Salute 30 Gennaio 2024 14:33

Suonare o cantare aiuta a mantenere il cervello giovane

Per mantenere il cervello giovane anche in età avanzata può essere di aiuto suonare uno strumento musicale o anche cantare.  A dimostrarlo è uno studio dell’Università di Exeter, nell’ambito di Protect, uno progetto di ricerca online aperto a persone di età superiore ai 40 anni

Suonare o cantare aiuta a mantenere il cervello giovane

Per mantenere il cervello giovane anche in età avanzata può essere di aiuto suonare uno strumento musicale o anche cantare.  A dimostrarlo è uno studio dell’Università di Exeter, nell’ambito di Protect, uno progetto di ricerca online aperto a persone di età superiore ai 40 anni. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista International Journal of Geriatric Psychiatry, Finora gli esperti hanno esaminato i dati di oltre un migliaio di adulti over 40 per valutare l’impatto di suonare uno strumento musicale o cantare in un coro sulla salute cerebrale.

Suonare il pianoforte è collegato a una memoria migliore

Ad oggi oltre 25.000 persone si sono iscritte allo studio Protect, che è attivo da 10 anni. Il team ha esaminato le competenze musicali dei partecipanti e l’esposizione a lungo termine alla musica, insieme ai risultati dei test cognitivi, per determinare se la musicalità aiuti a mantenere la mente acuta nella terza età. I risultati mostrano che suonare uno strumento musicale, in particolare il pianoforte, è correlato a una memoria migliore e alla capacità di risolvere compiti complessi, le cosiddette funzioni esecutive. Continuare a suonare anche in età avanzata fornisce ancora maggiori benefici. Il lavoro suggerisce anche che cantare potrebbe migliorare la salute cerebrale.

Suonare o cantare è un aiuto per preservare la riserva cognitiva

“Diversi studi hanno esaminato l’effetto della musica sulla salute cerebrale”, dice Anne Corbett, coordinatrice dello studio. “Tuttavia Protect ci ha fornito un’opportunità unica per esplorare la relazione tra le prestazioni cognitive e la musica in una grande coorte di adulti anziani. In generale, pensiamo che suonare o cantare – conclude –  potrebbe essere un modo per sfruttare l’agilità e la resilienza del cervello, ovvero la cosiddetta riserva cognitiva“, che aiuta molti anziani a rimanere “cognitivamente giovani”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...