Salute 3 Maggio 2021 18:34

Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia

Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»

di Federica Bosco

Veloce, preciso e comodo, è il nuovo test salivare messo a punto dall’Università di Milano, testato a Bollate su 1628 studenti, che da maggio Regione Lombardia ha deciso di estendere a tutte le scuole per tenere sotto controllo i contagi. Per vedere come vengono processati i tamponi salivari siamo entrati nel laboratorio di microbiologia dell’Università degli Studi di Milano all’Ospedale San Paolo con la professoressa Elisa Borghi: «La procedura è la stessa che usiamo per il tampone nasofaringeo, ma partendo da una matrice diversa che è la saliva. La raccolta può essere fatta in maniera non invasiva e anche autonoma, quindi svincolando il personale sanitario per la vaccinazione, ad esempio. Il test va poi eseguito in laboratorio ed essendo molecolare ha la stessa sensibilità del test nasofaringeo classico».

Un test per bambini e soggetti fragili

Il test può essere realizzato nella versione molecolare o antigenica. Nel primo caso si rileva la presenza dell’RNA del virus e si effettua in laboratorio. Con i test salivari antigenici, invece, si individuano le proteine di superficie del virus presenti nella saliva e il risultato si ottiene in pochi minuti.

«La saliva può essere raccolta con più dispositivi, l’importante è che sia saliva pura, non contaminata da muco – spiega Borghi -. Il dispositivo che abbiamo sviluppato in collaborazione con Copan ha una spugna legata ad un bastoncino ed è sicura, pensata per bambini e soggetti fragili che con altri dispositivi potrebbero ingoiare il rullo di cotone. La spugna attaccata ad un bastoncino viene succhiata come un lecca-lecca. Una volta eseguito il test il bastoncino si posiziona nel tubo e viene consegnato in laboratorio».

Un macchinario con filtri impedisce la fuoriuscita della carica virale

Durante la fase di processazione, l’operatore è protetto da camice monouso, doppi guanti e visiera, mentre   il macchinario, grazie a dei filtri, impedisce la fuoriuscita dell’alta carica virale.

«Una volta che il dispositivo di raccolta arriva in laboratorio, la saliva viene sottoposta a centrifugazione. Si fa un passaggio in un termociclatore dove avviene uno shock termico con un enzima per liberare gli acidi nucleici virali nel campione, poi si fa una real time PCR e si vedono le curve. Se c’è il virus si ha l’amplificazione dei geni virali, se invece il virus non c’è questi non si amplificano per cui è negativo».

Più sensibile in una fase primitiva della malattia

Si tratta dunque di un test attendibile, ideale per bambini e per soggetti fragili, che permette di conoscere il risultato in 24 ore. «In una fase primitiva della malattia, quando ancora non ci sono sintomi o sono lievi, il test salivare è ancora più sensibile», chiosa la professoressa Borghi.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...