Salute 23 Ottobre 2018 12:43

“The Fire Within”, Claudio Liguori vince premio per studio su apnee ostruttive notturne. D’Angelo (OMCeO Salerno): «Così sosteniamo i giovani»

«Questo premio – sottolinea il Presidente dell’Ordine salernitano – lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno sostenuto». Le borse di studio sono sostenute anche da Consulcesi

È Claudio Liguori il giovane ricercatore salernitano vincitore del primo premio per attività di ricerca nel settore delle scienze biomediche, indetto dall’OMCeO di Salerno e presentato nel corso del simposio internazionale “The Fire Within”, che ha avuto luogo nell’ambito della XIX edizione delle Giornate della scuola medica salernitana. La borsa di studio, dal valore di 20mila euro, è finalizzata alla realizzazione di un progetto di ricerca che dovrà presentare i suoi primi risultati in non più di un anno, ovvero entro la XX edizione dell’appuntamento salernitano. Il premio è stato finanziato dall’Ordine dei Medici di Salerno e da Consulcesi.

«Ho presentato all’OMCeO un progetto che riguarda la sindrome delle apnee ostruttive notturne – ha dichiarato il 32enne specialista in neurologia nel Policlinico di Tor Vergata, a Roma, ed esperto in medicina del sonno –  in cui analizzo gli effetti di questa patologia su diversi aspetti della vita quotidiana, come le abilità cognitive, l’autostima, il regime alimentare dietetico e l’infiammazione sistemica misurata con analisi del sangue. L’idea è quella di valutare l’effetto della terapia ventilatoria dei pazienti su questi biomarcatori, al fine di andare ad evidenziare come il trattamento di questo disturbo possa preservare o migliorare molti aspetti della loro vita quotidiana. Sono molto emozionato per aver ricevuto questo premio – conclude Liguori – e ringrazio, oltre all’Ordine di Salerno, anche Consulcesi che si è impegnata a premiare noi giovani che meritiamo gratificazioni che, come questa, ci permettono di continuare la nostra ricerca e ci danno la spinta per andare avanti in un percorso di studio difficile come quello degli studi delle scienze biomediche».

«Sono una neurologa ricercatrice presso l’Università Federico II di Napoli – si presenta invece Lucia Ruggiero, finalista del premio insieme al collega Rocky Strollo – e mi occupo, nello specifico, di malattie neuromuscolari. Il mio progetto di ricerca riguarda il trattamento dell’infiammazione con Deflazacort nei pazienti affetti da distrofia facio-scapolo-omerale di tipo 1. L’idea è quella di andare a valutare come il trattamento cortisonico possa ridurre il processo infiammatorio e quindi la degenerazione muscolare, sia su dati di biopsia muscolare che di risonanza magnetica. Ovviamente – continua Ruggiero – il mio settore è un po’ di nicchia, nel senso che le malattie e le distrofie muscolari sono patologie rare, quindi non è sempre facile riuscire a trovare finanziamenti. Per questo ringrazio gli organizzatori e Consulcesi per il supporto alla nostra attività di ricerca».

«Quello di oggi – spiega infine ai nostri microfoni il presidente dell’OMCeO di Salerno, Giovanni d’Angelo – è stato un grandissimo convegno che, a parte il respiro internazionale e i contenuti molto avanzati e di grandissimo valore, è riuscito a mettere in campo delle motivazioni, delle argomentazioni che, al giorno d’oggi, risultano particolarmente importanti. Parlare di infiammazione significa trattare un problema che diventerà con il tempo sempre più centrale, in quanto si tratta di una problematica di base nello sviluppo di tantissime malattie di organi differenti. Si è parlato di cervello, cuore, cancro, diabete, ma si può parlare di infiammazione per tantissime altre patologie. Ad esempio, proprio oggi abbiamo visto come l’infiammazione può essere alla base anche di altre patologie, come quella delle apnee ostruttive del sonno che è stato l’argomento premiato questa sera con la borsa di studio di 20mila euro. E proprio per la borsa di studio – continua d’Angelo – dobbiamo ringraziare Consulcesi perché una delle borse di studio di 3mila euro, date al valore curriculare dei tre candidati ammessi alla fase finale del concorso, è stata finanziata proprio dall’impegno e dalla generosità che questa realtà ha avuto nei riguardi di un Ordine con cui collabora ormai da diversi anni. Chiaramente siamo grati anche per il supporto che Consulcesi ci dà da tempo nel campo giuridico e in altri settori, come quello della formazione dei nostri giovani. Questo contributo lo restituiamo ai nostri giovani colleghi perché oggi il vero problema è proprio quello di sostenere la parte “giovane” della medicina, che altrimenti avrebbe grosse difficoltà sia a livello economico che nell’esprimersi al meglio nel territorio di loro provenienza. Questo premio lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire, anche solo moralmente, la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno fatto affinché raggiungessero il traguardo della laurea in Medicina».

Articoli correlati
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
Per i medici è “Blue Monday” tutti i giorni: camici bianchi a rischio burnout
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo delle forze. A rischio qualità cure e assistenza». Consulcesi lancia collana di corsi per gestire stress e burnout
Vertenza medici ex specializzandi: emendamenti e ODG in Legge di Bilancio
Nel caso venga posta la fiducia, in Aula si chiederà la trasformazione del testo in un Ordine del Giorno arrivando dunque ad un impegno formale del Governo sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio, sono 112.116.627 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.485.601 i decessi. Ad oggi, oltre 212,15 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...