Salute 20 Maggio 2022 18:35

Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde

Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari

Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde. «Eric, acronimo di Endoscopy robot for intelligent chatbot è un assistente virtuale di Artificial Intelligence (AI), rapido e puntuale, capace di dare risposte in autonomia a gran parte dei dubbi di un paziente che deve sottoporsi a un esame endoscopico», spiega il professor Guido Costamagna, Direttore UOC di Endoscopia Digestiva Chirurgica della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Ordinario di Chirurgia generale all’Università Cattolica

Il boom degli assistenti virtuali

Il settore degli assistenti virtuali è in forte espansione: si stima che il mercato globale possa raggiungere i 3,5 miliardi di dollari nel 2025. In particolare è l’intelligenza artificiale conversazionale, quella su cui si basa il funzionamento di Eric, ad aver rivoluzionato il modo in cui le persone si interfacciano con la tecnologia. Avere la possibilità di conversare, seguendo le dinamiche del linguaggio naturale, abbatte gran parte degli ostacoli che gli utenti meno inclini alle nuove tecnologie possono incontrare utilizzando i più moderni strumenti digitali.

Come funziona Eric

L’Intelligenza Artificiale conversazionale consente di creare dialoghi personalizzati attraverso le tecnologie di Natural Language Processing e Deep Learning. Eric, ad esempio, dispone di reti neurali artificiali che gli consentono di sostenere conversazioni in linguaggio naturale, apprendendo in maniera automatica dalle interazioni con gli utenti stessi. E laddove Eric non fosse in grado di formulare una risposta precisa, sarà la stessa piattaforma a inoltrare a un operatore sanitario la richiesta affinché il paziente possa ricevere l’adeguata assistenza. «Grazie a strumenti di Intelligenza Artificiale conversazionale come questo – aggiunge il professore – sarà possibile ridurre l’intervento di medici e personale operativo per gli aspetti puramente informativi, lasciando che abbiano più tempo per occuparsi della cura dei propri pazienti».

Eric in numeri

Dati alla mano, dall’introduzione dell’intelligenza artificiale conversazionale nei sistemi del Policlinico Gemelli, Eric è stato in grado di gestire autonomamente il 94% delle domande inviate dai pazienti, inoltrando quindi solo il restante 6% delle richieste a operatori umani specializzati. Le valutazioni dei pazienti sono entusiasmanti, l’88% ha valutato il servizio eccellente, con un tempo medio di conversazione tra paziente e assistente virtuale pari a 2 minuti e mezzo.

L’AI a servizio dell’endoscopia

L’AI conversazionale è attiva al Policlinico Gemelli di Roma da gennaio 2022: «Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto l’Artificial Intelligence conversazionale tra i nostri strumenti di assistenza sanitaria in ambito endoscopico – racconta il professor Costamagna -. In questo caso specifico, i pazienti che dovranno effettuare una colonscopia potranno consultare l’assistente virtuale Eric per ricevere indicazioni sulla preparazione all’esame. Crediamo fermamente che questo nuovo servizio Endo-chat possa migliorare il percorso e la preparazione del paziente essendo parte integrante della nostra trasformazione digitale».

Uno strumento di medicina personalizzata

Una corretta informazione contribuisce a migliorare anche l’esito dell’esame stesso: «Durante una colonscopia, infatti, il colon deve essere pulito, perché solo così si potrà esaminarne con cura le pareti, al fine di scovare eventuali lesioni, infiammazioni o polipi – sottolinea il chirurgo endoscopico -. Una preparazione intestinale non adeguata può aumentare il rischio che l’esame effettuato possa risultare incompleto, rendendone necessario un ulteriore a distanza di poco tempo. Eric non solo guida il paziente, ma lo indirizza verso un tipo di preparazione personalizzato, adatto al suo caso clinico specifico». Spesso da paziente a paziente le domande si ripetono e pertanto possono risolversi in risposte standard. «Per questo motivo abbiamo da subito pensato che un assistente virtuale come Eric potesse venire incontro a questo tipo di esigenze, rispondendo alle domande più comuni in modo preciso, veloce ed esaustivo, 24 ore su 24», conclude lo specialista.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
Ictus e dolore cronico: con TMS e EEG trattamenti “su misura” per il paziente
In un paper pubblicato dai ricercatori del Brain Plasticity Group presso il CIMeC, la tecnica della stimolazione magnetica transcranica potrebbe abbreviare e potenziare la riabilitazione. Ecco in cosa consiste
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali