Salute 10 Giugno 2022 12:51

Speranza: «Risorse in sanità senza precedenti, serve analisi performance»

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato della nuova sanità, con i relativi investimenti, all’evento di presentazione dei risultati del sistema di valutazione della performance dei sistemi sanitari di Province autonome e Regioni

Speranza: «Risorse in sanità senza precedenti, serve analisi performance»

A seguito della pandemia «c’è stato un aumento di risorse per il sistema sanitario nazionale come mai accaduto». Sono queste le parole con cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, elenca in maniera precisa e sintetica tutti gli investimenti fatti in sanità negli ultimi anni e quelli previsti in futuro. Il ministro ha parlato in collegamento streaming, all’apertura dell’evento, in corso a Perugia, dedicato alla presentazione dei risultati del sistema di valutazione della performance dei sistemi sanitari di Province autonome e Regioni che, su base volontaria, aderiscono al «Network delle regioni». Il network è stato promosso dal Laboratorio MeS Management e Sanità dell’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna.

Speranza: «In tre anni 10 miliardi in più nel fondo nazionale»

In due anni e mezzo, ricorda Speranza, «il fondo nazionale è passato da 114 miliardi a 124, 10 miliardi in più in neanche tre anni, quando prima l’incremento era di uno all’anno. Il mio impegno – continua – è di ottenerne ulteriori 3 miliardi nel 2023 e nel 2024». Poi il ministro ha parlato dei fondi del PNRR: «Venti milioni di euro come base per una fase nuova nell’assistenza domiciliare e territoriale, per la sanità digitale e le infrastrutture». Risorse straordinarie, ha ricordato, che offrono un’opportunità «mai vista prima». E ancora: per la prima volta, ha ricordato Speranza, un Pon, il Piano europeo per ripianare le disuguaglianze tra Nord e Sud, «è dedicato specificamente alla sanità».

Il ministro: «Siamo in un tempo nuovo della pandemia e le nuove risorse sono un’opportunità unica»

«Ci sono, insomma, le risorse per iniziare una stagione nuova», commenta il Speranza. «I due anni che abbiamo affrontato – continua – sono stati senza precedenza. Il sistema sanitario è stato messo a dura prova da un virus nuovo che ci ha messo in difficoltà» ma a cui poi sono state trovate «risposte concrete, a partire dalla campagna vaccinale. Una campagna di vaccinazione che ci mette tra i migliori Paesi. Il sistema sanitario ha cercato di resistere alle ondate che lo hanno investito, provvedendo a recuperare, per esempio, le liste d’attesa quando la pandemia ha dato una tregua. Il monitoraggio rapido ha confermato la sua importanza in questi due anni. Affrontiamo un tempo nuovo della pandemia, perché siamo ancora dentro la lotta, con l’opportunità unica che le risorse a disposizione mettono a favore del sistema sanitario».

Per Speranza la valutazione delle performance delle Regioni è essenziale

Nei piani per la nuova sanità, secondo il ministro, dovrà essere data massima importanza alla valutazione delle performance, effettuata con «tempestività, efficacia, trasparenza e capacità di penetrare nei vari ambiti di lavoro del nostro Servizio sanitario nazionale». In questo modo potremo avere «una fotografia reale – continua Speranza – di cosa sta funzionando e dei punti per migliorare livello qualitativo il Ssn. Un lavoro utile e prezioso, soprattutto nel momento in cui lo Stato centrale, memore della lezione del Covid, decide di mettere in campo investimenti senza precedenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...