Salute 14 Maggio 2024 13:32

Scoperto nuovo biomarcatore per i tumori al pancreas e al polmone

Uno studio dell’Università di Verona e dell’Istituto oncologico veneto ha scoperto che la proteina Claudina 18 è un biomarcatore per l’individuazione precoce del cancro al pancreas e di adenocarcinoma polmonare

Scoperto nuovo biomarcatore per i tumori al pancreas e al polmone

Individuato un biomarcatore per l’individuazione precoce del cancro al pancreas e di adenocarcinoma polmonare. Si tratta della proteina Claudina 18 (Cldn18) già nota a medici e studiosi per il suo ruolo nei tumori gastrici. I risultati emersi nell’ambito di un recente studio sono stati pubblicati sulla rivista Immunity. Il gruppo che ha effettuato lo studio è composto da ricercatrici e ricercatori dell’Immunologia dell’università di Verona e dell’Istituto oncologico veneto (Iov) guidato dal direttore scientifico Vincenzo Bronte.

La proteina Cldn18 può essere un biomarcatore di prognosi più favorevole

Il gruppo di ricerca ha integrato analisi molecolari con cellule in coltura e studi preclinici con animali di laboratorio con tumore del pancreas, oltre ad analisi su campioni di tessuti di pazienti affetti da questo tipo di cancro. È stato così identificato e validato il ruolo della proteina Cldn18 nel regolare la risposta immune anti-tumorale in questo tipo di cancro. Più precisamente i ricercatori hanno dimostrato che l’espressione di Cldn18 nelle cellule tumorali è associata alla presenza dei linfociti T nelle lesioni precoci di tumore al pancreas e nell’adenocarcinoma polmonare. I risultati dimostrano inoltre che la proteina può essere un biomarcatore di prognosi più favorevole per questi tipi di tumore. L’espressione di Cldn18 insieme alla presenza di linfociti T infiltranti il tumore può infine permettere di individuare e raggruppare i pazienti per cui è prevista una più lunga sopravvivenza.

S apre la strada a nuovi approcci di immunoterapia

“La Claudina 18 – spiegano Francesco De Sanctis e Silvia Dusi, primi autori dell’articolo – è attivamente studiata quale bersaglio per trattamenti di immunoterapia con anticorpi specifici, mirati alla proteina stessa, nei pazienti con adenocarcinoma gastrico. I nostri studi indicano che la Cldn 18 svolge un ruolo inedito nella regolazione della risposta immune antitumorale anche in altri tipi di tumori, aprendo la strada a nuovi approcci di immunoterapia”. Dichiara Vincenzo Bronte, direttore scientifico dello Iov: “Nello specifico Cldn18 è il precursore di una nuova classe di proteine coinvolte nell’infiltrazione di linfociti T nei tumori. È importante sia per approcci terapeutici, sia per la stratificazione dei pazienti, vale a dire il raggruppamento delle diverse forme di malattia in sottogruppi in cui i processi patologici specifici coinvolti sono meglio definiti”.

La regolazione dell’espressione di Cldn18 può favorire l’efficacia dell’immunoterapia

“Da un punto di vista clinico, questi risultati indicano che Cldn18 può essere un biomarcatore prognostico di maggiore sopravvivenza e suggeriscono che la sua espressione regolata potrebbe favorire l’infiltrazione di cellule T e favorire l’efficacia dell’immunoterapia nei tumori solidi”, evidenzia Bronte. La ricerca è stata sostenuta dal Cancer research institute, Fondazione Airc, ministero della Salute e da fondi Prin e Pnrr.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...