Salute 23 Ottobre 2018

“The Fire Within”, Claudio Liguori vince premio per studio su apnee ostruttive notturne. D’Angelo (OMCeO Salerno): «Così sosteniamo i giovani»

«Questo premio – sottolinea il Presidente dell’Ordine salernitano – lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno sostenuto». Le borse di studio sono sostenute anche da Consulcesi

È Claudio Liguori il giovane ricercatore salernitano vincitore del primo premio per attività di ricerca nel settore delle scienze biomediche, indetto dall’OMCeO di Salerno e presentato nel corso del simposio internazionale “The Fire Within”, che ha avuto luogo nell’ambito della XIX edizione delle Giornate della scuola medica salernitana. La borsa di studio, dal valore di 20mila euro, è finalizzata alla realizzazione di un progetto di ricerca che dovrà presentare i suoi primi risultati in non più di un anno, ovvero entro la XX edizione dell’appuntamento salernitano. Il premio è stato finanziato dall’Ordine dei Medici di Salerno e da Consulcesi.

«Ho presentato all’OMCeO un progetto che riguarda la sindrome delle apnee ostruttive notturne – ha dichiarato il 32enne specialista in neurologia nel Policlinico di Tor Vergata, a Roma, ed esperto in medicina del sonno –  in cui analizzo gli effetti di questa patologia su diversi aspetti della vita quotidiana, come le abilità cognitive, l’autostima, il regime alimentare dietetico e l’infiammazione sistemica misurata con analisi del sangue. L’idea è quella di valutare l’effetto della terapia ventilatoria dei pazienti su questi biomarcatori, al fine di andare ad evidenziare come il trattamento di questo disturbo possa preservare o migliorare molti aspetti della loro vita quotidiana. Sono molto emozionato per aver ricevuto questo premio – conclude Liguori – e ringrazio, oltre all’Ordine di Salerno, anche Consulcesi che si è impegnata a premiare noi giovani che meritiamo gratificazioni che, come questa, ci permettono di continuare la nostra ricerca e ci danno la spinta per andare avanti in un percorso di studio difficile come quello degli studi delle scienze biomediche».

«Sono una neurologa ricercatrice presso l’Università Federico II di Napoli – si presenta invece Lucia Ruggiero, finalista del premio insieme al collega Rocky Strollo – e mi occupo, nello specifico, di malattie neuromuscolari. Il mio progetto di ricerca riguarda il trattamento dell’infiammazione con Deflazacort nei pazienti affetti da distrofia facio-scapolo-omerale di tipo 1. L’idea è quella di andare a valutare come il trattamento cortisonico possa ridurre il processo infiammatorio e quindi la degenerazione muscolare, sia su dati di biopsia muscolare che di risonanza magnetica. Ovviamente – continua Ruggiero – il mio settore è un po’ di nicchia, nel senso che le malattie e le distrofie muscolari sono patologie rare, quindi non è sempre facile riuscire a trovare finanziamenti. Per questo ringrazio gli organizzatori e Consulcesi per il supporto alla nostra attività di ricerca».

«Quello di oggi – spiega infine ai nostri microfoni il presidente dell’OMCeO di Salerno, Giovanni d’Angelo – è stato un grandissimo convegno che, a parte il respiro internazionale e i contenuti molto avanzati e di grandissimo valore, è riuscito a mettere in campo delle motivazioni, delle argomentazioni che, al giorno d’oggi, risultano particolarmente importanti. Parlare di infiammazione significa trattare un problema che diventerà con il tempo sempre più centrale, in quanto si tratta di una problematica di base nello sviluppo di tantissime malattie di organi differenti. Si è parlato di cervello, cuore, cancro, diabete, ma si può parlare di infiammazione per tantissime altre patologie. Ad esempio, proprio oggi abbiamo visto come l’infiammazione può essere alla base anche di altre patologie, come quella delle apnee ostruttive del sonno che è stato l’argomento premiato questa sera con la borsa di studio di 20mila euro. E proprio per la borsa di studio – continua d’Angelo – dobbiamo ringraziare Consulcesi perché una delle borse di studio di 3mila euro, date al valore curriculare dei tre candidati ammessi alla fase finale del concorso, è stata finanziata proprio dall’impegno e dalla generosità che questa realtà ha avuto nei riguardi di un Ordine con cui collabora ormai da diversi anni. Chiaramente siamo grati anche per il supporto che Consulcesi ci dà da tempo nel campo giuridico e in altri settori, come quello della formazione dei nostri giovani. Questo contributo lo restituiamo ai nostri giovani colleghi perché oggi il vero problema è proprio quello di sostenere la parte “giovane” della medicina, che altrimenti avrebbe grosse difficoltà sia a livello economico che nell’esprimersi al meglio nel territorio di loro provenienza. Questo premio lo diamo con la speranza che chi lo vince ritorni quanto prima nel suo territorio per restituire, anche solo moralmente, la parte di sacrifici che la comunità e la loro famiglia hanno fatto affinché raggiungessero il traguardo della laurea in Medicina».

Articoli correlati
Ludopatia: oltre 1,3 milioni di malati, solo 12 mila in cura. Ecco cosa possono fare i medici per guarire i giocatori
Consulcesi Club e il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta specializzato nel trattamento delle tossicodipendenze e delle nuove dipendenze, lanciano il corso ECM FAD “Ludopatia: strategie ed interventi per il trattamento”
«Basta attacchi ignobili, ora partono gli esposti». Consulcesi contro guida alla denuncia dei medici
Il Presidente Massimo Tortorella all’attacco: «Non più tollerabile che studi legali e avvocati senza scrupoli con il supporto dei media alimentino le tensioni medico-paziente. Subito l’Arbitrato della Salute»
Formazione ECM, Consulcesi: «Solo pochi in regola, rischio danno per tutta la categoria»
Dopo la presa di posizione dell’associazione CODICI che punta il dito sul mancato aggiornamento professionale dei medici, interviene il Presidente del network legale Massimo Tortorella: «Emblematico che si arrivi a pensarlo, così si mina la credibilità di un’intera categoria votata all’eccellenza. Forte attenzione mediatica dopo il servizio-denuncia di Striscia, gli impegni assunti dal presidente FNOMCeO Anelli sui controlli spazzeranno via dubbi e critiche»
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...