Salute 10 Aprile 2017 10:11

Ticket, Saitta (Conf. Regioni): «Ripensarne il significato, proposte entro l’estate»

Il Ministro della Salute insieme alla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, guidata dal coordinatore Antonio Saitta, riaprono il Tavolo per la revisione del sistema di compartecipazione alla spesa sanitaria. Il primo incontro effettivo è previsto per il 19 aprile

«Con il Ministro ci siamo dati una scadenza: istituiremo, immediatamente dopo Pasqua, un gruppo di lavoro dove ci siano rappresentanti del Ministero della Salute, del Ministero dell’Economia, delle Regioni, di Agenas e anche dei tecnici per affrontare il tema dei ticket». Così il Coordinatore degli Assessori Regionali alla Sanità, Antonio Saitta, al termine del primo incontro a Roma tra il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e le Regioni per discutere sulla revisione del sistema dei ticket sanitari.

L’incontro si e’ svolto presso il Dicastero di via Lungotevere Ripa 1. «Abbiamo concordato di dare attuazione al Patto della salute – ha proseguito Saitta – che era stato firmato nel luglio 2014, in particolare ad un articolo dove il governo e le Regioni si erano assunti l’impegno di rivedere il sistema della compartecipazione per evitare in modo particolare che il sistema dei ticket costituisse una soglia e un vincolo per fruire dei servizi».

Il tema dei ticket sanitari è affrontato in maniera diversa da Regione a Regione, per questo secondo Saitta «è chiaro che abbiamo come obiettivo di omogeneizzarlo e capire quali sono gli effetti. Bisogna ritornare a capire qual è il significato del ticket – ha sottolineato – per capire se è un problema di compartecipazione della spesa, di ridurre l’inappropriatezza dell’uso dei farmaci, di tenere conto, come è giusto, di quelli che hanno più bisogno. Quindi inizia un lavoro e l’impegno è quello, entro l’estate, di avere una serie di proposte per poter decidere».

Articoli correlati
Computer vision syndrome, a rischio anche bambini e adolescenti
L’ortottista: «Controllo ortottico e visita oculistica sono consigliati entro il primo anno di vita. Le attività di screening non possono sostituire gli esami completi della vista. In Italia, medico oculista e ortottista assistente in oftalmologia sono le uniche due figure sanitarie riconosciute a svolgere attività in campo oftalmologico»
di Isabella Faggiano
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla
Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni
di Federica Bosco
Che cos’è “Ci vediamo a scuola”, il progetto di educazione visiva degli Istituti Maugeri
L'optometrista: «Tra qualche anno potremmo vedere l'effetto della DAD sulla vista degli studenti»
di Federica Bosco
Salute visiva pre e post natale: la campagna di IAPB Italia #Proteggilasuavista
L’iniziativa prevede la distribuzione di materiale informativo in 450 punti nascita in tutta Italia  e la diffusione di un video su web, social e tv
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...