Salute 30 gennaio 2018

Sanità, il monito di Jessica Faroni (Aiop Lazio): «Investire o rischio diminuzione aspettativa vita»

La responsabile regionale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata contesta il blocco della mobilità interregionale verso le regioni sotto commissariamento: «Lazio penalizzato a vantaggio delle regioni del nord»

Immagine articolo

L’ultimo rapporto “Ospedali&Salute 2017” promosso dall’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) traccia un bilancio in chiaroscuro della sanità italiana con un trend che lascia presagire un futuro complicato. Colpa dei tagli alla sanità: la spesa per il Servizio sanitario nazionale, cresciuta a livello assoluto, è in realtà calata al 6,5% del Pil, secondo l’Oms soglia di allarme al di sotto la quale si riduce l’aspettativa di vita delle persone, l’accesso alle cure e la qualità dell’assistenza. Un dato che trova riscontro nelle statistiche fornite dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, secondo le quali gli abitanti del nord hanno una aspettativa di vita superiore di quattro anni a quella dei cittadini del sud Italia. A questo va aggiunto l’aumento della spesa sanitaria privata, in rialzo del 22,4% nell’ultimo decennio. In questo quadro, il ricorso agli ospedali privati accreditati o a cliniche private a pagamento, in alternativa alle strutture pubbliche, risulta essere una decisione che si stabilizza, negli ultimi 3 anni, attorno al 41% dei caregiver per la prima scelta e al 20% per la seconda. Abbiamo parlato di questi e di altri temi con Jessica Faroni, Presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata Lazio.

Dottoressa Faroni, lo studio presentato dall’Aiop mostra luci e ombre del Sistema sanitario. Il dato principale è il definanziamento progressivo in percentuale al Pil del comparto sanità. Come valuta questi dati?

«Sono dati che in parte conoscevamo e sono purtroppo quello ci aspettavamo ed è successo. È diminuita di fatto l’aspettativa di vita perché si è definanziato il sistema. Questo per tutta una serie di motivi, vuoi per i pronto soccorso, vuoi per il sovraccarico degli operatori sanitari, vuoi per le tecnologie non avanzate, ci sono tanti motivi per cui è successo questo. I numeri parlano da soli. Un definanziamento del genere provoca in un paese come il nostro dei disagi e dei danni fortissimi».

Il tasso di mobilità regionale a livello nazionale indica che le regioni sotto commissariamento hanno una maggiore percentuale di mobilità interregionale…

«Questa è una cosa che non conosce nessuno. È stato fatto un decreto 8 anni fa in cui si vietava la mobilità. Cioè noi del Lazio non potevamo accogliere pazienti fuori regione, non ci venivano pagati perché per qualche strano motivo le Regioni in piano di rientro non potevano accogliere pazienti da fuori regioni. Noi ci siamo battuti in tutti i modi, io soprattutto perché ero già all’epoca presidente Aiop Lazio, ottenendo pochissimi risultati. Questo ha comportato che regioni come la Lombardia e l’Emilia Romagna hanno vissuto in parte anche alle spalle del cittadino del Lazio che di fatto qui si vedeva i budget tagliati con liste d’attesa lunghe, mentre al nord aveva più libertà di poter andare. Noi del Lazio che potevamo rappresentare una attrattiva forte nei confronti di altre regioni siamo stati bloccati».

Come giudica l’operato della Giunta Zingaretti nel Lazio?

«Alla fine lo definisco abbastanza positivo per una serie di motivi. Il primo è che c’è stata una durata lunga in un momento storico molto difficile sia sul fronte della stabilità politica che su quello della mancanza di soldi. Cioè il definanziamento della sanità in una regione in piano di rientro amplifica un problema livello nazionale e lo porta a livello regionale».

Articoli correlati
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Liste d’attesa, Barbara Cittadini (AIOP): «Serve tavolo di confronto con Ministero per migliorare accesso a prestazioni»
«Le strutture sanitarie aderenti all’Associazione Italiana Ospedalità Privata (AIOP) sono parte integrante del Servizio sanitario nazionale e, quindi, sentono la responsabilità di dare risposta ai bisogni di salute dei cittadini, affrontando, tempestivamente, alcuni nodi ancora irrisolti, tra i quali il problema delle liste d’attesa». Lo dichiara Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP, in risposta all’invito del […]
Intesa Stato-Regioni, Barbara Cittadini (AIOP): «Soddisfatta del risultato ma serve un intervento più strutturale»
«Esprimiamo soddisfazione per l’intesa che la Conferenza delle Regioni ha raggiunto in merito alla ripartizione del Fondo sanitario 2018». Barbara Cittadini, come presidente nazionale AIOP precisa: «In rappresentanza delle oltre 500 strutture sanitarie e socio-sanitarie associate ad AIOP, ritengo che i 110,1 miliardi messi a disposizione dal Fondo, come quota indistinta, siano un traguardo, ma […]
Lazio, protesta dei lavoratori della sanità privata a Montecitorio. Cgil, Cisl e Uil: «Rinnovo contratto o sciopero»
I sindacati confederali chiedono che non ci siano lavoratori di serie A e di serie B. L’assessore D’Amato: «Ogni professionista deve avere le medesime opportunità e tutele». Faroni (Aiop Lazio): «Stop a disparità di trattamento tra le varie regioni»
Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»
«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...