Politica 10 Aprile 2017

Ticket, Saitta (Conf. Regioni): «Ripensarne il significato, proposte entro l’estate»

Il Ministro della Salute insieme alla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, guidata dal coordinatore Antonio Saitta, riaprono il Tavolo per la revisione del sistema di compartecipazione alla spesa sanitaria. Il primo incontro effettivo è previsto per il 19 aprile

«Con il Ministro ci siamo dati una scadenza: istituiremo, immediatamente dopo Pasqua, un gruppo di lavoro dove ci siano rappresentanti del Ministero della Salute, del Ministero dell’Economia, delle Regioni, di Agenas e anche dei tecnici per affrontare il tema dei ticket». Così il Coordinatore degli Assessori Regionali alla Sanità, Antonio Saitta, al termine del primo incontro a Roma tra il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e le Regioni per discutere sulla revisione del sistema dei ticket sanitari.

L’incontro si e’ svolto presso il Dicastero di via Lungotevere Ripa 1. «Abbiamo concordato di dare attuazione al Patto della salute – ha proseguito Saitta – che era stato firmato nel luglio 2014, in particolare ad un articolo dove il governo e le Regioni si erano assunti l’impegno di rivedere il sistema della compartecipazione per evitare in modo particolare che il sistema dei ticket costituisse una soglia e un vincolo per fruire dei servizi».

Il tema dei ticket sanitari è affrontato in maniera diversa da Regione a Regione, per questo secondo Saitta «è chiaro che abbiamo come obiettivo di omogeneizzarlo e capire quali sono gli effetti. Bisogna ritornare a capire qual è il significato del ticket – ha sottolineato – per capire se è un problema di compartecipazione della spesa, di ridurre l’inappropriatezza dell’uso dei farmaci, di tenere conto, come è giusto, di quelli che hanno più bisogno. Quindi inizia un lavoro e l’impegno è quello, entro l’estate, di avere una serie di proposte per poter decidere».

Articoli correlati
Infezioni oculari, Aimo: «L’87% degli stafilococchi sono resistenti agli antibiotici»
A Palazzo Giustiniani il convegno organizzato da Aimo e Associazione "G. Dossetti". «Dobbiamo attenerci alle indicazioni fornite dall’OMS - ha sottolineato Stefano Baiocchi di AIMO - e seguire i colleghi europeei che ricorrono sempre più spesso ai disinfettanti. Deve cambiare il nostro approccio alla prevenzione»
Glaucoma seconda causa di cecità al mondo: il ruolo della prevenzione
Se quando camminate fra la gente urtate senza rendervene conto le persone che incrociate oppure iniziate a vedere degli aloni e notare parole mancanti durante la lettura, non date la colpa all’età concludendo che è normale, dopo i 50 anni, avere qualche disturbo visivo. Meglio fare un controllo oculistico per verificare che non ci siano […]
«Commissariamenti mirati, stop blocco assunzioni e revisione ticket». Speranza illustra il programma in Commissione
Davanti alle Commissioni congiunte di Camera e Senato (Affari Sociali e Sanità) il ministro della Salute, Roberto Speranza ha illustrato le linee programmatiche del suo dicastero
Sanità, De Poli (Udc): «Riforma ticket tenga conto ‘fattore famiglia’, Governo intervenga in manovra»
Il senatore Udc commenta le linee programmatiche esposte dal ministri davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità: «Il Governo, se vuole realmente rimuovere le diseguaglianze che impediscono oggi a milioni di italiani di non potersi curare, preveda l'esenzione del ticket, partendo dai nuclei familiari più in difficoltà»
Salute visiva, Stirpe (Fondazione Bietti): «La superficie oculare risente dell’ambiente inquinato»
«Il 30% degli over 70 può sviluppare maculopatie. Possono nascondersi dietro a fattori ambientali o genetici: fumo, stile di vita errato. I danni del fumo e dell’inquinamento sono simili: ma ricercando le cause delle patologie non si puntualizza mai quanto sia importante vivere in un ambiente verde» così Mario Stirpe, Presidente Fondazione Bietti Onlus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...