Salute 13 settembre 2018

Test Medicina, i genitori contestano il numero chiuso: «Sia creato sbarramento durante il corso di studi»

Tanti i genitori degli aspiranti camici bianchi davanti l’Università Federico II di Napoli il giorno della prova. E c’è chi sottolinea: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare non in un test che dura poco più di un’ora»

di Isabella Faggiano

C’è chi si è svegliato ancor prima che il sole sorgesse, chi ha percorso qualche centinaio di chilometri, chi, invece, ha deciso di trascorrere la notte in un albergo vicino per arrivare quanto più riposato possibile. In un modo o nell’altro, alle 8 del mattino erano già tutti lì, in attesa, davanti ai cancelli dell’università Federico II di Napoli. Accanto ai circa 6 mila studenti c’erano altrettanti accompagnatori: amici, parenti e, soprattutto, genitori.

Mamme e papà  che condividono i sogni, le speranze, ma anche le delusioni dei propri ragazzi. «Sono arrabbiato perché mio figlio ha già tentato il test tre volte e non è mai riuscito ad entrare, pur avendo raggiunto punteggi molto buoni». È cosi che Nicola, padre di Pietro, aspirante medico di Aversa, si sfoga ai microfoni di Sanità Informazione.

Dietro ai sacrifici di questi  6 mila giovani ci sono pure le rinunce di molti genitori: «Oggi, come durante tutti i precedenti tentativi, per accompagnare mio figlio – ha raccontato ancora Nicola – ho dovuto rinunciare ad un’intera giornata di lavoro». Giornata che, invece, ha trascorso consumando le suole delle scarpe, percorrendo avanti e indietro il viale antistante alle aule della Federico II.

LEGGI ANCHE: SPECIALE NUMERO CHIUSO

Durante i 100 minuti concessi agli aspiranti medici per dimostrare la loro preparazione ed aggiudicarsi un posto di studente di Medicina e Chirurgia, gli accompagnatori hanno formato una vera schiera, al di là del nastro rosso e bianco che i vigilanti hanno disposto per delimitare la zona accessibile solo a concorrenti e commissari d’esame.

Dalla maggior parte dei visi trapela tensione: c’è chi si rifiuta di parlare “per scaramanzia”, chi cerca distrazione nella lettura di un libro e chi stringendo un rosario tra le mani recita preghiere.

È qui che incontriamo Domenico, papà di Annalisa, intento a discutere con la madre di un altro candidato sulla possibilità di abolire il numero chiuso: «Vorrei scrivere una lettera al  ministro dell’Istruzione per esporre la mia proposta: eliminare il test d’ingresso e creare uno sbarramento durante il percorso di studio. Le porte del primo anno devono essere aperte a tutti, mentre al secondo anno accederanno solo coloro che avranno superato un numero minimo di esami».

Un’idea condivisa anche da Nicola, il papà di Pietro: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare durante il corso di almeno un anno. Le vere capacità di una persona non possono emergere in un test che dura poco più di un’ora».

Tra i genitori c’è anche chi appare più moderato o semplicemente rassegnato al “sistema numero chiuso”. «Il test d’ingresso – ha detto Cinzia, la mamma di una studentessa al suo secondo tentativo – dovrebbe essere una garanzia per la selezione dei più meritevoli. Ma, spesso, le domande sono troppo difficili per ragazzi appena diplomati. Sarei favorevole al numero chiuso – ha aggiunto – solo se questa valutazione diventasse un po’ più morbida».

Per ora Cinzia non vuole parlare d’altro: «Spero solo che questa volta sia quella buona per mia figlia. Studiare Medicina è il sogno più grande della sua vita». E per sapere se quest’anno sarà riuscita a realizzarlo dovrà attendere fino al 2 ottobre, giorno in cui saranno pubblicate le graduatorie nazionali.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»
«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»
Formazione medici, il progetto Fnomceo: serve unico percorso verso specializzazione. E una programmazione efficace
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bisogna abbattere l’imbuto formativo, quel collo di bottiglia tra il numero di laureati e i posti per la formazione post lauream»
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...