Salute 12 Gennaio 2021 09:50

Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i numeri di Piemonte, Lazio e Campania. Zanon: «Obiettivo non raggiunto»

Quasi 18 mila i tamponi rapidi effettuati dai medici di famiglia piemontesi, 11.600 nel Lazio, 7 mila in Campania. Il Direttore scientifico dell’Osservatorio Motore Sanità: «Lo screening funziona a macchia di leopardo»

di Peter D'Angelo
Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i numeri di Piemonte, Lazio e Campania. Zanon: «Obiettivo non raggiunto»

«Lo screening del Covid-19 proposto a medici di famiglia e pediatri sta funzionando a macchia di leopardo». Claudio Zanon, Direttore scientifico dell’Osservatorio Motore Sanità, sta seguendo la vicenda da mesi. Ad ottobre il ministro della Salute Roberto Speranza annunciava un piano sostanzioso (30 milioni di euro) per consentire ai medici di famiglia e ai pediatri di eseguire 2 milioni di tamponi antigenici, circa 50 mila al giorno.

Non tutti i medici accolsero la notizia nello stesso modo, molti sindacati sollevarono criticità logistiche: fare tamponi in studi siti in palazzi privati è un problema, «nei condomìni ci sarà una rivolta», sosteneva l’Ordine dei Medici di Milano. I percorsi separati Covid e non Covid possono essere complicati da gestire negli studi privati (spesso appartamenti in palazzi privati) dei medici di base. Inoltre, scarseggerebbero i DPI – dispositivi di protezione individuali – adeguati come le mascherine Ffp3. I medici da allora si sono spaccati in pro e contro, un’onda lunga che ancora oggi è viva nella categoria.

Da allora come è andata effettivamente? Sanità Informazione ha mappato 3 regioni simbolo, da nord a sud, attraverso l’analisi dei tabulati di Piemonte, Lazio e Campania, per capire se l’operazione abbia raccolto adesioni da parte dei medici di medicina generale.

Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i numeri di Piemonte, Lazio e Campania

In Piemonte, la regione registra 17.897 tamponi antigenici eseguiti dai medici di medicina generale, al 10 gennaio. Questi sono i dati che ci fornisce l’assessorato alla Sanità guidato da Luigi Icardi.

Nel Lazio, i test antigenici eseguiti sono 11.594. L’assessore alla Sanità del Lazio – Alessio D’Amato – ad inizio campagna di screening (16 novembre) aveva dichiarato: «Stanno distribuendo i primi 50 mila test – dei 200 mila previsti – con i relativi dispositivi di protezione individuale».

Stessa inerzia vale per la Campania, secondo Giuseppina Tomassielli, dell’Unità di Crisi Covid della regione guidata da De Luca: «Qui ci sono 4.200 medici di medicina generale, suddivisi in 180 AFT (Aggregazioni Funzionali Territoriali). Di questi medici il 95% ha aderito alla campagna di screening». Il numero dei test antigenici eseguiti in regione «sono circa 7 mila dai Mmg».

Allo stato attuale «l’obiettivo posto di raggiungere lo screening di massa in tutta Italia da parte di tutti i medici di medicina generale non è stato raggiunto», conclude Claudio Zanon.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Liberiamo i medici di famiglia dalle scartoffie e includiamoli nell’innovazione
La decisione dell'Aifa di consentire ai medici di famiglia di prescrivere gli antivirali contro Covid-19 rappresenta un'occasione d'oro per far uscire gli mmg dall'isolamento burocratico a cui sono stati relegati
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Medico di famiglia potrà prescrivere antivirali contro Covid. Mmg soddisfatti, ma si teme eccesso di burocrazia
Oggi verrà ufficializzato il via libera da parte dell'Agenzia italiana del farmaco alle prescrizioni dell'antivirale Paxlovid da parte dei medici di famiglia
GB: troppo lavoro per medici di famiglia, 9 su 10 temono errori in cure e diagnosi
Nel Regno Unito i medici di famiglia fanno tanta fatica a svolgere serenamente il proprio lavoro. Tanto che 9 su 10 temono per la sicurezza dei propri assistiti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...