Salute 12 Luglio 2019

Sistemi 118, Emilio Viafora (Federconsumatori): «Stop demedicalizzazione mezzi soccorso, chiediamo incontro al Ministro»

Il presidente dell’associazione di consumatori in campo per garantire che tutti abbiano un soccorso sanitario appropriato sull’intero territorio nazionale: al momento grandi difformità tra le regioni: «Chiediamo che i cittadini abbiano già nel primo intervento tutti e tre gli operatori (medici, infermieri, autisti soccorritori) in modo tale che si evitino le morti improprie perché i tempi di intervento possono essere determinanti per la salvezza della vita»

Considerare mezzi di emergenza solo quelli con a bordo medico, infermiere autista soccorritore e tutela del numero di emergenza 118 integrato nel 112. Sono tra le principali richieste che Federconsumatori rivolge al governo. L’associazione è scesa in campo per garantire che il cittadino abbia un soccorso sanitario appropriato sull’intero territorio nazionale, cosa al momento non garantita come denunciato anche dal presidente del Sis 118 Mario Balzanelli. Federconsumatori, insieme a Sis 118 e Fnomceo, ha denunciato le difformità territoriali del sistema di primo soccorso puntando l’indice sulla «demedicalizzazione e privatizzazione del servizio con grandi differenze a livello regionale». Sullo sfondo il tema del numero unico di emergenza 112 che non sta funzionando come dovrebbe: secondo gli ultimi dati il dato mediano relativo al tempo che intercorre tra la chiamata al 112 e il trasferimento alla centrale operativa del 118 è di oltre un minuto, 60 secondi che possono essere determinanti, ad esempio, in caso di infarto. Ne abbiamo parlato con il presidente di Federconsumatori Emilio Viafora che ha chiesto un incontro al ministro per affrontare il problema.

LEGGI ANCHE: PRIMO SOCCORSO, SIS 118, FEDERCONSUMATORI E FNOMCEO CHIEDONO RIFORMA. BALZANELLI (SIS 118): «SUI MEZZI DI SOCCORSO SERVONO MEDICI, INFERMIERI E AUTISTI SOCCORRITORI»

Presidente, lei rappresenta i consumatori. Ci sono differenze nella gestione del 118 da regione a regione, da azienda ad azienda e questo è un grave rischio per l’utente/paziente…

«Noi infatti siamo un’associazione che mette insieme i cittadini che vogliono un servizio efficiente, di qualità e per fare questa battaglia chiedono che ci sia una interlocuzione del governo anche con gli utenti e forse il dato positivo per la prima volta è che siamo riusciti a mettere insieme tutte le professionalità che operano nel sistema sanitario e che insieme valutano che bisogna riorganizzare un servizio di emergenza che sia all’altezza delle domande che arrivano dalla popolazione».

Avere un medico a bordo di una ambulanza a volte può salvare la vita…

«Noi pensiamo che ci debbano essere servizi essenziali garantiti in tutto il paese, in tutte le province per tutti i cittadini italiani. Poi diciamo che è necessario che non si dividano tra mezzi di soccorso con infermieri specializzati, altri con medici e altri ancora solo con autisti soccorritori, ma che i cittadini abbiano già nel primo intervento tutti e tre gli operatori in modo tale che si evitino le morti improprie perché i tempi di intervento possono essere determinanti per la salvezza della vita e per avere altri interventi che ti consentano una qualità della vita buona».

Aspettate un segnale dal ministro?

«Noi l’abbiamo sollecitato, ci auguriamo che ci sia la sensibilità, visto anche lo schieramento che mettiamo in campo di stare a sentire anche le nostre ragioni così come chiederemo alla Conferenza Stato regioni di rivedere alcuni modelli che non hanno funzionato».

Articoli correlati
Carenza medici, Odg di Tiramani (Lega): «Garantire accesso a SSN a medici abilitati privi di diploma di specializzazione»
«È necessario che delle figure non specializzate, come avviene già in diverse regioni d'Italia e per certi servizi, come il 118, possano svolgere anche mansioni di guardia medica nel Pronto soccorso ed in medicina generale» sottolinea il deputato leghista
Medici nelle scuole: studenti a lezione di salute e di primo soccorso
«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita […]
Ancora un’aggressione, a Sassari ambulanza a fuoco per un petardo. FIMMG: «Siamo in trincea»
La preoccupazione del segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, Francesco Marino: «In media un’aggressione fisica o verbale ogni due giorni»
A Trieste aggressione al 118, Mazzacane (Cisl Lombardia): «Interventi rieducativi in ospedale per aggressori»
Ancora un caso di violenza contro gli operatori sanitari nei giorni scorsi a Trieste ai danni degli operatori del 118. Immediata la risposta dei sindacati: ecco la proposta di CISL medici Lombardia per contrastare il fenomeno
di Federica Bosco
Sistema 118, pronta mozione per riformarlo. Castellone (M5S): «Piante organiche, incentivi e tecnologie per renderlo efficiente»
«Vogliamo che tutte le centrali operative siano dotate di geolocalizzazione» sottolinea la senatrice M5S. Parla il patrigno di Simon Gautier, escursionista francese morto in Cilento a seguito di una caduta e ritrovato dopo dieci giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco