Salute 10 maggio 2017

Totti e Cabrini premiano Nazionale Paralimpica calcio. Lotti (Min. Sport): «Abbattere barriere»

Il capitano della Roma, Francesco Totti, e l’ex giocatore juventino, Antonio Cabrini, premiano la Nazionale Italiana di calcio a 5 della Federazione italiana sport paralimpici alla presenza del Ministro dello Sport, Luca Lotti

«Un orgoglio non solo per lo sport italiano ma per tutto il Paese». Con queste parole il Ministro dello Sport, Luca Lotti, ha salutato questa mattina i campioni della Nazionale Italiana di calcio a 5 della Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo relazionali (Fisdir). Per la prima volta la federazione ha vinto lo scorso 13 aprile il Campionato del Mondo FIFDS in Portogallo, grazie alla vittoria in finale per 4-1 contro i padroni di casa.

Alla cerimonia di premiazione presso la sala monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma, hanno preso parte oltre al ministro dello Sport, Luca Lotti, anche il presidente del Comitato Paralimpico Italiano, Luca Pancalli, il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, il Presidente della Fisdir, Marco Borzacchini, e il giornalista sportivo Riccardo Cucchi. Grande sorpresa e stupore per i neo campioni del mondo di calcio a 5, con disabilità intellettiva e relazionale, quando il ministro ha chiamato a premiarli due campioni del mondo di calcio, come il capitano della Roma, Francesco Totti, e una bandiera della Juventus, Antonio Cabrini.

«La vostra esperienza dimostra che quando si gioca a calcio siamo tutti uguali – ha detto Lotti – ma io rimango scarso, mentre voi siete dei campioni del mondo ed è un onore riconoscere il grande risultato da voi ottenuto grazie a un lavoro di squadra. Oggi è un giorno di festa per l’Italia e per lo sport italiano, che vi festeggia e vi ringrazia» ha sottolineato il ministro. «Questi atleti hanno fatto qualcosa di piu’ di vincere un campionato del mondo ma hanno colorato una pagina di cronaca sportiva – ha spiegato Pancalli- vincendo una medaglia raggiunta con la passione, l’amore e la gioia e i loro sorrisi che rimarranno nella storia del Paese».

Articoli correlati
Policlinico Campus Bio-Medico, partiti i lavori del Dipartimento di Emergenza e Accettazione
E’ stato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a dare avvio ai lavori per la realizzazione del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico dando per primo una picconata a una simbolica parete. Il nuovissimo Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I livello amplierà la rete dell’emergenza nel quadrante sud ovest di Roma completando l’offerta assistenziale del Policlinico […]
Fondazione Sacra Famiglia presenta la nuova “Stanza delle farfalle”: uno spazio multisensoriale per bambini con disabilità
Colori, suoni e profumi avvolgono chi vi entra. Si chiama “Stanza delle farfalle” la nuova Snoezelen Room realizzata nell’unità Santa Maria Bambina di Fondazione Sacra Famiglia. Un ulteriore passo avanti per stimolare i bambini con pluridisabilità e deficit importanti che possono così contare su uno spazio dedicato di altissima qualità. In questa nuova stanza multisensoriale, […]
Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»
Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»
di Isabella Faggiano
Salute, tra gli “Sport Ambassadors” Zentiva Italia anche Domenico Criscito
Sulla scia dell’importanza dello sport come alleato della salute, Domenico Criscito, difensore della Nazionale Italiana e capitano del Genoa CFC,  prende parte al Team Zentiva Italia come “Sport Ambassadors” di cui fa già parte Michela Moioli, primo Oro Olimpico Italiano e campionessa del mondo di Snowboard Cross. Domenico Criscito, classe 1986, ha esordito in serie A nel Genoa […]
“Uno Sguardo Raro”, il festival di cinema sulle malattie rare che agita le coscienze e regala emozioni
800 opere da 83 paesi del mondo che raccontano com’è vivere con una malattia rara o una disabilità. La quarta edizione del Festival vuole regalare al pubblico sensazioni intense trasformando l’invisibilità dei malati rari in visibilità, per far riflettere sull'importanza della comprensione, dell'inclusione e della gentilezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...