Salute 13 Settembre 2018

Test Medicina, i genitori contestano il numero chiuso: «Sia creato sbarramento durante il corso di studi»

Tanti i genitori degli aspiranti camici bianchi davanti l’Università Federico II di Napoli il giorno della prova. E c’è chi sottolinea: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare non in un test che dura poco più di un’ora»

di Isabella Faggiano

C’è chi si è svegliato ancor prima che il sole sorgesse, chi ha percorso qualche centinaio di chilometri, chi, invece, ha deciso di trascorrere la notte in un albergo vicino per arrivare quanto più riposato possibile. In un modo o nell’altro, alle 8 del mattino erano già tutti lì, in attesa, davanti ai cancelli dell’università Federico II di Napoli. Accanto ai circa 6 mila studenti c’erano altrettanti accompagnatori: amici, parenti e, soprattutto, genitori.

Mamme e papà  che condividono i sogni, le speranze, ma anche le delusioni dei propri ragazzi. «Sono arrabbiato perché mio figlio ha già tentato il test tre volte e non è mai riuscito ad entrare, pur avendo raggiunto punteggi molto buoni». È cosi che Nicola, padre di Pietro, aspirante medico di Aversa, si sfoga ai microfoni di Sanità Informazione.

Dietro ai sacrifici di questi  6 mila giovani ci sono pure le rinunce di molti genitori: «Oggi, come durante tutti i precedenti tentativi, per accompagnare mio figlio – ha raccontato ancora Nicola – ho dovuto rinunciare ad un’intera giornata di lavoro». Giornata che, invece, ha trascorso consumando le suole delle scarpe, percorrendo avanti e indietro il viale antistante alle aule della Federico II.

LEGGI ANCHE: SPECIALE NUMERO CHIUSO

Durante i 100 minuti concessi agli aspiranti medici per dimostrare la loro preparazione ed aggiudicarsi un posto di studente di Medicina e Chirurgia, gli accompagnatori hanno formato una vera schiera, al di là del nastro rosso e bianco che i vigilanti hanno disposto per delimitare la zona accessibile solo a concorrenti e commissari d’esame.

Dalla maggior parte dei visi trapela tensione: c’è chi si rifiuta di parlare “per scaramanzia”, chi cerca distrazione nella lettura di un libro e chi stringendo un rosario tra le mani recita preghiere.

È qui che incontriamo Domenico, papà di Annalisa, intento a discutere con la madre di un altro candidato sulla possibilità di abolire il numero chiuso: «Vorrei scrivere una lettera al  ministro dell’Istruzione per esporre la mia proposta: eliminare il test d’ingresso e creare uno sbarramento durante il percorso di studio. Le porte del primo anno devono essere aperte a tutti, mentre al secondo anno accederanno solo coloro che avranno superato un numero minimo di esami».

Un’idea condivisa anche da Nicola, il papà di Pietro: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare durante il corso di almeno un anno. Le vere capacità di una persona non possono emergere in un test che dura poco più di un’ora».

Tra i genitori c’è anche chi appare più moderato o semplicemente rassegnato al “sistema numero chiuso”. «Il test d’ingresso – ha detto Cinzia, la mamma di una studentessa al suo secondo tentativo – dovrebbe essere una garanzia per la selezione dei più meritevoli. Ma, spesso, le domande sono troppo difficili per ragazzi appena diplomati. Sarei favorevole al numero chiuso – ha aggiunto – solo se questa valutazione diventasse un po’ più morbida».

Per ora Cinzia non vuole parlare d’altro: «Spero solo che questa volta sia quella buona per mia figlia. Studiare Medicina è il sogno più grande della sua vita». E per sapere se quest’anno sarà riuscita a realizzarlo dovrà attendere fino al 2 ottobre, giorno in cui saranno pubblicate le graduatorie nazionali.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Il 12 maggio è la Festa della mamma: l’impegno di IVI per le donne che desiderano la maternità
Il 12 maggio si celebra in Italia la Festa della Mamma. Per molte donne che stanno affrontando le sfide dell’infertilità questa ricorrenza rappresenta molto di più rispetto ad una semplice domenica di primavera. Da circa 30 anni in prima linea nella ricerca scientifica, l’Istituto Valenciano di Infertilità (IVI) rappresenta un punto di riferimento per le […]
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...