Salute 27 gennaio 2015

Troppi tagli, altolà della Corte dei Conti: i LEA a rischio

Pesa l’assenza di nuovi investimenti. E a soffrire di più è il Sud Italia

Immagine articolo

C’è preoccupazione per le sorti dei LEA, Livelli essenziali di assistenza, che potrebbero, in un futuro molto vicino, essere messi a rischio dai tagli effettuati in Sanità e dall’assenza di nuovi investimenti.

A dare l’allarme è la Relazione – ad opera della Corte dei Conti – sulla gestione finanziaria per il 2013 degli enti territoriali. L’analisi della Corte prende in esame principalmente due punti: l’assistenza domiciliare e territoriale, e lo sviluppo tecnologico. “Il riassorbimento dei deficit è stato ottenuto con tagli lineari sulle principali voci di spesa (farmaceutica e personale)” si legge nella Relazione “ma altri risparmi, ottenibili aumentando l’efficienza, se non reinvestiti in ambiti come l’assistenza territoriale e domiciliare o nella tecnologia, potrebbero rendere problematico il mantenimento dell’attuale assetto dei Livelli essenziali di assistenza”. Le Regioni che più rischierebbero di far emergere deficit assistenziali, nel medio periodo, sono quelle meridionali.

Un altro dato che emerge dall’indagine della Corte è che se c’è qualcosa su cui gli italiani non badano a spese, sono i farmaci: dal 2009 al 2013, a fronte di un aumento del numero di ricette del 6,3%, la spesa dei cittadini per ticket e compartecipazione al prezzo di riferimento dei farmaci è aumentata del 66,6%. Solo nel 2013, dalle tasche degli italiani sono usciti 1.436 milioni di euro solo per i prodotti farmaceutici.

La Corte dei Conti sottolinea inoltre come nel triennio 2011 – 2013 sul sistema sanitario si siano concentrate le principali manovre di correzione e, nel 2014, una larga fetta di spesa della P.A. (il 30%). La revisione dei costi sulla Sanità dovrà necessariamente contemplare degli investimenti di risorse nei servizi insufficienti. Sul punto, è fiducioso il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo: “Il lavoro tecnico che Age.Na.S., Regioni e Ministero stanno portando avanti è a buon punto, e sarà a breve sottoposto ad una valutazione istituzionale e politica che verrà presto resa nota dal ministro Lorenzin”.

Articoli correlati
Nutrizione e salute, Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa entro il 2050. Così salviamo salute e pianeta
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Integrazione, Foad Aodi (Amsi e Co-mai): «Il 10% dei figli della seconda generazione soffre di crisi di identità»
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) insieme al Movimento internazionale inter professionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, rendono noti i risultati di un proprio studio fatto su un campione di circa 1000 famiglie, composte da coppie miste. La situazione è sempre […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...