Salute 10 Febbraio 2021 13:05

SIOT lancia il decalogo per far conoscere i danni del fumo sull’apparato muscolo scheletrico

Farez (Past President Società italiana ortopedia e traumatologia): «Linee guida che analizzano i rischi, la strategia di comunicazione e il ruolo dei prodotti alternativi»

di Federica Bosco

Smettere di fumare è necessario, non solo per limitare i rischi di malattie cardiovascolari e oncologiche, ma anche per preservare l’apparato muscolo scheletrico. A lanciare l’allarme 9 ortopedici su 10, secondo i quali il fumo riduce la densità mineraria ossea, aumenta il rischio di fratture in particolare all’anca e alla colonna vertebrale e determina un declino della forza e della resistenza muscolare, compromettendone il processo di rigenerazione. Per fronteggiare i rischi del fumo sul sistema muscolo scheletrico la Società italiana di ortopedia e traumatologia (SIOT) ha perciò stilato un decalogo.

Un decalogo per combattere il fumo fino dall’osso

«Al mondo ci sono un miliardo e 300 milioni di fumatori, una cifra che corrisponde al 20 percento della popolazione mondiale.  In Italia sono undici milioni. Numeri significativi che impongono una riflessione anche sull’incidenza che il fumo ha sulle ossa e sui muscoli – ha detto Francesco Falez, past president Siot nell’introdurre l’argomento –. Per questo abbiamo ritenuto necessaria la stesura delle linee guida. Ne è nato un decalogo con tre punti fondamentali: analisi dei danni del fumo sul sistema muscolo scheletrico, strategia della comunicazione e invito a cambiare le abitudini».

6 cittadini su 10 ignorano i rischi delle sigarette

La correlazione tra danni alle ossa e fumo era stata già al centro della ricerca condotta dall’Istituto Ixè su un campione di 800 cittadini, 350 medici specialisti e 100 pazienti ortopedici, e presentata lo scorso mese di giugno durante il forum di Siot “Combattere il fumo fino all’osso”, evidenziando un delta tra conoscenza e abitudini.  «Abbiamo riscontrato due dati interessanti – ha spiegato Margherita Sartorio Ad dell’Istituto Ixé ritornando sull’argomento – la maggior parte dei cittadini maggiorenni è consapevole che il fumo provoca danni all’apparato muscolo scheletrico, e questa fascia di popolazione si riferisce a chi ha avuto contatti con medici ortopedici, mentre ancora troppi, sei su dieci, coloro che ignorano i rischi causati dal consumo di sigarette sul sistema muscolo scheletrico». In particolare, è emerso che i pazienti conoscono tra gli effetti del fumo su muscoli e scheletro, la degenerazione di cartilagini, le infezioni post interventi chirurgici, l’osteoporosi, e il maggior tempo di recupero da fratture e interventi. Solo nel 33 percento dei casi, però, il consenso informato che viene presentato ai pazienti cita le complicanze del fumo.

Danni maggiori per i grandi fumatori

«Occorre avvisare i pazienti dei rischi di complicanze che il fumo comporta in caso di patologie delle ossa e di ricorso alla chirurgia ortopedica – ha aggiunto Umberto Tarantino, professore ordinario delle malattie dall’apparato locomotore dell’università di Tor Vergata –. Complicanze che sono maggiori anche del 40, 50 percento nei fumatori, ex fumatori e grandi fumatori, rispetto a chi non fa uso di sigarette. Le informazioni riportate nel consenso dovrebbero spingere i pazienti a smettere di fumare prima dell’intervento per non avere conseguenze dopo».

Strategie alternative per chi non riesce a smettere

Consapevolezza sì, ma poca attitudine a seguire le indicazioni. Nonostante il Covid abbia fatto registrare una diminuzione dei fumatori di 1,4 punti percentuali, (ovvero 630mila in meno), un 18 percento di italiani dichiara di non riuscire a smettere di fumare. Anche per questo il ruolo del decalogo è fondamentale. «Il calo registrato durante la pandemia è coinciso con l’aumento di utilizzatori di sigarette elettroniche e tabacco riscaldato nella misura rispettivamente dell’1 e dello 0,3 percento», ha posto in evidenza Simone Ripanti dirigente medico dell’Unità Operativa complessa di Ortopedia e Traumatologia del San Giovanni di Roma.  «Dopo un’attenta valutazione dell’abitudine al fumo del paziente che non riesce a smettere – si legge sul decalogo – l’ortopedico deve informarlo sulle possibili strategie alternative, come la possibilità di rivolgersi ad un centro specializzato in terapia farmacologica e di supporto psicologico, o informarlo sulla disponibilità di prodotti alternativi senza combustione (come prodotti a tabacco riscaldato o e-cig). L’ortopedico dovrà continuare a seguire il paziente per comprendere se tali strategie siano risultate efficaci».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza
L'utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
Il fumo accelera l’invecchiamento, ma smettere può invertire il processo
Che il fumo abbia molteplici effetti negativi sulla salute è noto ormai da tempo. Ma ora uno studio della Hangzhou Normal University, in Cina, ha trovato le prove di un legame tra il fumo e l'invecchiamento accelerato. I risultati sono stati presentati in occasione del congresso della Società Respiratoria Europea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...