Salute 13 Novembre 2019

Assistenza ai migranti e formazione del personale sanitario: la Clinica Dermatologica della Federico II in prima linea

L’incontro intitolato “La pelle non ha colori” rivolto ai responsabili dei centri accoglienza in Campania per instaurare una collaborazione efficace

La pelle non ha colori: questo il titolo dell’incontro tenutosi a Napoli presso la Clinica dermatologica dell’A.O.U. Federico II di Napoli rivolto a tutti i responsabili dei centri di accoglienza migranti presenti sul territorio campano, con l’intento di portare a conoscenza l’attività e i servizi sanitari ultraspecialistici offerti dalla Clinica in materia di sanità di frontiera. Sotto la direzione scientifica dei proff. Mario Delfino e Gabriella Fabbrocini, l’evento si fa portavoce di un’importante istanza etica, oltre che sanitaria: la volontà di abbattere i muri (del razzismo ma anche della burocrazia) e aprire canali di supporto e collaborazione per far sì che anche agli “ultimi” abbiano la possibilità di ricevere cure adeguate di primo e secondo livello per le malattie dermatologiche e sessualmente trasmesse.

Secondo i dati Istat dal 1° gennaio 2019 sono 5.255.503 gli stranieri residenti sul territorio italiano, più dell’8% della popolazione, percentuale destinata ad aumentare data la presenza di crescenti flussi migratori che vedono coinvolta tutta l’Europa. Questi cambiamenti demografici rappresentano una nuova sfida per la medicina occidentale sia diagnostica che assistenziale. Infatti sono diverse le patologie importate dai paesi di provenienza di queste popolazioni mobili, precedentemente scomparse dal territorio italiano e che ora si stanno riaffacciando prepotenti sullo scenario nazionale. Ulteriori difficoltà risiedono nelle ovvie barriere linguistico-culturali che si interpongono tra il medico e il paziente. In quest’ottica l’U.O.C. di Dermatologia Clinica dell’A.O.U. Federico II, diretta dalla Prof.ssa Gabriella Fabbrocini, già da tempo ha cercato di implementare i servizi e migliorare l’assistenza sanitaria per i pazienti stranieri regolarmente e non regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale. Nel 2018 è stato attivato l’ “Ambulatorio di Dermatologia e Venereologia Etnica” dedicato esclusivamente ai pazienti stranieri sul territorio italiano. L’ambulatorio, dunque, si pone come presidio di prima accoglienza, con funzione di filtro e riconoscimento precoce del bisogno di cure.

L’ambulatorio ad oggi ha registrato più di 500 accessi tra prime visite e controlli principalmente per patologie infettive interrompendo la catena di contagio per malattie come: sifilide, gonorrea, scabbia, micosi cutanee, herpes zoster e simplex.

Data la complessità della gestione di questi pazienti in ambito ospedaliero e ancor di più in ambito ambulatoriale, la clinica ha creato un portale, riservato esclusivamente ai medici iscritti, in cui è possibile presentare dei casi clinici ritenuti complessi che, magari, richiedono un’ulteriore valutazione. In questo modo è possibile mettere a disposizione della piattaforma www.dermatologiaetnica.it la propria esperienza professionale per una gestione più rapida e ottimale del paziente.

La Clinica dermatologica della Federico II si pone inoltre come centro di riferimento per esami diagnostici e strumentali di secondo livello, come biopsie, esami microscopici, esami tricoscopici, microscopia confocale, grazie alle visite ai migranti presso i locali della Croce Rossa, che rendono possibile un contatto diretto col territorio.

Sono poi attive diverse collaborazioni con gli altri istituti sanitari del territorio, in special modo con la Chirurgia plastica dell’A.O.U. della Federico II per la cura di quei migranti che, provenienti da zone di guerra, riportano sul corpo gravi cicatrici.

I prossimi 22 Novembre e 3 Dicembre sarà inaugurato un workshop interattivo dal titolo: “Riconoscere e prevenire: il ruolo della corretta accoglienza e della mediazione culturale e linguistica nella tutela della salute”, rivolto a tutti gli operatori impegnati nei centri di accoglienza. L’obiettivo è quello di fornire ai discenti gli strumenti teorico pratici di educazione sanitaria e medicina preventiva per un rapido riconoscimento delle principali affezioni dermatologiche, al fine di garantire un’assistenza sanitaria adeguata e mirata nel più breve tempo possibile.

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
AO dei Colli (Napoli): «Ora non abbassare la guardia»
L’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO) non abbassa la guardia anche con la ripresa delle attività ordinarie. L’Ospedale Cotugno, polo infettivologico del Sud Italia, ha affrontato e affronta l’emergenza Covid in prima linea. Nonostante il numero dei ricoveri sia fortunatamente calato sia nei posti ordinari che di terapia intensiva e sub intensiva, […]
di Azienda Ospedaliera dei Colli
Covid-19, da ricercatori Federico II nuova terapia per combattere il virus?
L’interleuchina 17 (IL-17) è implicata nelle complicazioni polmonari associate al Covid-19? È la domanda sollevata dal Dott. Gian Marco Casillo e da un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Nicola Mascolo e dal Dott. Francesco Maione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l’Università di Birmingham
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
Dalla pensione alla trincea, la storia dell’ex primario infettivologo Franco Faella: «Ma non chiamatemi eroe»
I primi anni in servizio durante l’epidemia di colera a Napoli, poi una lunga carriera al Cotugno. Oggi, a 74 anni, il nuovo incarico al Loreto Mare, riconvertito in ospedale Covid-19: «Mi aspettavo una catastrofica eruzione del Vesuvio, ma non questo. È un'emergenza storica». Poi il monito: «In futuro ci saranno altre minacce virali, che questa esperienza serva a non abbassare più la guardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco