per le sorti dei LEA, Livelli essenziali di assistenza, che potrebbero, in un futuro molto vicino, essere messi a rischio dai tagli effettuati in Sanità e dall’assenza di nuovi investimenti.

A dare l’allarme è la Relazione – ad opera della Corte dei Conti – sulla gestione finanziaria per il 2013 degli enti territoriali. L’analisi della Corte prende in esame principalmente due punti: l’assistenza domiciliare e territoriale, e lo sviluppo tecnologico. “Il riassorbimento dei deficit è stato ottenuto con tagli lineari sulle principali voci di spesa (farmaceutica e personale)” si legge nella Relazione “ma altri risparmi, ottenibili aumentando l’efficienza, se non reinvestiti in ambiti come l’assistenza territoriale e domiciliare o nella tecnologia, potrebbero rendere problematico il mantenimento dell’attuale assetto dei Livelli essenziali di assistenza”. Le Regioni che più rischierebbero di far emergere deficit assistenziali, nel medio periodo, sono quelle meridionali.

Un altro dato che emerge dall’indagine della Corte è che se c’è qualcosa su cui gli italiani non badano a spese, sono i farmaci: dal 2009 al 2013, a fronte di un aumento del numero di ricette del 6,3%, la spesa dei cittadini per ticket e compartecipazione al prezzo di riferimento dei farmaci è aumentata del 66,6%. Solo nel 2013, dalle tasche degli italiani sono usciti 1.436 milioni di euro solo per i prodotti farmaceutici.

La Corte dei Conti sottolinea inoltre come nel triennio 2011 – 2013 sul sistema sanitario si siano concentrate le principali manovre di correzione e, nel 2014, una larga fetta di spesa della P.A. (il 30%). La revisione dei costi sulla Sanità dovrà necessariamente contemplare degli investimenti di risorse nei servizi insufficienti. Sul punto, è fiducioso il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo: “Il lavoro tecnico che Age.Na.S., Regioni e Ministero stanno portando avanti è a buon punto, e sarà a breve sottoposto ad una valutazione istituzionale e politica che verrà presto resa nota dal ministro Lorenzin”.

Articoli correlati
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Salute e fattori sociali, il legame c’è ed è stretto. Marmot (UCL): «Crisi economica ha frenato aumento aspettativa vita»
L’intervento dell’autorevole professore di epidemiologia e salute pubblica dell’università londinese al Congresso della Fp Cgil in corso a Perugia: «Le azioni dei governi possono fare la differenza. Ed è necessario partire dall’istruzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...