Salute 3 Maggio 2021 18:34

Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia

Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»

di Federica Bosco

Veloce, preciso e comodo, è il nuovo test salivare messo a punto dall’Università di Milano, testato a Bollate su 1628 studenti, che da maggio Regione Lombardia ha deciso di estendere a tutte le scuole per tenere sotto controllo i contagi. Per vedere come vengono processati i tamponi salivari siamo entrati nel laboratorio di microbiologia dell’Università degli Studi di Milano all’Ospedale San Paolo con la professoressa Elisa Borghi: «La procedura è la stessa che usiamo per il tampone nasofaringeo, ma partendo da una matrice diversa che è la saliva. La raccolta può essere fatta in maniera non invasiva e anche autonoma, quindi svincolando il personale sanitario per la vaccinazione, ad esempio. Il test va poi eseguito in laboratorio ed essendo molecolare ha la stessa sensibilità del test nasofaringeo classico».

Un test per bambini e soggetti fragili

Il test può essere realizzato nella versione molecolare o antigenica. Nel primo caso si rileva la presenza dell’RNA del virus e si effettua in laboratorio. Con i test salivari antigenici, invece, si individuano le proteine di superficie del virus presenti nella saliva e il risultato si ottiene in pochi minuti.

«La saliva può essere raccolta con più dispositivi, l’importante è che sia saliva pura, non contaminata da muco – spiega Borghi -. Il dispositivo che abbiamo sviluppato in collaborazione con Copan ha una spugna legata ad un bastoncino ed è sicura, pensata per bambini e soggetti fragili che con altri dispositivi potrebbero ingoiare il rullo di cotone. La spugna attaccata ad un bastoncino viene succhiata come un lecca-lecca. Una volta eseguito il test il bastoncino si posiziona nel tubo e viene consegnato in laboratorio».

Un macchinario con filtri impedisce la fuoriuscita della carica virale

Durante la fase di processazione, l’operatore è protetto da camice monouso, doppi guanti e visiera, mentre   il macchinario, grazie a dei filtri, impedisce la fuoriuscita dell’alta carica virale.

«Una volta che il dispositivo di raccolta arriva in laboratorio, la saliva viene sottoposta a centrifugazione. Si fa un passaggio in un termociclatore dove avviene uno shock termico con un enzima per liberare gli acidi nucleici virali nel campione, poi si fa una real time PCR e si vedono le curve. Se c’è il virus si ha l’amplificazione dei geni virali, se invece il virus non c’è questi non si amplificano per cui è negativo».

Più sensibile in una fase primitiva della malattia

Si tratta dunque di un test attendibile, ideale per bambini e per soggetti fragili, che permette di conoscere il risultato in 24 ore. «In una fase primitiva della malattia, quando ancora non ci sono sintomi o sono lievi, il test salivare è ancora più sensibile», chiosa la professoressa Borghi.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
La Simedet lancia la “Guida pratica al Covid 19 delle professioni sanitarie”. Prefazione del Ministro Speranza
«Un lavoro enorme che ha coinvolto decine di professionisti di ogni parte d'Italia e che ci permette di avere una risposta basata sulle attuali conoscenze ma pratica e utile per tutti gli operatori» spiega una nota della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...