Salute 29 Maggio 2019

Sesso, 63% italiani ha avuto rapporti non protetti. Rossi(FISS): «Dobbiamo promuovere la salute sessuale»

«Scarso utilizzo dei contraccettivi e di pari passo anche lo scarso utilizzo per esempio del condom», spiega a Sanità e Informazione Roberta Rossi, presidente Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica (FISS)

Immagine articolo

Il 63,3% dei 18-40enni italiani ha avuto rapporti sessuali completi non protetti, è quanto si legge nel Rapporto Censis-Bayer sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani, presentato in Senato. Il documento, che fornisce una radiografia dettagliata della vita intima della popolazione sulla base di un’indagine che ha coinvolto 1860 individui tra i 18 e i 40 anni nel periodo 1 marzo – 15 marzo 2019 con metodologia Cawi (Computer Assisted Web Interviewing), sottolinea che le persone ricorrono meno alla contraccezione.

«Abbiamo un dato che purtroppo ancora ritorna è lo scarso utilizzo dei contraccettivi e di pari passo anche lo scarso utilizzo per esempio del condom», spiega a Sanità e Informazione Roberta Rossi, presidente Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica (FISS). «Rimane un “buco” rispetto a quello che è un discorso di protezione, di gravidanza indesiderate oppure di infezioni sessualmente trasmissibili che dovremmo cercare in qualche modo di colmare, perché molte delle persone che rispondo all’indagine parlano dei contraccettivi e del pensiero del contraccettivo come se fosse una seccatura o una limitazione. Allora questo è veramente un punto sul quale dobbiamo interrogarci, dobbiamo discutere e trovare delle strategie perché sempre di più passi un discorso di promozione della salute sessuale».

LEGGI: SESSO, ITALIANI SENZA TABÙ: AUMENTANO I PARTNER MA CON POCA CONTRACCEZIONE. IL RAPPORTO CENSIS-BAYER

«La fotografia che ci danno è di un grande cambiamento» continua Roberta Rossi. «Ci dice che gli italiani fanno più sesso con un repertorio più ampio, quindi tutte quelle pratiche che abbiamo sempre pensato essere trasgressive, in realtà non lo sono e sono entrate nella pratica comune. C’è una prevalenza di fruizione anche del porno e anche della tecnologia attraverso i messaggini. Però tutto sommato credo che sia una fotografia positiva, nel senso che è vero che c’è una parte degli italiani che dice di non fare sesso però è anche vero che la stragrande maggioranza delle persone hanno un sesso, non solo regolare, ma soprattutto con una buona soddisfazione. Addirittura, maggiore rispetto a quella che è la soddisfazione che riportano della loro vita generale. In qualche modo è come se la sessualità diventasse anche un po’ ristoratrice rispetto a quelle che sono gli aspetti più di frustrazione della vita quotidiana. Quindi sessualità per il piacere, in questo campione la sessualità è disgiunta dall’aspetto prettamente procreativo ed è una sessualità che viene ricercata proprio per il piacere della sessualità».

Articoli correlati
Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità
Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci
Sesso, italiani senza tabù: aumentano i partner ma con poca contraccezione. Il Rapporto Censis-Bayer
Prevale il piacere sull’amore. Vent'anni fa le donne che separavano il sesso dall'amore erano il 37,5%, oggi sono aumentate al 77,4%. «Naturalmente questa è una sessualità che assomiglia molto alla genitalità», spiega lo psicologo Paolo Crepet
Hiv, la terapia antiretrovirale protegge come un condom. Lo rivela una ricerca europea
Quello che accade è che il virus non viene eliminato ma "bloccato" e il contagio fra partner non avviene. In pratica la carica virale è azzerata
Pillola, spirale, anello o preservativo? Tutto quello che c’è da sapere su contraccezione in un e-book firmato Sic
#ChiediloaSIC: dalla seconda edizione della rubrica social ideata dalla Società italiana della Contraccezione è nato un libro, consultabile gratuitamente online, che  risponde alle reali esigenze informative degli utenti
di Isabella Faggiano
Nasce il Pelvic Center, centro per la diagnosi e la cura delle malattie pelvico-perineali e dei prolassi
Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali