Salute 20 Febbraio 2021 11:02

Trial clinici, la storia di Daniele: paure e speranze di chi mette la propria vita nelle mani della ricerca

Daniele ha 14 anni. Ha ricevuto la diagnosi definitiva di distrofia muscolare di Duchenne quando ne aveva soltanto uno. Ha dovuto compierne dieci per avere la possibilità di partecipare ad un trial clinico. A Sanità Informazione, il racconto di papà Fabio: «Un trial non è la soluzione, ma un’opportunità a cui non ci si può sottrarre»

di Isabella Faggiano

Vivere sapendo che la malattia del proprio figlio è rara tra le rare e che, per questo, non ci sono possibilità né di cura, né di trattamento. Trascorrere le proprie giornate sperando che i progressi della scienza vadano più veloci dell’infanzia di un bambino. È così che Fabio, padre di Daniele affetto dalla distrofia muscolare di Duchenne, ha passato dieci anni della sua vita. Poi, quattro anni fa è arrivata la notizia tanto attesa: Daniele ha la possibilità di partecipare ad un trial clinico. Anzi, i suoi genitori devono scegliere tra due proposte giunte contemporaneamente. «Si è accesa una luce di speranza – racconta papà Fabio, genitore e responsabile Patients advocacy di Parent Project Aps -. Fino a quel momento non avevamo che potuto osservare la malattia progredire, senza la possibilità di curarla o quanto meno di rallentarne l’evoluzione».

Il trial è una prova, non la soluzione

Ma anche scegliere di far partecipare il proprio figlio ad un trial clinico non è una decisione semplice. «Il trial clinico è una prova – dice Fabio -. Non è detto che funzioni, né che gli effetti collaterali siano tollerabili». Ma rinunciare a priori avrebbe immediatamente spento quella luce di speranza che aveva appena illuminato la famiglia di Daniele. «Dopo un bilancio tra i possibili benefici e tutte le difficoltà che, inevitabilmente, avremmo dovuto affrontare abbiamo scelto il trial clinico che ci sembrava più appropriato per nostro figlio e che prevedesse una terapia dalla somministrazione domiciliare. Anche Daniele è stato coinvolto direttamente nella scelta: ha ricevuto la sua diagnosi ad un anno di vita ed è ormai abituato a comprendere i discorsi che ruotano attorno alla sua malattia», sottolinea il padre.

Una vita in salita rende più forti

Era all’asilo quando ha cominciato a cercare le sue prime risposte, quelle motivazioni che potessero chiarire la sua “diversità”: «Papà, perché corro più piano degli altri, perché i miei muscoli fanno i capricci, perché le mie gambe si stancano e perché cado così spesso?», chiedeva Daniele già nei suoi primi anni di vita. «Abbiamo sempre cercato di fornirgli delle spiegazioni adeguate alla sua età», racconta papà Fabio. Intanto la vita di Daniele è andata avanti, costellata di controlli medici periodici e terapie riabilitative. «Daniele è uno studente modello, ama il teatro ed ha imparato a focalizzarsi sulle sue abilità, piuttosto che lamentarsi delle sue disabilità. È un fratello maggiore eccezionale, capace di usare il pungo duro più di me con i fratellini di 4 e 7 anni – racconta papà Fabio -. È diventato un ragazzo responsabile e paziente, tanto che, durante l’ultima visita di controllo prevista dal trial clinico, ha risposto lui stesso, in piena autonomia, alla proposta del medico di partecipare a due studi osservazionali. Solo dopo aver accettato, ha guardato verso di me, cercando la mia approvazione».

Partecipare ad un trial clinico per il benessere della comunità

Daniele, accettando di partecipare anche a studi che non gli porteranno un diretto beneficio, ha dimostrato di comprendere il grande valore della ricerca scientifica. «Partecipare ad un trial clinico è un’opportunità, non di certo una soluzione. Ma anche da un fallimento la ricerca può trovare una nuova strada più efficace su cui avanzare. Quindi – sottolinea Fabio – decidere di prenderne parte significa contribuire al benessere della comunità, non soltanto a quello individuale. Ma chi prende questa decisione, poi – avverte papà Fabio – deve avere il coraggio di portarla fino in fondo, non facendosi né logorare da false speranze, né da visioni pessimistiche. Ci vuole realismo, insomma».

Ed è proprio per guidare tutti i genitori verso una scelta consapevole che, oggi, durante la terza giornata della 18ma edizione della Conferenza internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker, organizzata da Parent Project, è stata presentata una video animazione sul tema dei trial clinici vissuti dal punto di vista della famiglia.

«Tornando indietro lo rifarei»

Oggi nonostante tutte le difficoltà affrontate, tornando indietro, Fabio farebbe la stessa scelta: «La malattia di Daniele sembra avere una progressione più lenta: riesce ancora a camminare con le sue gambe, anche se per andare a scuola o per percorrere lunghi tratti ha bisogno della carrozzina. È lui a decidere, in piena autonomia, come muoversi, valutando la sua condizione». Pur restando con i piedi per terra, Fabio confessa la sua paura più grande: «Se il trial clinico dovesse mostrare l’efficacia di questo farmaco non potrei sopportare, dopo tutti questi sacrifici, che non si proceda alla sua approvazione per motivazioni esclusivamente economiche. Sarebbe una enorme delusione».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caregiver, FISH e FAND incontrano ministra Erika Stefani: «Presto tavolo tecnico per sbloccare Ddl fermo in Senato»
«Occorre agire oltre che a livello economico, soprattutto a livello previdenziale ed assistenziale, in modo da garantire ai caregiver, di accedere ad un percorso pensionistico agevolato» sottolineano i presidenti Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano
“Sirio e i tetrabondi”, il racconto social di un percorso rivoluzionario verso l’autonomia e la felicità
Sirio è un bambino di 7 anni tetraplegico. La sua mamma, Valentina, da due anni ha deciso di condividere la quotidianità della sua famiglia, sconvolta da una disabilità gravissima, sui social con un racconto ironico e provocatorio. Ora sogna di istituire una Fondazione
di Isabella Faggiano
Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening
L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»
Vaccini, revisione del ‘Dopo di noi’, lavoro e Osservatorio: così la ministra Stefani rilancerà le politiche sulla disabilità
In audizione in Commissione Affari Sociali, Stefani ha sottolineato: «Favoriremo un approccio alle disabilità centrato sul progetto individuale della persona». Tanti progetti importanti anche nel Recovery Plan: «Obiettivo è rafforzare le infrastrutture sociali per migliorare la qualità della vita e aumentare l’autonomia». Poi l’annuncio: «A breve le prime Disability Card»
Disabilità, associazioni e professionisti sanitari a confronto. Perciballi (FNO TSRM PSTRP): «Persona sia al centro di patto reciproco di sostegno»
L’avvocato Laila Perciballi, Referente per la FNO TSRM PSTRP per i rapporti con la cittadinanza, ha moderato l’incontro con le associazioni delle famiglie con persone con disabilità organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Roma e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...