Salute 28 Marzo 2017

Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»

La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»

Il dibattito politico in Italia si accende sul tema del Testamento Biologico e delle conseguenze legate al “fine vita”, un argomento eticamente molto sensibile e che da anni vede schierate le forze politiche su fronti contrapposti rendendo difficile la ricerca di un punto d’incontro. Tema ancora più sensibile in queste settimane dopo la vicenda di Dj Fabo, il 39enne cieco e tetraplegico, che ha deciso di andare in Svizzera per accedere al suicidio assistito.

In queste settimane il Disegno di Legge è sottoposto al vaglio della Camera. Il testo è consta di 5 articoli ma oggetto di polemica è soprattutto il terzo punto, quello che introduce i ‘Dat’, le ‘Disposizioni anticipate di trattamento’, dunque l’eventualità per un paziente di esprimere la volontà di interrompere la nutrizione e l’idratazione artificiale.

«Questa Legge limita il medico – dichiara Paola Binetti, deputata Udc e Membro Commissione Affari Sociali intervistata in occasione dell’incontro “Luci e ombre del fine vita” all’istituto Sturzo –  che vede ridotto il suo margine di autonomia e si sente condizionato nella possibilità di agire in scienza e coscienza».

«La sospensione delle cure, fatta così, senza alcun distinguo, dell’idratazione e della nutrizione – prosegue Binetti –  sembra indurre il pensiero che, queste pratiche, siano sempre un accanimento terapeutico, oppure che agiscano contro il bene dell’individuo. La nutrizione e l’idratazione rappresentano una garanzia per la salute. Le cure palliative, nel mare del rifiuto, rappresentano un’espressione positiva di chi vuole continuare a vivere, consapevole della sua condizione, ma in ogni caso vuole continuare a vivere. La necessità di tenere conto delle condizioni di stato d’animo dei pazienti, delle loro emozioni e anche delle emozioni negative, rilanciano l’importanza di costruire un nuovo binario per la formazione delle nuove generazioni di medici».

Diversa l’opinione di Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare che si dichiara a favore della Legge sul Testamento Biologico, e definisce il provvedimento «una normativa di mediazione fra forze diverse. Io ritengo che questa Legge – spiega – vada a garantire la libertà di poter regolare, in un futuro non prevedibile, la propria vita in una fase terminale. Io sono per la libertà di coscienza, in coerenza con la mia posizione laica. Reputo addirittura, ma è fuori da questa normativa, che dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia. Noi dobbiamo avere un diritto pieno e reale sulla gestione della nostra esistenza».

Articoli correlati
Disforia di genere, tritptorelina sicura anche fuori dalle indicazioni. La conferma dell’Aifa
Sandra Petraglia, direttore Ricerca e Sperimentazione Clinica Aifa: «Confermata alla data odierna il profilo beneficio/rischio favorevole emerso già nelle varie fasi precedenti di valutazione»
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»
Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»
di Isabella Faggiano
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
Fine vita, Maurizio Mori (Consulta Bioetica): «Legge sul testamento biologico è buona ma applicazione ancora lontana»
Il Presidente della Consulta di Bioetica annuncia una proposta di legge sull’eutanasia: «Troppi vanno ancora all’estero a molti altri, ahimè, si arrangiano per conto proprio». A 10 anni dalla morte di Eluana Englaro serie di incontri per parlare del tema
Fine vita, 10 anni fa moriva Eluana Englaro. Roberto Fico: «Parlamento ha dovere di legiferare. Ripartire da proposta di legge popolare»
Il Presidente della Camera ha aperto i lavori del convegno dedicato ad Eluana Englaro organizzato dalla Consulta di Bioetica: «Abbiamo il dovere di fornire risposte vere ed alte a persone che hanno attraversato momenti difficili come Beppino Englaro e a quelli che le attraverseranno»