Salute 21 luglio 2015

«Tra fiction e realtà formazione scientifica per oltre 250 milioni di operatori sanitari»

Dietro le quinte del progetto “e-bola” con l’ideatore e produttore, Massimo Tortorella: «Un vero prodotto cinematografico, un nuovo modo di fare formazione e informazione»

Immagine articolo

Una delle “lezioni” di “e-bola” è anche che a volte, per realizzare un prodotto realmente innovativo, c’è bisogno di credere nella forza delle proprie idee.


Così la pensa Massimo Tortorella, CEO di Consulcesi Group, ideatore e produttore di questo grande progetto.

«Per concretizzare tutto ciò ci siamo avvalsi di un’azienda interna al Gruppo, la Falcon Production, inglese e operativa a Los Angeles.  I nostri prodotti hanno qualità cinematografica a tutti gli effetti e saranno, infatti, presentati a vari Festival internazionali del settore, ma la loro esclusività sta proprio nella particolare attenzione riservata alla parte scientifica. Lo sceneggiatore e il regista hanno lavorato fianco a fianco con un formatore scientifico, un ricercatore dell’Università “Sapienza” di Roma, che ha seguito ogni parte del girato. Altra grande novità è che gli stessi attori sono protagonisti anche delle pillole formative, la parte del film di approfondimento riservata agli operatori sanitari».

Un progetto che sin dall’inizio non ha conosciuto barriere geografiche.
«Il progetto coinvolge i professionisti a livello globale – spiega Tortorella – : parliamo di ben 250 milioni di operatori sanitari, in tutto il mondo, che avranno finalmente la possibilità di formarsi con un prodotto formativo di eccellenza e unico per tutti. La medicina è sovranazionale e sorpassa i confini, ma è anche vero che l’accesso alle cure e ai trattamenti medici non è uguale in tutti i Paesi. In risposta a questo squilibrio di risorse e competenze ci sono coraggiosissimi operatori sanitari, medici e infermieri specializzati, che hanno scelto di andare a prestare servizio in prima linea. Attraverso lo strumento della comunicazione “social”, dello streaming web e delle sale cinematografiche, vogliamo dare al pubblico la possibilità di conoscere il loro operato».

E Tortorella non dimentica di citare anche chi ha reso materialmente possibile la realizzazione di questo film. Un progetto che, per essere avviato, necessitava anche di grande coraggio.
«Christian Marazziti ed io siamo amici da tanti anni.  E’ un bravo attore, un bravissimo regista, ma soprattutto era l’unico su cui sapevo di poter contare perché si buttasse in questa idea un po’ folle. Si tratta di un film girato e mandato in produzione in tempi record, solo un mese e mezzo». Tempi strettissimi ma d’obbligo per realizzare quel requisito di assoluta attualità che doveva, fin dall’inizio, caratterizzare il film. «Finora, di questo tema si era parlato in termini di attualità solo nei documentari.  Questo è il primo film veramente attuale su questa pandemia che purtroppo non è ancora finita. Il film inoltre, si ispira ad una storia vera: quella di Fabrizio Pulvirenti, primo paziente di Ebola in Italia, e che ha tra l’altro collaborato attivamente alla realizzazione del film».

Articoli correlati
Dal sonno all’attività fisica, ecco i consigli per il rientro a scuola
Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
“Ci Leggiamo al Gemelli”, Catena Fiorello apre la rassegna letteraria per i pazienti dell’ospedale
Giovedì 22 marzo la nota scrittrice e autrice televisiva Catena Fiorello darà avvio alla serie di incontri letterari mensili di letteratura nella Hall del Policlinico Gemelli di Roma. L’idea è nata dalla collaborazione tra la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli e la scrittrice, autrice e conduttrice televisiva e prevede un ciclo di incontri con scrittori e […]
Progetto Tris, la scuola arriva a casa di chi non può frequentare grazie a Fondazione Tim
La tecnologia per l’inclusione socio educativa e per garantire lo studio a chi non può frequentare le lezioni in classe per motivi di salute. È  questo l’obiettivo del progetto TRIS giunto alla sua seconda fase e realizzato da Fondazione TIM in collaborazione con CNR – Istituto delle Tecnologie Didattiche e ANP – associazione nazionale dei dirigenti […]
“Milan Cardiology”, al San Raffaele di Milano la IV edizione del Convegno
La quarta edizione del Convegno “Milan Cardiology” si terrà presso il Centro Congressi San Raffaele di Milano dal 15 al 17 Febbraio. L’evento, organizzato dal Prof. Paolo Camici, Ordinario di Cardiologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Cardiovascolari, nonché Primario del Centro per le Malattie del Miocardio dell’Ospedale San Raffaele affronterà argomenti di attualità e validità scientifica, contando sulla presenza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila