Salute 15 Giugno 2018

Untore HIV Ancona, lo psichiatra: «Forse meccanismo di negazione della malattia, ma non psichiatrizziamo tutto»

Sieropositivo che ha avuto rapporti non protetti con 200 persone è stato arrestato con l’accusa di lesioni gravissime dolose. Bernardo Carpiniello, Presidente della Società Italiana di Psichiatria: «Non mi stupirei se una valutazione clinica rivelasse l’assenza di un disturbo mentale. C’è una cultura anti-medica che si sta diffondendo sempre di più»

Immagine articolo

È sieropositivo all’Hiv da almeno nove anni, eppure avrebbe avuto rapporti sessuali non protetti con oltre duecento partner occasionali. Per questo Claudio Pinti, autotrasportatore di 36 anni di un piccolo centro dell’hinterland di Ancona, è stato arrestato dalla Squadra Mobile e dal Servizio Centrale Operativo (Sco) della Polizia con l’accusa di lesioni gravissime dolose. È stata la compagna ad averlo denunciato, dopo aver scoperto il contagio e a far scattare le indagini, anche in considerazione dei possibili pericoli per altre potenziali vittime del presunto “untore”, che gli inquirenti stanno ricercando per invitarle a sottoporsi agli accertamenti o alle cure del caso. Lo scorso agosto Pinti aveva perso l’ex compagna stroncata dall’Aids: se dovesse essere confermato che è stato lo stesso Pinti ad averla contagiata, si verificherà la circostanza che potrebbe portare anche a contestare l’ulteriore ipotesi di omicidio volontario.

L’untore rifiuta di riconoscere l’esistenza della patologia e di curarsi. Un comportamento alla base del quale «potrebbero esserci meccanismi di minimizzazione o di negazione della malattia – spiega a Sanità Informazione il Presidente della Società Italiana di Psichiatria Bernardo Carpiniello -. Sono meccanismi di difesa psicologica che poi si associano a razionalizzazioni di tipo pseudoscientifico che servono alla persona ad autoconvincersi che il problema non esiste. Sostanzialmente sono meccanismi che potrebbero scatenarsi in modo automatico, inconscio e inconsapevole di fronte alla paura e all’angoscia di avere una malattia grave».

«È chiaro che questa sia solo una possibile chiave di interpretazione di comportamenti di questo genere. Anche perché – precisa il Presidente – non risulta che questa persona sia affetta da problemi psichiatrici. Sicuramente una valutazione andrà fatta e bisognerà cercare di capire come mai questa persona sia arrivata a tanto, ma non mi stupirei se uscisse fuori che non c’è un vero e proprio disturbo mentale che possa giustificare questo comportamento, anche se è un meccanismo che può destare perplessità».

«Attenzione a non psichiatrizzare qualunque cosa che fugge da spiegazione facile – continua Carpiniello –, che non è necessariamente sinonimo di patologia mentale. Altrimenti finiamo col giustificare qualunque tipo di comportamento diverso da ciò che ci si aspetterebbe da una persona nelle medesime situazioni. Ecco perché noi della Società Italiana di Psichiatria siamo molto prudenti».

«D’altro canto teniamo presente – prosegue – che viviamo in un mondo che nega l’importanza delle vaccinazioni: c’è una cultura anti-medica che si sta diffondendo sempre di più. Siamo ovviamente ad un livello diverso, ma c’è un’ondata di atteggiamenti non razionali che colpisce vasti strati della popolazione».

«Infine sappiamo, anche per esperienza clinica diretta, che la maggior parte dei sieropositivi rispetta delle regole prudenziali e precauzionali per non propagare il contagio; ma la verità è che noi sappiamo poco di come realmente nella vita di ogni giorno le persone prendano le loro scelte quando sanno di essere sieropositivi. Non voglio dire che ci potrebbero essere molte altre persone che si comportano allo stesso modo, però non abbiamo dati per dire con sicurezza che quello dell’untore di Ancora sia un caso isolato», conclude.

LEGGI ANCHE: MA QUANTO SANNO I NOSTRI RAGAZZI SULL’AIDS? L’INDAGINE DI ANLAIDS

Articoli correlati
Hiv, la terapia antiretrovirale protegge come un condom. Lo rivela una ricerca europea
Quello che accade è che il virus non viene eliminato ma "bloccato" e il contagio fra partner non avviene. In pratica la carica virale è azzerata
Aumentano i giovani con disturbi mentali: 8.000 in più nel 2016
È stato presentato, nella seduta congiunta della commissioni Politiche per la salute e Scuola, Giovani e Cultura della Regione Emilia-Romagna, il programma regionale sui percorsi di salute mentale per gli adolescenti. Dal 2010 al 2016 le persone con età compresa tra i 14 e i 25 anni ricoverati nei dipartimenti di salute mentale sono aumentati. […]
AIDS, paziente guarisce dopo trapianto cellule staminali
Per la seconda volta da quando è scoppiata l'epidemia legata all'Hiv, il virus che causa l'Aids, un paziente a Londra sembrerebbe essere stato curato dall'infezione: lo riporta la rivista scientifica Nature
Test Hiv su minori senza consenso genitori, arriva il sì del Garante per l’Infanzia al ministro Grillo
Il ministro Grillo: «Per rendere più semplice l’accesso alla diagnosi per i giovanissimi è essenziale intercettare precocemente l’eventuale contagio da Hiv o da altre malattie sessualmente trasmesse; Per questo, sono molto soddisfatta della positiva risposta dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza alla mia richiesta di lavorare insieme a una norma per superare questa regola ormai obsoleta»
Aids, vaccino italiano abbatte il 90% del virus
Lo studio è condotto in otto centri clinici in Italia e presenta i dati del monitoraggio clinico a lungo termine di 92 volontari vaccinati del precedente studio clinico condotto dall'Iss.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...