Salute 11 Gennaio 2019

Scomparsa Aiuti, il ricordo dell’allievo Manuel Monti: «Ciao maestro, ci hai insegnato a crescere dagli errori. Quando tra noi scoccò la ‘scintilla’…»

Il vicepresidente della Simedet ha collaborato a lungo con l’immunologo, membro della stessa società: «L’ultima volta che l’ho visto, incredulo e indignato contro i no vax, piangendo ci ricordò delle decine di pazienti che morivano negli anni ‘60-‘70 per le complicanze della poliomielite, della rabbia, del morbillo. E poi quando mi vide con il piercing…»

di Manuel Monti, Vicepresidente Simedet
Immagine articolo

Il nostro prof. non c’è più. Quanto dolore e quanto amore in queste ultime ore in cui ci sentiamo orfani per la perdita di un grande maestro. In questi giorni l’incredulità, la fatica, la dolcezza del ricordo hanno il volto del prof. Fernando Aiuti.

Il mio primo personale ricordo riguarda quando, studente nella III Clinica medica, mi venne chiesto, a bruciapelo, il giorno di Pasqua, dalla dolce dott.ssa Elena: «Stiamo cercando un volontario per un progetto in Africa, vuoi partire?». Da incosciente quale ero e come sono tutt’ora gli risposi subito ‘sì’ e lei mi disse: «Devi però parlare con il professor Aiuti, devi convincerlo che sei all’altezza». All’epoca, parliamo di metà degli anni 2000, il professor Aiuti era temuto dagli studenti e dai collaboratori per la sua severità, il suo “caratteraccio” ma nello stesso tempo era già stimato e ammirato da tutti e in tanti giovani studenti eravamo invidiosi degli “Aiutini” i collaboratori del professor Aiuti…erano giovani ma pieni di passione, così intelligenti, sapevano unire la clinica alla ricerca senza dimenticare l’umanità.

LEGGI ANCHE: ADDIO A FERNANDO AIUTI, IMMUNOLOGO DI FAMA MONDIALE | L’ULTIMA INTERVISTA A SANITA’ INFORMAZIONE

Qualche giorno dopo andai dal Prof…io molto diverso dai suoi canoni…all’epoca avevo un piercing, non mi occupavo troppo dei formalismi e avevo sempre la battuta pronta. Ma incredibilmente scoccò la scintilla…e da quel momento fino ad oggi la mia strada si è incrociata con quella del professor Aiuti.

Da quel momento siamo rimasti sempre in contatto, mi ha fatto entrare nell’ANLAIDS e molti anni dopo io gli proposi di entrare nella società che stavamo creando, la SIMEDET, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica.

Alle sette della mattina lo vedevi già girare per la terza clinica medica, lui diceva «per evitare il traffico della Cassia», ma ho sempre creduto che fosse perché gli piaceva andare in reparto dai suoi pazienti all’inizio della giornata quando tutto era più calmo e poteva parlarci con più tranquillità e tempo.

Quanti ricordi si stanno raccogliendo in queste ore…ancora oggi alcuni degli “anziani” della III Clinica medica ricordano le battaglie contro lo stigma delle persone sieropositive e per far avere i farmaci antiretrovirali ai bambini che all’epoca non potevano riceverli e continuavano a morire.

Ci siamo visti l’ultima volta ad ottobre, incredulo e indignato contro i no vax, lui che, piangendo, ci ricordò delle decine di pazienti che morivano neglli anni ‘60-‘70 per le complicanze della poliomielite, della rabbia del morbillo.

Il prof Aiuti ha scavato nelle nostre vite, ci ha impartito una lezione unica: quella lezione, quel tratto caratteriale distintivo, quella capacità di rendere tutte le persone che incrociavano la sua strada consapevolmente uniche nel cuore e nella mente, quella forza d’animo nel domandare rigore intellettuale e nell’aiutare a vivere l’errore come opportunità di crescita e il successo, anche minimo, come importante conquista.

Avrei voluto “rubare” e imparare ancora di più da lei, Prof, facendo tesoro dei suoi insegnamenti ed è per questo che sento in piccola parte il peso di una eredità enorme che arriva in anticipo, ma che sono onorato di ricevere.

La vita è tutta in questo appassionato incontrarsi e costruire. Ciao maestro, che la terra ti sia lieve.

Articoli correlati
Specializzazioni, le proposte della Simedet per risolvere l’imbuto formativo e la carenza di medici
Aumentare i posti nelle scuole di specializzazioni e trasformare il contratto di formazione specialistica in un vero contratto di formazione-lavoro. Sono le due proposte che la Simedet, Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica presieduta da Fernando Capuano, ha avanzato per fermare la carenza di medici specialisti in Italia e la fuga di cervelli che […]
Simedet, l’immunologo Giuseppe Luzi nuovo responsabile Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine
Luzi è autore di oltre 200 lavori su riviste internazionali e italiane, libri e saggi nel settore delle patologie del sistema immunitario e dei deficit immunitari congeniti e acquisiti (AIDS e sindromi correlate), con ricerche in particolare nell’ambito della regolazione della risposta immunitaria e della sintesi degli anticorpi
“Le professioni Sanitarie nell’era post Covid-19”: dibattito promosso da Forum Risk e Simedet con tutti i Presidenti di Federazione
L’evento si svolgerà il prossimo 25 giugno. I responsabili scientifici Vasco Giannotti e Fernando Capuano: «La ripresa del Sistema Paese deve avvenire necessariamente dalle Professioni sanitarie e dal riconoscimento del loro capitale umano»
Covid19, il primo maggio ad Assisi commemorazione per onorare i sanitari caduti
Lo comunica una nota della Simedet. Il momento di raccoglimento avverrà nelle vicinanze dell’Ospedale di Assisi alle ore 12. I caduti saranno ricordati attraverso l’accensione delle luci lampeggianti dei mezzi di soccorso. Diretta sulla pagina Facebook della Società presieduta da Fernando Capuano
Covid19, online rivista della Simedet dedicata al coronavirus. Capuano: «A fine emergenza la sanità non sarà più come prima»
Nel numero anche un articolo di Antonio Panti (FNOMCeO) e del sociologo Paolo Trenta. Nell’editoriale il presidente della Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica: «Non siamo riusciti a proteggere e tutelare i nostri operatori sanitari in prima linea e nella rete territoriale con un elevato numero di vittime appartenenti a tutte le Professioni Sanitarie e con il pericolo concreto di compromettere la capacità di risposta del nostro Sistema Sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare