Salute 30 Gennaio 2018 17:05

Sanità, il monito di Jessica Faroni (Aiop Lazio): «Investire o rischio diminuzione aspettativa vita»

La responsabile regionale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata contesta il blocco della mobilità interregionale verso le regioni sotto commissariamento: «Lazio penalizzato a vantaggio delle regioni del nord»

Sanità, il monito di Jessica Faroni (Aiop Lazio): «Investire o rischio diminuzione aspettativa vita»

L’ultimo rapporto “Ospedali&Salute 2017” promosso dall’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) traccia un bilancio in chiaroscuro della sanità italiana con un trend che lascia presagire un futuro complicato. Colpa dei tagli alla sanità: la spesa per il Servizio sanitario nazionale, cresciuta a livello assoluto, è in realtà calata al 6,5% del Pil, secondo l’Oms soglia di allarme al di sotto la quale si riduce l’aspettativa di vita delle persone, l’accesso alle cure e la qualità dell’assistenza. Un dato che trova riscontro nelle statistiche fornite dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, secondo le quali gli abitanti del nord hanno una aspettativa di vita superiore di quattro anni a quella dei cittadini del sud Italia. A questo va aggiunto l’aumento della spesa sanitaria privata, in rialzo del 22,4% nell’ultimo decennio. In questo quadro, il ricorso agli ospedali privati accreditati o a cliniche private a pagamento, in alternativa alle strutture pubbliche, risulta essere una decisione che si stabilizza, negli ultimi 3 anni, attorno al 41% dei caregiver per la prima scelta e al 20% per la seconda. Abbiamo parlato di questi e di altri temi con Jessica Faroni, Presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata Lazio.

Dottoressa Faroni, lo studio presentato dall’Aiop mostra luci e ombre del Sistema sanitario. Il dato principale è il definanziamento progressivo in percentuale al Pil del comparto sanità. Come valuta questi dati?

«Sono dati che in parte conoscevamo e sono purtroppo quello ci aspettavamo ed è successo. È diminuita di fatto l’aspettativa di vita perché si è definanziato il sistema. Questo per tutta una serie di motivi, vuoi per i pronto soccorso, vuoi per il sovraccarico degli operatori sanitari, vuoi per le tecnologie non avanzate, ci sono tanti motivi per cui è successo questo. I numeri parlano da soli. Un definanziamento del genere provoca in un paese come il nostro dei disagi e dei danni fortissimi».

Il tasso di mobilità regionale a livello nazionale indica che le regioni sotto commissariamento hanno una maggiore percentuale di mobilità interregionale…

«Questa è una cosa che non conosce nessuno. È stato fatto un decreto 8 anni fa in cui si vietava la mobilità. Cioè noi del Lazio non potevamo accogliere pazienti fuori regione, non ci venivano pagati perché per qualche strano motivo le Regioni in piano di rientro non potevano accogliere pazienti da fuori regioni. Noi ci siamo battuti in tutti i modi, io soprattutto perché ero già all’epoca presidente Aiop Lazio, ottenendo pochissimi risultati. Questo ha comportato che regioni come la Lombardia e l’Emilia Romagna hanno vissuto in parte anche alle spalle del cittadino del Lazio che di fatto qui si vedeva i budget tagliati con liste d’attesa lunghe, mentre al nord aveva più libertà di poter andare. Noi del Lazio che potevamo rappresentare una attrattiva forte nei confronti di altre regioni siamo stati bloccati».

Come giudica l’operato della Giunta Zingaretti nel Lazio?

«Alla fine lo definisco abbastanza positivo per una serie di motivi. Il primo è che c’è stata una durata lunga in un momento storico molto difficile sia sul fronte della stabilità politica che su quello della mancanza di soldi. Cioè il definanziamento della sanità in una regione in piano di rientro amplifica un problema livello nazionale e lo porta a livello regionale».

Articoli correlati
Dal post Covid al PNRR. Aiop: «Nel Lazio si punta a sinergia pubblico-privato»
Dopo il Covid e con i finanziamenti inseriti nel PNRR, quale modello di sanità nascerà per i cittadini? Questo il tema dibattuto venerdì sera al Chiostro del Bramante durante la tavola rotonda “La nuova sanità dopo il PNRR” organizzato da AIOP Lazio nel corso della quale, moderati dal giornalista Gerardo D’Amico, si sono confrontati l’Assessore […]
G20 Salute, Cittadini (Aiop): «Valorizzare partnership pubblico-privato per sanità più efficace»
«Dal G20 sulla Salute è emersa in maniera chiara l’importanza della sinergia tra la componente di diritto privato del SSN e quella di diritto pubblico, in un impegno comune che coinvolga i cittadini, gli operatori sanitari, le istituzioni e le aziende. Questa partnership pubblico-privato può far sì che si abbia la possibilità di implementare un […]
Covid, Cittadini (Aiop): «Attacco hacker Lazio campanello allarme, tutelare dati sanitari»
«Occorre promuovere in tempi rapidi uno sviluppo digitale dei servizi offerti. Non solo la componente di diritto pubblico della sanità, ma anche quella di diritto privato può essere ugualmente messa a rischio», spiega la presidente di Aiop Barbara Cittadini
Covid, Cittadini (Aiop): «Sinergia tra la componente di diritto pubblico e quella di diritto privato del SSN per abbattere liste d’attesa»
«La pandemia ha messo in grande difficoltà il nostro Sistema Sanitario Nazionale. L’emergenza ha, infatti, spostato l’attenzione sui malati Covid-19, lasciando da parte screening, visite specialistiche, assistenza, trattamenti, nuove diagnosi e interventi per i pazienti affetti da altre patologie croniche. Da questa drammatica realtà, dalla crescita esponenziale delle liste d’attesa, dalla rinuncia alle cure, è […]
Miglioramento performance, Aiop e Agenas firmano piano di attività 2021
«Quanto sottoscritto è prima di tutto una importante proposta di ristrutturazione culturale, con l'obiettivo di migliorare la qualità dei dati analizzati e gli stessi percorsi di cura e, quindi, elevare i livelli complessivi di performance clinica e organizzativa, a beneficio degli utenti» spiegano Aiop e Agenas
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano