Salute 26 agosto 2016

Terremoto, l’allarme dei cardiologi ESC: «Dopo un sisma aumenta rischio malattie del cuore anche in soggetti sani»

Il punto della situazione nel corso del congresso ESC di Roma. Intervista al professor Leonardo Bolognese direttore del Dipartimento Cardiovascolare e neurologico Azienda Ospedaliera Arezzo: «Studi scientifici condotti in Giappone sul post terremoto segnalano aumento cardiopatie di 5-6 volte»

Con oltre 35mila specialisti provenienti da 140 paesi, Roma in questi giorni è la capitale mondiale della cardiologia grazie al più importante, scientificamente e numericamente, congresso del pianeta ESC, il raduno degli iscritti alla European Society of Cardiology. Un evento che, a ulteriore dimostrazione della sua rilevanza, vede anche l’intervento di Papa Francesco. Ma non si può, in queste ore, non spostare l’attenzione anche sul terribile terremoto che ha colpito il Centro Italia e su cui anche i cardiologi di ESC stanno focalizzando le loro competenze. Ne abbiamo parlato con il professor Leonardo Bolognese, direttore del Dipartimento Cardiovascolare e neurologico dell’Azienda Ospedaliera di Arezzo e Italian Press Coordinators dell’ESC Congress 2016.

Professore, prima di soffermarci sulle conseguenze del sisma, facciamo il punto sul congresso e sullo stato di salute della cardiologia in Italia.

«La salute della cardiologia italiana è ottima. Il fatto che il congresso più importante a livello mondiale si svolga a Roma non è un caso. È una sorta di riconoscimento agli avanzamenti scientifici e professionali ottenuti dalla comunità cardiologica italiana. Per noi è un motivo di orgoglio, però non lo scopriamo oggi. La cardiologia italiana è ad ottimi livelli sia a livello professionale che scientifico da sempre».

L’attualità di questi giorni è chiaramente sconvolta dal terremoto che ha colpito il centro Italia. Nel convegno vengono approfondite le ricadute sui rischi e sulle patologie cardiovascolari dovute agli eventi naturali come il terremoto.

«Mi lasci dire che è difficile svolgere qualsiasi attività pensando alla sofferenza che in questo momento sta attraversando una grande parte dell’Italia. È difficile continuare a svolgere il lavoro perché il nostro pensiero è rivolto a quello che sta avvenendo nelle zone terremotate. D’altro canto in quanto medici, e cardiologi in particolare, dobbiamo anche occuparci delle relazioni fra questi disastri naturali e le malattie cardiovascolari. Relazioni che esistono ed in maniera scientificamente provata, sia acutamente, immediatamente a ridosso del disastro naturale sotto forma di eventi acuti, quindi l’infarto miocardico, l’ictus, che possono intervenire con una frequenza anche circa 5-6 volte superiore alla media e anche in persone perfettamente normali ed è la cosa da monitorare con più attenzione. Infatti, lo stress sul piano psicologico interagisce con il sistema nervoso vegetativo che ha degli effetti talora dirompenti a livello cardio-vascolare. Ma bisogna anche guardare a lungo termine perché gli effetti dei disastri naturali in termini di malattie cardiovascolari si evidenziano anche a distanza di 5 o 6 anni. L’incidenza di malattie cardiovascolari è più alta in chi ha sofferto un disastro naturale. Immaginiamoci poi se il soggetto è già affetto da una cardiopatia e qui ovviamente piove sul bagnato e gli effetti potranno essere ancora più rilevanti rispetto ad un soggetto normale».

Articoli correlati
Napoli, all’ospedale Santobono iniettato un monitor cardiaco
Il cuore dei bambini monitorato con una siringa sotto cute. L’intervento di eccellenza è avvenuto all’ospedale Santobono di Napoli, dove qualche giorno fa un bambino è stato ricoverato dopo aver avuto una sincope dovuta ad un’improvvisa alterazione del ritmo cardiaco.Per questo motivo, come riporta Repubblica, l’equipe del dottor Paladini ha provveduto ad iniettare sotto pelle un […]
Catania, Ospedale Gravina: ottimi risultati per la Stroke Unit di Neurologia
Si consolida l’attività della Stroke Unit di I livello dell’UOC di Neurologia dell’Ospedale “Gravina”. A tre mesi dall’avvio del servizio sono state effettuate 12 trombolisi. «Abbiamo incoraggiato i nostri operatori a declinare in maniera innovativa ed integrata le loro competenze professionali e le loro pratiche di organizzazione – afferma il dottor Giuseppe Giammanco, direttore generale […]
Bayer: Rivaroxaban riduce rischio ictus ed embolia in pazienti con fibrillazione atriale
Bayer AG e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno riferito oggi nuovi dati real life dal database di Truven MarketScan negli Stati Uniti che dimostrano come i pazienti fragili, con Fibrillazione Atriale non-valvolare (FANV), trattati per un periodo di due anni con rivaroxaban, inibitore orale del Fattore Xa, hanno avuto […]
Regione Lazio approva impegno economico per ricostruzione ospedale Amatrice
«La Giunta regionale del Lazio ha approvato una delibera per impegnare 15 milioni e trecento mila euro per la ricostruzione dell’Ospedale di Amatrice, demolito in seguito alle lesioni riportate dall’evento sismico, affidata agli uffici dell’assessorato ai Lavori pubblici – rende noto la Regione Lazio in una nota – . Si tratta di un intervento atteso […]
No Tobacco Day, OMS: «Il fumo non causa solo il cancro, ma anche infarti e ictus»
In Italia un minore su 10 è fumatore abituale, quasi la metà ha fumato, ha provato a fumare o fuma ogni tanto. I dati presentati all’Istituto Superiore di Sanità in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila