Salute 15 Giugno 2018 15:21

Untore HIV Ancona, lo psichiatra: «Forse meccanismo di negazione della malattia, ma non psichiatrizziamo tutto»

Sieropositivo che ha avuto rapporti non protetti con 200 persone è stato arrestato con l’accusa di lesioni gravissime dolose. Bernardo Carpiniello, Presidente della Società Italiana di Psichiatria: «Non mi stupirei se una valutazione clinica rivelasse l’assenza di un disturbo mentale. C’è una cultura anti-medica che si sta diffondendo sempre di più»

Untore HIV Ancona, lo psichiatra: «Forse meccanismo di negazione della malattia, ma non psichiatrizziamo tutto»

È sieropositivo all’Hiv da almeno nove anni, eppure avrebbe avuto rapporti sessuali non protetti con oltre duecento partner occasionali. Per questo Claudio Pinti, autotrasportatore di 36 anni di un piccolo centro dell’hinterland di Ancona, è stato arrestato dalla Squadra Mobile e dal Servizio Centrale Operativo (Sco) della Polizia con l’accusa di lesioni gravissime dolose. È stata la compagna ad averlo denunciato, dopo aver scoperto il contagio e a far scattare le indagini, anche in considerazione dei possibili pericoli per altre potenziali vittime del presunto “untore”, che gli inquirenti stanno ricercando per invitarle a sottoporsi agli accertamenti o alle cure del caso. Lo scorso agosto Pinti aveva perso l’ex compagna stroncata dall’Aids: se dovesse essere confermato che è stato lo stesso Pinti ad averla contagiata, si verificherà la circostanza che potrebbe portare anche a contestare l’ulteriore ipotesi di omicidio volontario.

L’untore rifiuta di riconoscere l’esistenza della patologia e di curarsi. Un comportamento alla base del quale «potrebbero esserci meccanismi di minimizzazione o di negazione della malattia – spiega a Sanità Informazione il Presidente della Società Italiana di Psichiatria Bernardo Carpiniello -. Sono meccanismi di difesa psicologica che poi si associano a razionalizzazioni di tipo pseudoscientifico che servono alla persona ad autoconvincersi che il problema non esiste. Sostanzialmente sono meccanismi che potrebbero scatenarsi in modo automatico, inconscio e inconsapevole di fronte alla paura e all’angoscia di avere una malattia grave».

«È chiaro che questa sia solo una possibile chiave di interpretazione di comportamenti di questo genere. Anche perché – precisa il Presidente – non risulta che questa persona sia affetta da problemi psichiatrici. Sicuramente una valutazione andrà fatta e bisognerà cercare di capire come mai questa persona sia arrivata a tanto, ma non mi stupirei se uscisse fuori che non c’è un vero e proprio disturbo mentale che possa giustificare questo comportamento, anche se è un meccanismo che può destare perplessità».

«Attenzione a non psichiatrizzare qualunque cosa che fugge da spiegazione facile – continua Carpiniello –, che non è necessariamente sinonimo di patologia mentale. Altrimenti finiamo col giustificare qualunque tipo di comportamento diverso da ciò che ci si aspetterebbe da una persona nelle medesime situazioni. Ecco perché noi della Società Italiana di Psichiatria siamo molto prudenti».

«D’altro canto teniamo presente – prosegue – che viviamo in un mondo che nega l’importanza delle vaccinazioni: c’è una cultura anti-medica che si sta diffondendo sempre di più. Siamo ovviamente ad un livello diverso, ma c’è un’ondata di atteggiamenti non razionali che colpisce vasti strati della popolazione».

«Infine sappiamo, anche per esperienza clinica diretta, che la maggior parte dei sieropositivi rispetta delle regole prudenziali e precauzionali per non propagare il contagio; ma la verità è che noi sappiamo poco di come realmente nella vita di ogni giorno le persone prendano le loro scelte quando sanno di essere sieropositivi. Non voglio dire che ci potrebbero essere molte altre persone che si comportano allo stesso modo, però non abbiamo dati per dire con sicurezza che quello dell’untore di Ancora sia un caso isolato», conclude.

LEGGI ANCHE: MA QUANTO SANNO I NOSTRI RAGAZZI SULL’AIDS? L’INDAGINE DI ANLAIDS

Articoli correlati
Usa: uomo guarisce da HIV, è il quarto caso al mondo
In California un uomo di 66 anni, sieropositivo da oltre 40 anni, non presenta alcuna traccia del virus dell'HIV. È in remissione da 17 mesi senza terapia antiretrovirale
HIV, Icar 2022. Maggiolo (SIMIT): «Eradicazione lontana, ma le terapie long-acting sono il punto di svolta»
Lo specialista: «Durante l’ultimo anno sono calate le nuove diagnosi di HIV. Due le motivazioni: meno test in pandemia, ma anche maggiore efficacia delle terapie per la riduzione della trasmissione. Tuttavia, a livello globale, l’HIV è ancora un’epidemia»
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Giornata contro AIDS. Andreoni (Simit): «Il 95% dei pazienti oggi ha una vita normale, negli anni ‘80 moriva»
Il direttore scientifico della Simit: «La maggior parte dei soggetti con HIV in cura è over 60: l’età che avanza è la dimostrazione che le terapie funzionano. Necessario incrementare gli screening: con test eseguiti solo alla comparsa dei sintomi le diagnosi sono tardive»
di Isabella Faggiano
AIDS. Prevenzione, lotta allo stigma e terapie: alla Camera una legge per una nuova presa in carico del paziente
Il Ddl bipartisan, a prima firma D’Attis, prevede che l’esperienza maturata nella cura dell’AIDS possa diventare un modello organizzativo per crisi analoghe. Per i minori dai 16 ai 18 anni possibile fare il test anche senza il consenso del genitore. E il datore di lavoro non potrà svolgere indagini per accertare lo stato di sieropositività dei dipendenti
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale