Salute 3 giugno 2014

SIF Eventi: la “cura” migliore per la formazione dei professionisti della sanità

L’Ad Andrea Tortorella: “Soluzioni di qualità per eventi residenziali con un comitato scientifico altamente qualificato”

Immagine articolo

Un’ accurata programmazione – sia in fase di organizzazione che in quella di gestione – degli eventi residenziali, un team altamente specializzato, l’attenzione verso le istanze di aggiornamento costante – oggi fondamentali per professionisti della sanità – unite alla capacità di coglierne le reali esigenze formative: sono questi gli ingredienti che danno vita al provider ideale.

Proprio di questo ci ha parlato Andrea Tortorella, Amministratore delegato di SIF Eventi, importante realtà nel panorama italiano dell’Educazione Continua in Medicina. SIF Eventi è la sezione di Sanità In Formazione dedicata all’organizzazione di eventi e congressi ECM.

Da dove nasce l’esigenza di questo “servizio”?
Come è noto, Sanità In Formazione garantisce agli operatori sanitari, da oltre 10 anni, un servizio di aggiornamento continuo. L’obiettivo è sia quello di fornire una riqualificazione professionale, sia consentire al professionista il conseguimento dei crediti necessari presso il Ministero della Salute. SIF Eventi, nello specifico, si occupa di eventi residenziali e, grazie anche ad un comitato scientifico altamente qualificato, offre soluzioni di qualità su misura per ogni esigenza, sia per i committenti sia – in modo complementare – per gli altri provider del settore. E lo fa curando ogni aspetto funzionale al successo di eventi e congressi ECM, dall’organizzazione alla comunicazione, all’ufficio stampa.

Grazie alla competenza acquisita e al nostro provider accreditato Age.Na.S. ci occupiamo dell’effettiva erogazione dei crediti ECM

Come riesce a garantire il risultato migliore?
SIF Eventi vanta un ufficio marketing altamente specializzato e un team composto da più di 350 consulenti, oltre a un database profilato con più di 400.000 professionisti. Ciò anche grazie alla partnership con Consulcesi, la più grande realtà medica italiana, che si posiziona oggi come punto di riferimento del mondo sanitario. Per questo siamo in grado di assicurare il risultato migliore entro 72 ore.

Nel dettaglio, quali sono le attività svolte dal reparto marketing?
Al fine di dare visibilità ad ogni evento e congresso ECM, ne seguiamo meticolosamente ogni aspetto: dall’ideazione del concept alla comunicazione, fino al report finale. Curiamo creatività DEM da inviare al nostro database profilato di oltre 400.000 professionisti, realizziamo mini siti ad hoc, ci occupiamo della diffusione agli organi d’informazione attraverso il nostro ufficio stampa. ll nostro comitato scientifico segue accuratamente la preparazione e lo svolgimento di ogni singolo evento, soprattutto dal punto di vista dei contenuti o si attiene scrupolosamente a quello indicato, in caso di Committenti scientifici. Parallelamente a queste attività, i nostri oltre 350 consulenti portano avanti il recall telefonico per chiedere conferma dei partecipanti. Infine, per dare all’evento l’istituzionalità che merita, grazie alla competenza acquisita e al nostro provider accreditato Age.na.s, ci occupiamo dell’effettiva erogazione dei crediti ECM.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800 135 959 ed il sito www.sanitainformazione.it 
Articoli correlati
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...