Salute 26 Giugno 2019

Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente

Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell’unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Dalla sicurezza delle cure alla gestione del rischio clinico, la qualità del Servizio sanitario nazionale si misura anche con il benessere degli operatori della sanità. Questo uno dei punti affrontanti durante il convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, un appuntamento che ormai si rinnova ogni anno all’Università Sapienza di Roma. L’evento, organizzato dal Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, Paola Frati e il Professor Vittorio Fineschi, ha avuto tra i suoi relatori Giambattista Catalini, direttore dell’unità di Chirurgia generale dell’ospedale di Camerino che hai nostri microfoni ha spiegato la correlazione esistente tra l’errore medico e il sovraffollamento nelle strutture ospedaliere, un esempio su tutti: i pronto soccorso.

«Il sovraffollamento nei pronto soccorsi sono legati a un collo di bottiglia, – commenta il professor Catalini – perché non si ha poi la possibilità di smistare i pazienti che vi arrivano. Questo accade perché noi abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive. È vero che c’è bisogno di posti per pazienti cronici, perché le disabilità legate all’aumento dell’età media, questo chiedono. È anche vero che le due “T”, cioè i traumi e i tumori sono le principali cause di morte. Allora un paziente traumatizzato, dove lo porti? Lo porti al pronto soccorso dell’ospedale pubblico, difficilmente una casa di cura privata fa urgenza o emergenza. Quindi è necessario rivedere questo numero. Roma ne è un esempio: causando l’intasamento, l’intasamento causa una discrepanza fra ciò che il paziente e i suoi familiari si aspettano dal trattamento di pronto soccorso e quindi si trovano davanti una lunga lista di attesa con operatori sfiniti e reagiscono in maniera esuberante, talvolta violenta».

LEGGI: RISCHIO CLINICO E CONTENZIOSO, PAOLA FRATI (MEDICINA LEGALE): «PROMUOVERE FORMAZIONE DI QUALITÀ PER IMPLEMENTARE BUONE PRATICHE»

A cambiare anche il rapporto tra medico e paziente. Rispetto al passato i camici bianchi hanno riscontrato la perdita del “rispetto” da parte dell’utenza nei confronti del proprio ruolo. «Le figure un po’ “carismatiche” sono venute a cadere quasi tutte. Può essere un bene, – spiega il primario di Camerino – può essere un male, questo non lo so. Però so che in talune situazioni il rispetto della gradazione dei ruoli c’è. Basti pensare anche al mondo religioso, basti pensare anche al mondo militare, c’è un rispetto. Al livello societario, nel mondo privato bancario o assicurativo, c’è un rispetto dei ruoli. Non lo abbiamo all’interno del pubblico. Non esiste proprio. Il primario, io lo sono da 15 anni, è responsabile di ogni cosa che accade nel suo reparto, ma non ha la possibilità di poter “gestire” per esempio il personale sanitario. Il personale sanitario è diverso dal personale medico. In Italia si tende a confondere l’atto sanitario con l’atto medico.

«La stessa legge Gelli parla degli esercenti le professioni sanitarie – continua Catalini -. Ora questo non sarebbe mai stato scritto quarant’anni fa e onestamente non credo sia un vantaggio. Chi ha un a laurea nelle professioni sanitarie fa un atto sanitario, chi ha una laurea in Medicina e Chirurgia fa un atto medico, non possono essere sovrapponibili, perché le due prestazioni non sono sovrapponibili. L’intervento chirurgico uno sceglie il chirurgo che lo fa, non lo fa uno laureato in professioni sanitarie. Coadiuva e partecipa, un ruolo sicuramente importante, con il chirurgo nell’atto medico, quindi c’è una collaborazione come giusto che sia tra atto sanitario e atto medico, ma non sono la stessa cosa».

Articoli correlati
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone