Salute 13 Novembre 2019

Assistenza ai migranti e formazione del personale sanitario: la Clinica Dermatologica della Federico II in prima linea

L’incontro intitolato “La pelle non ha colori” rivolto ai responsabili dei centri accoglienza in Campania per instaurare una collaborazione efficace

La pelle non ha colori: questo il titolo dell’incontro tenutosi a Napoli presso la Clinica dermatologica dell’A.O.U. Federico II di Napoli rivolto a tutti i responsabili dei centri di accoglienza migranti presenti sul territorio campano, con l’intento di portare a conoscenza l’attività e i servizi sanitari ultraspecialistici offerti dalla Clinica in materia di sanità di frontiera. Sotto la direzione scientifica dei proff. Mario Delfino e Gabriella Fabbrocini, l’evento si fa portavoce di un’importante istanza etica, oltre che sanitaria: la volontà di abbattere i muri (del razzismo ma anche della burocrazia) e aprire canali di supporto e collaborazione per far sì che anche agli “ultimi” abbiano la possibilità di ricevere cure adeguate di primo e secondo livello per le malattie dermatologiche e sessualmente trasmesse.

Secondo i dati Istat dal 1° gennaio 2019 sono 5.255.503 gli stranieri residenti sul territorio italiano, più dell’8% della popolazione, percentuale destinata ad aumentare data la presenza di crescenti flussi migratori che vedono coinvolta tutta l’Europa. Questi cambiamenti demografici rappresentano una nuova sfida per la medicina occidentale sia diagnostica che assistenziale. Infatti sono diverse le patologie importate dai paesi di provenienza di queste popolazioni mobili, precedentemente scomparse dal territorio italiano e che ora si stanno riaffacciando prepotenti sullo scenario nazionale. Ulteriori difficoltà risiedono nelle ovvie barriere linguistico-culturali che si interpongono tra il medico e il paziente. In quest’ottica l’U.O.C. di Dermatologia Clinica dell’A.O.U. Federico II, diretta dalla Prof.ssa Gabriella Fabbrocini, già da tempo ha cercato di implementare i servizi e migliorare l’assistenza sanitaria per i pazienti stranieri regolarmente e non regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale. Nel 2018 è stato attivato l’ “Ambulatorio di Dermatologia e Venereologia Etnica” dedicato esclusivamente ai pazienti stranieri sul territorio italiano. L’ambulatorio, dunque, si pone come presidio di prima accoglienza, con funzione di filtro e riconoscimento precoce del bisogno di cure.

L’ambulatorio ad oggi ha registrato più di 500 accessi tra prime visite e controlli principalmente per patologie infettive interrompendo la catena di contagio per malattie come: sifilide, gonorrea, scabbia, micosi cutanee, herpes zoster e simplex.

Data la complessità della gestione di questi pazienti in ambito ospedaliero e ancor di più in ambito ambulatoriale, la clinica ha creato un portale, riservato esclusivamente ai medici iscritti, in cui è possibile presentare dei casi clinici ritenuti complessi che, magari, richiedono un’ulteriore valutazione. In questo modo è possibile mettere a disposizione della piattaforma www.dermatologiaetnica.it la propria esperienza professionale per una gestione più rapida e ottimale del paziente.

La Clinica dermatologica della Federico II si pone inoltre come centro di riferimento per esami diagnostici e strumentali di secondo livello, come biopsie, esami microscopici, esami tricoscopici, microscopia confocale, grazie alle visite ai migranti presso i locali della Croce Rossa, che rendono possibile un contatto diretto col territorio.

Sono poi attive diverse collaborazioni con gli altri istituti sanitari del territorio, in special modo con la Chirurgia plastica dell’A.O.U. della Federico II per la cura di quei migranti che, provenienti da zone di guerra, riportano sul corpo gravi cicatrici.

I prossimi 22 Novembre e 3 Dicembre sarà inaugurato un workshop interattivo dal titolo: “Riconoscere e prevenire: il ruolo della corretta accoglienza e della mediazione culturale e linguistica nella tutela della salute”, rivolto a tutti gli operatori impegnati nei centri di accoglienza. L’obiettivo è quello di fornire ai discenti gli strumenti teorico pratici di educazione sanitaria e medicina preventiva per un rapido riconoscimento delle principali affezioni dermatologiche, al fine di garantire un’assistenza sanitaria adeguata e mirata nel più breve tempo possibile.

Articoli correlati
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
Pancreas, impiantata protesi biodegradabile al Caldarelli di Napoli
È la prima volta in Campania. Il Direttore generale dell'ospedale Giuseppe Longo: «Intervento d’eccellenza e segno tangibile di un’assistenza di altissima qualità che non si è mai fermata»  
Ai test di medicina con l’auricolare-spia. La denuncia dei candidati, Federico II conferma
L’episodio è stato verbalizzato ma al candidato è stato concesso di terminare la prova: «Non è stato colto in flagranza»
Covid-19, stretta sulla movida: discoteche chiuse e mascherine obbligatorie anche all’aperto
In Italia aumentano i contagi e scende l'età media dei contagiati, con forme anche severe. Le disposizioni per contenere la diffusione del virus
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli