Salute 23 Settembre 2022 17:52

Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere

Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico

Curare il dolore non è solo un problema etico, ma sanitario. E l’importanza di creare reti efficienti ed efficaci nel garantire ai cittadini una corretta presa in carico del dolore cronico, come sintomo e come malattia, è una questione non solo sanitaria, ma sociale. Su queste premesse si è innestato il dibattito che ha avuto luogo ieri a Napoli, nella splendida cornice del Maschio Angioino, nell’ambito della cerimonia inaugurale del 45° Congresso dell’AISD (Associazione Italiana per lo Studio del Dolore).

Il dolore affligge oggi 13 milioni di persone in Italia e la legge 38/2020 che tutela il diritto alla cura del dolore sembrava aver raccolto e accolto tutte le istanze provenienti da istituzioni e cittadini in merito: Dalla linea di demarcazione tra cura del dolore e cure palliative all’ideazione di reti che garantissero un’applicazione uniforme ed efficiente delle terapie del dolore. Tuttavia, una recente survey promossa dall’Associazione ha messo in luce il dato per cui il 74% dei cittadini italiani non è a conoscenza di questa legge. E non è tutto: la cura del dolore continua ad essere una grande assente dall’agenda delle istituzioni, dal DM 71 al PNRR.

La falsa partenza della legge 38/2020 sulla cura del dolore

«Il fatto che oggi parliamo ancora di obiettivi della legge 38 e non di risultati, è la riprova che questa legge non ha mai trovato la sua piena attuazione, che le sue intenzioni in buona parte sono rimaste ferme al punto di partenza, senza riuscire a esprimere il proprio potenziale – afferma Maria Caterina Pace, presidente dell’AISD -. Questo ha un impatto drammatico sui pazienti (e sulle loro famiglie) che continuano a vivere nel dolore, senza essere ascoltati, senza essere curati e nel 37% dei casi senza una diagnosi. Le reti, che hanno lo scopo di efficientare la comunicazione tra cittadino e medico, e tra ospedale e territorio, operano a macchia di leopardo non solo tra le Regioni, ma anche all’interno di una stessa Regione. Dare piena attuazione a queste reti, riportare la cura del dolore al centro dell’agenda di governo e implementare l’informazione tra i cittadini è per noi prioritario».

Dimensione multifattoriale e costi indiretti del dolore cronico

Il dolore, inteso come fenomeno biopsicociale, è un sintomo da trattare nella sua complessità multifattoriale, senza tentare di normalizzarlo o peggio sottostimarlo. «I pazienti non si sentono ascoltati, non trovano comprensione del loro dolore che anzi nella maggior parte dei casi è sottostimato – aggiunge Tiziana Nicoletti, Responsabile Coordinamento Associazione Malati Cronici per Cittadinanzattiva.  Inoltre, a causa di un gap di comunicazione profondo tra medico e pazienti, questi ultimi non conoscono i centri sul territorio che possono prenderli in carico, né le modalità con cui questa presa in carico debba avvenire. È importante considerare che il paziente che non cura il dolore ha anche dei costi indiretti perché, per dirne una, è un paziente che non può recarsi a lavoro. È importante ripensare l’assistenza al dolore dalle fondamenta, prevedendo una valutazione di questo anche in fase di triage per chi giunge in Pronto Soccorso».

Sinergia territorio, istituzioni e terzo settore

«Un tale scollamento tra istituzioni e territorio non può essere più ammissibile sul tema del dolore cronico – interviene la dottoressa Paola Pisanti (Ministero della Salute) – un tema su cui c’è ancora troppo poca coscienza sociale. Non dobbiamo dimenticare che il malato cronico ha più bisogni sociali che sanitari, motivo per cui dobbiamo arrivare a un pieno compimento della presa in carico e della continuità assistenziale per questi pazienti, e ad una integrazione sociosanitaria che passa anche dalla collaborazione tra istituzioni e associazioni del terzo settore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...