Salute 26 Giugno 2019

Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente

Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell’unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»

di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Immagine articolo

Dalla sicurezza delle cure alla gestione del rischio clinico, la qualità del Servizio sanitario nazionale si misura anche con il benessere degli operatori della sanità. Questo uno dei punti affrontanti durante il convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, un appuntamento che ormai si rinnova ogni anno all’Università Sapienza di Roma. L’evento, organizzato dal Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, Paola Frati e il Professor Vittorio Fineschi, ha avuto tra i suoi relatori Giambattista Catalini, direttore dell’unità di Chirurgia generale dell’ospedale di Camerino che hai nostri microfoni ha spiegato la correlazione esistente tra l’errore medico e il sovraffollamento nelle strutture ospedaliere, un esempio su tutti: i pronto soccorso.

«Il sovraffollamento nei pronto soccorsi sono legati a un collo di bottiglia, – commenta il professor Catalini – perché non si ha poi la possibilità di smistare i pazienti che vi arrivano. Questo accade perché noi abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive. È vero che c’è bisogno di posti per pazienti cronici, perché le disabilità legate all’aumento dell’età media, questo chiedono. È anche vero che le due “T”, cioè i traumi e i tumori sono le principali cause di morte. Allora un paziente traumatizzato, dove lo porti? Lo porti al pronto soccorso dell’ospedale pubblico, difficilmente una casa di cura privata fa urgenza o emergenza. Quindi è necessario rivedere questo numero. Roma ne è un esempio: causando l’intasamento, l’intasamento causa una discrepanza fra ciò che il paziente e i suoi familiari si aspettano dal trattamento di pronto soccorso e quindi si trovano davanti una lunga lista di attesa con operatori sfiniti e reagiscono in maniera esuberante, talvolta violenta».

LEGGI: RISCHIO CLINICO E CONTENZIOSO, PAOLA FRATI (MEDICINA LEGALE): «PROMUOVERE FORMAZIONE DI QUALITÀ PER IMPLEMENTARE BUONE PRATICHE»

A cambiare anche il rapporto tra medico e paziente. Rispetto al passato i camici bianchi hanno riscontrato la perdita del “rispetto” da parte dell’utenza nei confronti del proprio ruolo. «Le figure un po’ “carismatiche” sono venute a cadere quasi tutte. Può essere un bene, – spiega il primario di Camerino – può essere un male, questo non lo so. Però so che in talune situazioni il rispetto della gradazione dei ruoli c’è. Basti pensare anche al mondo religioso, basti pensare anche al mondo militare, c’è un rispetto. Al livello societario, nel mondo privato bancario o assicurativo, c’è un rispetto dei ruoli. Non lo abbiamo all’interno del pubblico. Non esiste proprio. Il primario, io lo sono da 15 anni, è responsabile di ogni cosa che accade nel suo reparto, ma non ha la possibilità di poter “gestire” per esempio il personale sanitario. Il personale sanitario è diverso dal personale medico. In Italia si tende a confondere l’atto sanitario con l’atto medico.

«La stessa legge Gelli parla degli esercenti le professioni sanitarie – continua Catalini -. Ora questo non sarebbe mai stato scritto quarant’anni fa e onestamente non credo sia un vantaggio. Chi ha un a laurea nelle professioni sanitarie fa un atto sanitario, chi ha una laurea in Medicina e Chirurgia fa un atto medico, non possono essere sovrapponibili, perché le due prestazioni non sono sovrapponibili. L’intervento chirurgico uno sceglie il chirurgo che lo fa, non lo fa uno laureato in professioni sanitarie. Coadiuva e partecipa, un ruolo sicuramente importante, con il chirurgo nell’atto medico, quindi c’è una collaborazione come giusto che sia tra atto sanitario e atto medico, ma non sono la stessa cosa».

Articoli correlati
Coronavirus, Cisl Medici Lazio a D’Amato: «Metta in sicurezza il personale sanitario»
Crescono ancora i casi di contagi da coronavirus nel Lazio. Luciano Cifaldi, segretario Cisl Medici Lazio e Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti hanno deciso di scrivere una lettera all’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. «Assessore D’Amato, i medici e i dirigenti della Cisl Medici Lazio continueranno a dare la massima collaborazione in questa battaglia […]
Coronavirus, l’accusa del segretario Nursing Up Piemonte: «Non si fanno più tamponi agli infermieri»
Claudio Delli Carri racconta cosa sta accadendo all’ospedale le Molinette di Torino tra mascherine fai-da-te, turni massacranti e insufficienza di dispositivi di protezione individuale
Coronavirus: quando finirà la crescita esponenziale dei contagi? Ecco cosa dicono i numeri
Su internet gli esperti discutono di grafici: la situazione italiana vicina al modello cinese. Intervista ad Enzo Marinari (Sapienza) e Guido Caldarelli (IMT School for Advanced Studies)
di Tommaso Caldarelli
SIMEU, effetto coronavirus: «Calano fino al 30% gli accessi in pronto soccorso»
«Il calo certamente è frutto del timore del contagio diffuso fra la popolazione e dell'osservanza delle restrizioni sulla frequentazione di luoghi affollati imposte a livello istituzionale» così Salvatore Manca, presidente nazionale della Società italiana di medicina di emergenza-urgenza
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...