Salute 21 Luglio 2015 17:42

«Tra fiction e realtà formazione scientifica per oltre 250 milioni di operatori sanitari»

Dietro le quinte del progetto “e-bola” con l’ideatore e produttore, Massimo Tortorella: «Un vero prodotto cinematografico, un nuovo modo di fare formazione e informazione»

«Tra fiction e realtà formazione scientifica per oltre 250 milioni di operatori sanitari»

Una delle “lezioni” di “e-bola” è anche che a volte, per realizzare un prodotto realmente innovativo, c’è bisogno di credere nella forza delle proprie idee.


Così la pensa Massimo Tortorella, CEO di Consulcesi Group, ideatore e produttore di questo grande progetto.

«Per concretizzare tutto ciò ci siamo avvalsi di un’azienda interna al Gruppo, la Falcon Production, inglese e operativa a Los Angeles.  I nostri prodotti hanno qualità cinematografica a tutti gli effetti e saranno, infatti, presentati a vari Festival internazionali del settore, ma la loro esclusività sta proprio nella particolare attenzione riservata alla parte scientifica. Lo sceneggiatore e il regista hanno lavorato fianco a fianco con un formatore scientifico, un ricercatore dell’Università “Sapienza” di Roma, che ha seguito ogni parte del girato. Altra grande novità è che gli stessi attori sono protagonisti anche delle pillole formative, la parte del film di approfondimento riservata agli operatori sanitari».

Un progetto che sin dall’inizio non ha conosciuto barriere geografiche.
«Il progetto coinvolge i professionisti a livello globale – spiega Tortorella – : parliamo di ben 250 milioni di operatori sanitari, in tutto il mondo, che avranno finalmente la possibilità di formarsi con un prodotto formativo di eccellenza e unico per tutti. La medicina è sovranazionale e sorpassa i confini, ma è anche vero che l’accesso alle cure e ai trattamenti medici non è uguale in tutti i Paesi. In risposta a questo squilibrio di risorse e competenze ci sono coraggiosissimi operatori sanitari, medici e infermieri specializzati, che hanno scelto di andare a prestare servizio in prima linea. Attraverso lo strumento della comunicazione “social”, dello streaming web e delle sale cinematografiche, vogliamo dare al pubblico la possibilità di conoscere il loro operato».

E Tortorella non dimentica di citare anche chi ha reso materialmente possibile la realizzazione di questo film. Un progetto che, per essere avviato, necessitava anche di grande coraggio.
«Christian Marazziti ed io siamo amici da tanti anni.  E’ un bravo attore, un bravissimo regista, ma soprattutto era l’unico su cui sapevo di poter contare perché si buttasse in questa idea un po’ folle. Si tratta di un film girato e mandato in produzione in tempi record, solo un mese e mezzo». Tempi strettissimi ma d’obbligo per realizzare quel requisito di assoluta attualità che doveva, fin dall’inizio, caratterizzare il film. «Finora, di questo tema si era parlato in termini di attualità solo nei documentari.  Questo è il primo film veramente attuale su questa pandemia che purtroppo non è ancora finita. Il film inoltre, si ispira ad una storia vera: quella di Fabrizio Pulvirenti, primo paziente di Ebola in Italia, e che ha tra l’altro collaborato attivamente alla realizzazione del film».

Articoli correlati
HIV: via a studio su prima “pellicola” vaginale mensile per prevenire i contagi nelle donne
Un nuovo studio, condotto negli Stati Uniti e in Africa Subsahariana, mira a testare la fattibilità e l'accettabilità di un film vaginale progettato per sciogliersi gradualmente in 30 giorni, come possibile metodo di prevenzione dell'HIV per le donne
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...