Salute 23 Settembre 2022 17:52

Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere

Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico

Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere

Curare il dolore non è solo un problema etico, ma sanitario. E l’importanza di creare reti efficienti ed efficaci nel garantire ai cittadini una corretta presa in carico del dolore cronico, come sintomo e come malattia, è una questione non solo sanitaria, ma sociale. Su queste premesse si è innestato il dibattito che ha avuto luogo ieri a Napoli, nella splendida cornice del Maschio Angioino, nell’ambito della cerimonia inaugurale del 45° Congresso dell’AISD (Associazione Italiana per lo Studio del Dolore).

Il dolore affligge oggi 13 milioni di persone in Italia e la legge 38/2020 che tutela il diritto alla cura del dolore sembrava aver raccolto e accolto tutte le istanze provenienti da istituzioni e cittadini in merito: Dalla linea di demarcazione tra cura del dolore e cure palliative all’ideazione di reti che garantissero un’applicazione uniforme ed efficiente delle terapie del dolore. Tuttavia, una recente survey promossa dall’Associazione ha messo in luce il dato per cui il 74% dei cittadini italiani non è a conoscenza di questa legge. E non è tutto: la cura del dolore continua ad essere una grande assente dall’agenda delle istituzioni, dal DM 71 al PNRR.

La falsa partenza della legge 38/2020 sulla cura del dolore

«Il fatto che oggi parliamo ancora di obiettivi della legge 38 e non di risultati, è la riprova che questa legge non ha mai trovato la sua piena attuazione, che le sue intenzioni in buona parte sono rimaste ferme al punto di partenza, senza riuscire a esprimere il proprio potenziale – afferma Maria Caterina Pace, presidente dell’AISD -. Questo ha un impatto drammatico sui pazienti (e sulle loro famiglie) che continuano a vivere nel dolore, senza essere ascoltati, senza essere curati e nel 37% dei casi senza una diagnosi. Le reti, che hanno lo scopo di efficientare la comunicazione tra cittadino e medico, e tra ospedale e territorio, operano a macchia di leopardo non solo tra le Regioni, ma anche all’interno di una stessa Regione. Dare piena attuazione a queste reti, riportare la cura del dolore al centro dell’agenda di governo e implementare l’informazione tra i cittadini è per noi prioritario».

Dimensione multifattoriale e costi indiretti del dolore cronico

Il dolore, inteso come fenomeno biopsicociale, è un sintomo da trattare nella sua complessità multifattoriale, senza tentare di normalizzarlo o peggio sottostimarlo. «I pazienti non si sentono ascoltati, non trovano comprensione del loro dolore che anzi nella maggior parte dei casi è sottostimato – aggiunge Tiziana Nicoletti, Responsabile Coordinamento Associazione Malati Cronici per Cittadinanzattiva.  Inoltre, a causa di un gap di comunicazione profondo tra medico e pazienti, questi ultimi non conoscono i centri sul territorio che possono prenderli in carico, né le modalità con cui questa presa in carico debba avvenire. È importante considerare che il paziente che non cura il dolore ha anche dei costi indiretti perché, per dirne una, è un paziente che non può recarsi a lavoro. È importante ripensare l’assistenza al dolore dalle fondamenta, prevedendo una valutazione di questo anche in fase di triage per chi giunge in Pronto Soccorso».

Sinergia territorio, istituzioni e terzo settore

«Un tale scollamento tra istituzioni e territorio non può essere più ammissibile sul tema del dolore cronico – interviene la dottoressa Paola Pisanti (Ministero della Salute) – un tema su cui c’è ancora troppo poca coscienza sociale. Non dobbiamo dimenticare che il malato cronico ha più bisogni sociali che sanitari, motivo per cui dobbiamo arrivare a un pieno compimento della presa in carico e della continuità assistenziale per questi pazienti, e ad una integrazione sociosanitaria che passa anche dalla collaborazione tra istituzioni e associazioni del terzo settore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
Denti storti e bullismo: c’è una relazione?
L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»
Elezioni, Ricciardi (Azione): «Rivedere rapporto con le regioni sulla sanità»
Il responsabile sanità di Azione, Walter Ricciardi, chiede nuovi contratti di lavoro e programmi straordinari di assunzione: «Gli operatori sanitari sono l’unica categoria che ha perso potere d’acquisto in maniera così massiccia dal 2004»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi