Salute 28 Marzo 2017

Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»

La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»

Il dibattito politico in Italia si accende sul tema del Testamento Biologico e delle conseguenze legate al “fine vita”, un argomento eticamente molto sensibile e che da anni vede schierate le forze politiche su fronti contrapposti rendendo difficile la ricerca di un punto d’incontro. Tema ancora più sensibile in queste settimane dopo la vicenda di Dj Fabo, il 39enne cieco e tetraplegico, che ha deciso di andare in Svizzera per accedere al suicidio assistito.

In queste settimane il Disegno di Legge è sottoposto al vaglio della Camera. Il testo è consta di 5 articoli ma oggetto di polemica è soprattutto il terzo punto, quello che introduce i ‘Dat’, le ‘Disposizioni anticipate di trattamento’, dunque l’eventualità per un paziente di esprimere la volontà di interrompere la nutrizione e l’idratazione artificiale.

«Questa Legge limita il medico – dichiara Paola Binetti, deputata Udc e Membro Commissione Affari Sociali intervistata in occasione dell’incontro “Luci e ombre del fine vita” all’istituto Sturzo –  che vede ridotto il suo margine di autonomia e si sente condizionato nella possibilità di agire in scienza e coscienza».

«La sospensione delle cure, fatta così, senza alcun distinguo, dell’idratazione e della nutrizione – prosegue Binetti –  sembra indurre il pensiero che, queste pratiche, siano sempre un accanimento terapeutico, oppure che agiscano contro il bene dell’individuo. La nutrizione e l’idratazione rappresentano una garanzia per la salute. Le cure palliative, nel mare del rifiuto, rappresentano un’espressione positiva di chi vuole continuare a vivere, consapevole della sua condizione, ma in ogni caso vuole continuare a vivere. La necessità di tenere conto delle condizioni di stato d’animo dei pazienti, delle loro emozioni e anche delle emozioni negative, rilanciano l’importanza di costruire un nuovo binario per la formazione delle nuove generazioni di medici».

Diversa l’opinione di Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare che si dichiara a favore della Legge sul Testamento Biologico, e definisce il provvedimento «una normativa di mediazione fra forze diverse. Io ritengo che questa Legge – spiega – vada a garantire la libertà di poter regolare, in un futuro non prevedibile, la propria vita in una fase terminale. Io sono per la libertà di coscienza, in coerenza con la mia posizione laica. Reputo addirittura, ma è fuori da questa normativa, che dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia. Noi dobbiamo avere un diritto pieno e reale sulla gestione della nostra esistenza».

Articoli correlati
«Dalle cure palliative alle cure simultanee, così accompagniamo i pazienti negli ultimi mesi di vita»
Viaggio in un hospice con Priscilla Landucci, medico di cure palliative alla Asl Roma 4, delegato di Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto
Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all'aperto da subito
Eutanasia, Associazione Luca Coscioni: «Proposta di legge ferma da 7 anni. Favorevole il 75% degli italiani»
I membri dell’associazione chiedono che venga messo all’ordine del giorno della Camera una proposta di iniziativa popolare per legalizzare l’eutanasia
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli