Salute 21 Ottobre 2020 09:52

«Sperare nel vaccino si può, ma serve realismo». La lezione del Guardian

In un editoriale sul Guardian, il dottor Salisbury fa qualche calcolo e ricorda che “vaccinare” non significa immediatamente risolvere la pandemia. E si chiede: «Ha senso vaccinare solo i fragili? Come si raggiunge l’immunità?»

«Sperare nel vaccino si può, ma serve realismo». La lezione del Guardian

Quando i numeri della pandemia e la curva al rialzo sembrano prendere il sopravvento, c’è sempre una frase che accomuna sia leader politici che cittadini per tornare a pensare positivo. «Il vaccino potrebbe essere pronto per Natale», nero su bianco come una rapida via d’uscita dalla difficile situazione emotiva di tutti. Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo ha ricordato, riferendosi al vaccino Oxford/Astrazeneca, e invitando gli italiani a resistere ancora un po’.

Ma è poi vero che l’uscita di un vaccino a dicembre potrebbe permetterci di tornare in breve tempo alla vita normale? Se lo è chiesto David Salisbury, ex direttore dell’immunizzazione del Department of Health UK e membro associato del Global Health Program di Chatham House sul Guardian. E la sua risposta è stata: «No, e dovremmo essere tutti più realisti».

SE SI VACCINANO SOLO I SOGGETTI A RISCHIO, CHE SUCCEDE?

È una doccia fredda quella che lo scienziato propone, ma è anche un altro modo di guardare da vicino la pandemia e quello che si sta facendo per eliminarla. Prima di tutto bisogna accettare che nessun vaccino, men che meno quelli preparati in tempi così brevi, è efficace al 100%. Dunque anche l’immunità di gregge è solo una questione numerica: «Dobbiamo moltiplicare la proporzione di una popolazione vaccinata per l’efficacia del vaccino».

Il Regno Unito ha una tra le coperture antinfluenzali più alte al mondo, vaccina circa il 75% degli over 65 ogni anno. In Italia si arriva poco sopra il 50%. Ci si potrà aspettare una copertura simile anche per il vaccino anti-Covid su questa fascia di età.

«Pertanto, se il vaccino Covid-19 è efficace al 75%, il che significa che il 75% di coloro vaccinati diventa immune, allora in realtà proteggeremo solo il 56% di quella popolazione target (75% del 75%). Questo non sarebbe sufficiente per fermare la circolazione del virus. Quasi la metà del nostro gruppo a più alto rischio rimarrebbe suscettibile e non sapremo chi sono», chiarisce Salisbury. E paragona l’allentamento delle misure con una simile situazione alla roulette russa.

UNDER 65, COME PROTEGGERLI

Sotto i 65 anni l’Uk vaccina al massimo il 50% dei cittadini contro l’influenza. «Ciò significa che poco più di un terzo di loro sarà protetto (50% del 75%). Giusto per peggiorare le cose, le autorità di regolamentazione come la Food and Drug Administration degli Stati Uniti e l’Agenzia europea per i medicinali hanno affermato che accetterebbero un livello inferiore del 50% per l’efficacia dei vaccini candidati Covid-19», aggiunge.

Vaccinare per tornare alla normalità significa vaccinare tutti, non solo le persone a rischio o quelle anziane. L’obbiettivo non può essere la protezione individuale, ma deve essere l’interruzione della trasmissione. «Con meno del 10% della popolazione che mostra prove di essere stata infettata, la vaccinazione mirata non consentirà il ritorno della “vita di prima”», è netto su questo Salisbury. Ma per fare una scelta come quella di vaccinare tutti, saranno necessari molti mesi e molte dosi. Il 2021 non sembra l’anno in cui la normalità potrebbe tornare.

«Anche se i paesi decidono di passare da una politica di protezione personale a una strategia di interruzione della trasmissione, gli ostacoli rimangono – conclude Salisbury -. Molto dipenderà dal successo della vaccinazione (probabilmente con due dosi) di persone che non si sono viste in precedenza a rischio elevato. La sfida sarà convincere i giovani, ad esempio, a vaccinarsi, non a proprio vantaggio, ma a beneficio degli altri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini Covid, a Roma il caso dei TNPEE: «Noi a rischio contagio perché a stretto contatto con gli utenti. Ma centinaia ancora non vaccinati»
Appello della Presidente della Commissione d’Albo dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di Roma Pamela Bellanca: «Noi dimenticati, molti si stanno contagiando»
Vaccino Covid, Interlandi (Cidec Sanità): «Coinvolgere i laboratori di analisi accreditati per raggiungere gli obiettivi di copertura vaccinale»
«Abbiamo fatto richiesta al Ministro della Salute affinché ci riceva per ridiscutere il nostro pieno coinvolgimento nel piano vaccinale», spiega Elisa Interlandi, Presidente Nazionale di Cidec Federazione Sanità
Vaccini Covid, Guidolin (M5S): «Regolamentare vaccinazione in ambito sanitario per tutelare più fragili»
«Dopo la decisione del tribunale di Belluno di rigettare il ricorso di dieci operatori socio-sanitari dipendenti di due Rsa, sospesi dal lavoro per aver rifiutato di aderire alla campagna vaccinale Covid-19, da operatrice socio sanitaria, temporaneamente prestata alla politica, mi sento di lanciare un appello ai colleghi. Quest’anno di pandemia ci ha messo tutti a […]
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
Vaccino Covid, Tuzi (M5S): «Dopo AIFA e CSS ora copertura vaccinale anche a personale scolastico e universitario over 65»
«Abbiamo eliminato una discriminazione incomprensibile per oltre 50mila lavoratori» sottolinea il medico e deputato M5S Manuel Tuzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...