Salute 15 Luglio 2014

La spesa sanitaria privata fa i conti con la crisi: gli italiani rinunciano alle cure

Il rapporto Censis – Unipol registra un brusco calo del 5,7% in un solo anno. Italia “cenerentola” in Europa per il ricorso alle assicurazioni integrative

Immagine articolo

A forza di stringere i cordoni dalla borsa è rimasta fuori anche la spesa sanitaria privata. Neppure il welfare familiare si salva da una crisi che continua a non dare scampo, nonostante l’orizzonte di speranze tratteggiato da politici ed economisti.

Il rapporto 2014  “Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali” di Censis e Unipol ha però dipinto un quadro preciso quanto allarmante, facendo registrare un brusco calo del 5,7%: nell’ultimo anno il valore pro-capite della spesa sanitaria privata si è ridotto da 491 a 458 euro all’anno e le famiglie italiane hanno dovuto rinunciare complessivamente a 6,9 milioni di prestazioni mediche private.

Dati che non possono essere sottovalutati perché il sistema di offerta di servizi di diagnostica e cura, farmaci, ricerca in campo medico e farmacologico, tecnologie biomedicali, servizi di assistenza a malati, disabili, persone non autosufficienti genera un valore della produzione di oltre 186 miliardi di euro, pari al 6% della produzione economica nazionale, con una occupazione di 2,7 milioni di addetti. Tra il 2007 e il 2013 la spesa sanitaria pubblica è rimasta praticamente invariata (+0,6% in termini reali) a causa della stretta sui conti pubblici. È aumentata, al contrario, la spesa di tasca propria delle famiglie salita al 9,2% tra il 2007 e il 2012, per poi ridursi però del 5,7% nel 2013 attestandosi a 26,9 miliardi di euro.

Evidenti segnali di un cedimento, che – a parere del Censis – può essere contenuto “integrando strumenti pubblici e privati”. L’Italia, però, è tra le poche economie avanzate in cui la spesa sanitaria gestita attraverso le assicurazioni integrative ha numeri veramente bassi con un misero 13,4% a fronte del 43% della Germania, del 65,8% della Francia, del 76,1% degli Stati Uniti. Sembra in ogni caso questa la strada da percorrere per servizi sempre più adeguati.

Articoli correlati
Coronavirus, Brancaccio (Università del Sannio): «Acquisire e rendere subito pubblici i brevetti di ricerca delle aziende farmaceutiche»
Insieme ad altri colleghi, l’economista ha firmato un piano di rilancio “anti-virus”, pubblicato sul Financial Times: «Combattere i “free riders” che speculano e intervenire, con forti investimenti, sul settore sanitario e sulla ricerca»
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
Fondo sanitario, Bonaccini: «Regioni danno il via al riparto di oltre 113 miliardi. 116 i miliardi previsti per il 2020»
Il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome ha dichiarato: «Segnale importante per il Paese, di attenzione concreta in un momento così grave per la salute dei cittadini»
Coronavirus, Collina: «Epidemia è stress test per sistema. Regionalismo sanitario inadeguato ad affrontare emergenza»
Parla il Presidente della Commissione Sanità del Senato Stefano Collina (PD): «Gratitudine e sostegno a operatori in prima linea». Poi promuove le norme dell’esecutivo. Commissione per ora non convocata: «Ogni giorno salta fuori un eletto positivo, attività Parlamento non centrale in questa fase. Ma bisogna pensare alla gestione della partecipazione democratica in queste situazioni»
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...