Politica 28 Marzo 2017

Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»

La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»

Il dibattito politico in Italia si accende sul tema del Testamento Biologico e delle conseguenze legate al “fine vita”, un argomento eticamente molto sensibile e che da anni vede schierate le forze politiche su fronti contrapposti rendendo difficile la ricerca di un punto d’incontro. Tema ancora più sensibile in queste settimane dopo la vicenda di Dj Fabo, il 39enne cieco e tetraplegico, che ha deciso di andare in Svizzera per accedere al suicidio assistito.

In queste settimane il Disegno di Legge è sottoposto al vaglio della Camera. Il testo è consta di 5 articoli ma oggetto di polemica è soprattutto il terzo punto, quello che introduce i ‘Dat’, le ‘Disposizioni anticipate di trattamento’, dunque l’eventualità per un paziente di esprimere la volontà di interrompere la nutrizione e l’idratazione artificiale.

«Questa Legge limita il medico – dichiara Paola Binetti, deputata Udc e Membro Commissione Affari Sociali intervistata in occasione dell’incontro “Luci e ombre del fine vita” all’istituto Sturzo –  che vede ridotto il suo margine di autonomia e si sente condizionato nella possibilità di agire in scienza e coscienza».

«La sospensione delle cure, fatta così, senza alcun distinguo, dell’idratazione e della nutrizione – prosegue Binetti –  sembra indurre il pensiero che, queste pratiche, siano sempre un accanimento terapeutico, oppure che agiscano contro il bene dell’individuo. La nutrizione e l’idratazione rappresentano una garanzia per la salute. Le cure palliative, nel mare del rifiuto, rappresentano un’espressione positiva di chi vuole continuare a vivere, consapevole della sua condizione, ma in ogni caso vuole continuare a vivere. La necessità di tenere conto delle condizioni di stato d’animo dei pazienti, delle loro emozioni e anche delle emozioni negative, rilanciano l’importanza di costruire un nuovo binario per la formazione delle nuove generazioni di medici».

Diversa l’opinione di Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare che si dichiara a favore della Legge sul Testamento Biologico, e definisce il provvedimento «una normativa di mediazione fra forze diverse. Io ritengo che questa Legge – spiega – vada a garantire la libertà di poter regolare, in un futuro non prevedibile, la propria vita in una fase terminale. Io sono per la libertà di coscienza, in coerenza con la mia posizione laica. Reputo addirittura, ma è fuori da questa normativa, che dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia. Noi dobbiamo avere un diritto pieno e reale sulla gestione della nostra esistenza».

Articoli correlati
Cura Italia approvato in Senato: dal Fondo di solidarietà per gli operatori alle unità speciali, tutte le novità
Istituito un fondo di 10 milioni di euro per i familiari degli operatori morti «per effetto diretto o "come concausa" del contagio da COVID-19». Previsto adeguamento retributivo per gli MMG. Bocciata la proposta di incrementare lo stipendio degli operatori e ritirati gli emendamenti relativi allo scudo penale e civile di professionisti e strutture
Mascherine e amuchina, la paura del contagio sbarca a Montecitorio. E c’è chi chiede la chiusura del Parlamento
Il coronavirus tiene banco anche alla Camera. Baldini (FdI) entra in Aula con la mascherina mentre Trizzino (M5S) prova a tranquillizzare: «Non è la peste raccontata da Manzoni». Toccalini (Lega) propone di approvare i decreti per affrontare l’emergenza e sospendere i lavori
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...