Salute 17 Marzo 2021 15:02

Sport e salute, così Special Olympics si prende cura degli atleti con disabilità intellettiva. E il Covid non ferma le attività di screening

L’associazione, fondata nel 1968 da Eunice Kennedy Shrive, conta in Italia 18mila atleti e 8mila volontari. Alla base non c’è l’agonismo ma una filosofia educativa. La responsabile Area Salute Alice Volpini: «Con gli screening online seguiamo l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute»

“Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”. Non sono parole del fondatore dei moderni giochi olimpici Pierre De Coubertin ma è il motto di Special Olympics, organizzazione mondiale che accoglie atleti con disabilità intellettiva e non solo. Lo spirito è quello dello sport che, attraverso il suo linguaggio universale, unisce, accoglie ed include. Non si tratta però di un alter ego del Comitato Paralimpico perché diverse sono le filosofie alla base: l’una agonistica, l’altra invece mossa da finalità educative.

Fondato nel 1968 da Eunice Kennedy Shriver (sorella di Bob e John Fitzgerald Kennedy, oltre che di Rosemary che aveva una disabilità intellettiva), oggi Special Olympics è la più grande organizzazione sportiva al mondo per le persone con disabilità intellettiva: con più di 5 milioni di atleti in 174 paesi e più di un milione di volontari. In Italia gli atleti Special Olympics sono oltre 18mila, i volontari 8mila. Numeri da capogiro che tuttavia da soli non bastano a descrivere il successo di un movimento che offre a queste persone la concreta possibilità di sviluppare abilità e attitudini che altrimenti non potrebbero venire fuori.

«Disabilità nell’accezione comune sembra in qualche modo definire una persona a cui manca qualcosa – spiega Giampiero Casale, Responsabile Comunicazione Special Olympics Italia -. Poi ci rendiamo conto che quello che è importante non è sottolineare quello che a ognuno di noi manca ma più che altro evidenziare quelle che sono le capacità. Gli atleti ce lo insegnano ogni giorno: lo sport inteso non come mera ricerca della vittoria ma come percorso di crescita nel poter affrontare le proprie difficoltà. Quindi la possibilità in qualche modo di crescere attraverso l’acquisizione di una maggiore consapevolezza di sé stesso, di superare quelle che possono essere le proprie paure e i propri limiti».

L’emergenza Covid ha fortemente limitato l’attività sportiva dell’associazione che comunque ha trovato nuova linfa vitale online. Lo scorso maggio si sono disputati gli Smart Games: gli atleti si sono potuti cimentare in 18 sport differenti con appositi esercizi elaborati e adattati al contesto dallo staff tecnico nazionale di disciplina e messi a disposizione su una Playlist Youtube. E sempre online si svolgerà il programma di screening che partirà alla fine di marzo: attraverso una piattaforma digitale l’operatore sanitario e l’atleta dialogheranno attraverso un questionario specifico.

«Proprio per cercare di rimanere vicini ai nostri atleti abbiamo mantenuto l’attività di screening, declinandola online – spiega Alice Volpini, Podologa e Responsabile Area Salute Special Olympics -. Si tratta di attività strutturate su quelle che erano le attività che facevamo durante i nostri giochi nazionali invernali ed estivi. Strutturiamo queste visite online attraverso questionari al termine dei quali rilasciamo un piano terapeutico da dover seguire. Il connubio che cerca di creare Special Olympics tra salute e sport è seguire l’atleta non solo nel suo percorso sportivo ma anche nel suo percorso di salute. Mantenere e monitorare quelli che sono i miglioramenti che i nostri direttori clinici per ogni tipo di programma cercano di dare».

Sono sette i programmi salute in corso: podologico Fit Feet, fisioterapico Fun Fitness, nutrizionale Health Promotion, audiologico Healthy Hearing, oculistico Opening Eyes, dentale Special Smiles, psicologico Strong Minds. Tanti i professionisti sanitari che collaborano con l’associazione.

«Spesso gli atleti sono persone con fragilità che hanno difficoltà ad uscire da casa in questo periodo Covid – conclude Volpini -. Garantire un’attività sanitaria di screening e di educazione alla salute è una cosa che permette loro di evitare di avere problematiche relative anche alla sedentarietà».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...