Salute 28 Marzo 2017 11:36

Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»

La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»

Il dibattito politico in Italia si accende sul tema del Testamento Biologico e delle conseguenze legate al “fine vita”, un argomento eticamente molto sensibile e che da anni vede schierate le forze politiche su fronti contrapposti rendendo difficile la ricerca di un punto d’incontro. Tema ancora più sensibile in queste settimane dopo la vicenda di Dj Fabo, il 39enne cieco e tetraplegico, che ha deciso di andare in Svizzera per accedere al suicidio assistito.

In queste settimane il Disegno di Legge è sottoposto al vaglio della Camera. Il testo è consta di 5 articoli ma oggetto di polemica è soprattutto il terzo punto, quello che introduce i ‘Dat’, le ‘Disposizioni anticipate di trattamento’, dunque l’eventualità per un paziente di esprimere la volontà di interrompere la nutrizione e l’idratazione artificiale.

«Questa Legge limita il medico – dichiara Paola Binetti, deputata Udc e Membro Commissione Affari Sociali intervistata in occasione dell’incontro “Luci e ombre del fine vita” all’istituto Sturzo –  che vede ridotto il suo margine di autonomia e si sente condizionato nella possibilità di agire in scienza e coscienza».

«La sospensione delle cure, fatta così, senza alcun distinguo, dell’idratazione e della nutrizione – prosegue Binetti –  sembra indurre il pensiero che, queste pratiche, siano sempre un accanimento terapeutico, oppure che agiscano contro il bene dell’individuo. La nutrizione e l’idratazione rappresentano una garanzia per la salute. Le cure palliative, nel mare del rifiuto, rappresentano un’espressione positiva di chi vuole continuare a vivere, consapevole della sua condizione, ma in ogni caso vuole continuare a vivere. La necessità di tenere conto delle condizioni di stato d’animo dei pazienti, delle loro emozioni e anche delle emozioni negative, rilanciano l’importanza di costruire un nuovo binario per la formazione delle nuove generazioni di medici».

Diversa l’opinione di Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare che si dichiara a favore della Legge sul Testamento Biologico, e definisce il provvedimento «una normativa di mediazione fra forze diverse. Io ritengo che questa Legge – spiega – vada a garantire la libertà di poter regolare, in un futuro non prevedibile, la propria vita in una fase terminale. Io sono per la libertà di coscienza, in coerenza con la mia posizione laica. Reputo addirittura, ma è fuori da questa normativa, che dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia. Noi dobbiamo avere un diritto pieno e reale sulla gestione della nostra esistenza».

Articoli correlati
Salute mentale, lauree abilitanti e tutela delle persone sorde: la settimana in Parlamento
Palazzo Madama esaminerà due importanti decreti in scadenza, quello sulla Ripresa delle attività economiche e quello sul Fondo complementare Piano nazionale ripresa e resilienza. In Commissione Affari Sociali spazio ai Ddl su defibrillatori automatici e semiautomatici, immunodeficienze congenite e budget di salute. A Montecitorio esame del Testo unico sui ricercatori universitari
Laurea abilitante, psicologo delle cure primarie e Dl Riaperture: la settimana in Parlamento
Le Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali, dopo il via libera di Montecitorio, sono attese al Senato. In Commissione Cultura si vota sul Ddl titoli universitari abilitanti. Audizioni di Cozzoli, Cricelli e Sileri in Commissione Sanità
Malattie Rare, On. Bologna: «Ecco cosa prevede il Testo Unico»
Intervista alla prima firmataria del Disegno di legge: «Unificazione di cure e trattamenti a livello nazionale, aggiornamento dei Lea e contributi alla ricerca»
Testo unico per le Malattie Rare, Binetti: «Necessario per eliminare le differenze tra Regioni»
Il Ddl è stato approvato all’unanimità alla Camera e la discussione si sposta al Senato. La Senatrice e Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le Malattie Rare: «Il malato raro ha bisogno non solo di cure ma anche di novità dal punto di vista sociale, economico e organizzativo»
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM