Salute 11 Settembre 2019

Sanità, Cartabellotta (Gimbe): «Per rilanciarla servono più fondi e migliorare i rapporti Stato-Regioni»

Il Presidente della Fondazione Gimbe si dice «ottimista» circa le intenzioni del nuovo ministro Speranza ma sottolinea: «Il ministro della salute difficilmente potrà determinare le sorti in positivo o in negativo del servizio sanitario nazionale»

di Federica Bosco
Immagine articolo

«Salviamo il servizio sanitario nazionale». È questo l’appello lanciato dal Professor Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE, presente al 14° congresso sulla qualità della vita e disabilità promosso da Fondazione Sospiro Onlus che si è svolto il 9 e il 10 settembre all’Università Iulm di Milano. Un appuntamento per i professionisti del settore chiamati a migliorare con la loro professionalità la qualità della vita dei pazienti, attraverso una sempre più capillare competenza per rispondere a questo diritto.

«Ritengo che questo sia uno degli argomenti più importanti – spiega Cartabellotta – perché spesso la qualità della vita non viene valutata nelle sperimentazioni cliniche e nei percorsi di cura dei pazienti, mentre capire come si sente il malato, a livello internazionale, rappresenta una nuova classificazione delle cosiddette unità di misura su cui valutare i risultati di una terapia o di un percorso assistenziale. Oggi la qualità della vita dovrebbe rientrare in tutti i percorsi di ricerca, ma soprattutto in quelli assistenziali, invece non è così. Non solo, il sistema sanitario ha problemi ancor più profondi».

Lei ha parlato di quattro patologie del Sistema sanitario nazionale. Quali sono?

«Noi abbiamo fatto una diagnosi perché abbiamo paragonato il Servizio sanitario nazionale ad un malato che oggi è affetto da quattro patologie: la prima è quella del definanziamento pubblico perché negli ultimi dieci anni sono stati sottratti circa 70 miliardi di euro e negli stessi anni dal 2010 al 2019 il finanziamento pubblico è cresciuto di 9 miliardi che di fatto non copre neppure i costi dell’inflazione. La seconda patologia è che, a fronte di un finanziamento pubblico così basso, abbiamo un paniere di livello essenziale di assistenza, quindi di prestazioni da garantire a cittadini e pazienti, troppo ampio. Poi c’è una terza patologia che è quella degli sprechi e delle inefficienze, i soldi sono pochi e non sempre vengono utilizzati bene; e la quarta patologia è stata identificata nell’espansione del secondo pilastro che di fatto rappresenta un avanzamento dell’intermediazione assicurativa all’interno del sistema sanitario nazionale non così chiaramente definita. Tutto questo avviene in un contesto condizionato da due fattori ambientali: un clima non perfettamente salubre nei rapporti tra Stato e Regioni e le aspettative dei cittadini e dei pazienti che sono sempre crescenti e non sempre informati da evidenze scientifiche e di buona qualità, ma oggi condizionate da quelle che sono le informazioni che circolano sul web in maniera virale attraverso i social e colpiscono tutti coloro che ne fanno uso».

Secondo lei cosa bisogna cambiare e in che modo?

«Dal punto di vista del finanziamento ci vuole la volontà politica di un rilancio del finanziamento pubblico, perché ora siamo in una fase di galleggiamento e la grande crisi di personale che ha colpito la sanità pubblica non è un fatto casuale, è emerso nel 2019, ma è frutto di un definanziamento decennale. Certamente dobbiamo migliorare i rapporti tra Stato e Regioni, perché al di là delle problematiche legate ad alcune regioni che sono Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, che spingono per ottenere l’autonomia differenziata, lo Stato deve aumentare capacità di indirizzo e verifica».

Tra le sfide del nuovo ministro della Salute, Roberto Speranza, quella di rendere omogeneo un servizio sanitario oggi frammentato e a diverse velocità…

«Dal punto di vista delle intenzioni del nuovo ministro sono ottimista, ma i meccanismi complessivamente ci dicono però che il ministro della salute difficilmente potrà determinare le sorti in positivo o in negativo del servizio sanitario nazionale».

Si è parlato di rapporto Stato e Regioni, si è parlato di autonomia. Secondo lei è una strada percorribile per migliorare la sanità pubblica?

«Il fatto che l’autonomia sia stata avviata nelle tre regioni che sono tra le più virtuose in Italia, in un’ottica regionale, non può che migliorare la sanità pubblica; il problema è capire quanto questo vada a contrastare il diritto alla tutela alla salute che dovrebbe essere omogeneamente esigibile in tutto il territorio nazionale. Noi siamo già davanti ad un sistema frammentato in 20 servizi sanitari regionali piuttosto che provinciali e lo Stato oggi non è in grado di esercitare adeguate capacità di indirizzo e di verifica pertanto, secondo la nostra valutazione, regionalismo differenziato sì, ma prima occorre pensare a potenziare meglio il ruolo dello Stato, altrimenti è inevitabile che chi è già avanti correrà ancora di più e chi è rimasto indietro non avrà la possibilità di assistere adeguatamente i propri cittadini».

 

Articoli correlati
Mascherine, GIMBE: «Dispositivi insostituibili, ma inopportuno obbligo all’aperto e rivalutare uso in bar e ristoranti»
Dalla Fondazione GIMBE un position statement sull'utilizzo delle mascherine in ambienti pubblici per contrastare il contagio da coronavirus e la disinformazione pubblica. Il presidente Cartabellotta: «Rappresentano il segno di una “nuova normalità” per una sicura convivenza con il virus»
Report Gimbe: nel 2019 quasi 3 miliardi per i ticket, ma il 38% va ai farmaci di marca
Cartabellotta, presidente Gimbe: «Nel 2019 ticket per le prestazioni ridotti del 6,5%, mentra in aumento quelli dei farmaci del 10%. Spicca l’ostinata e ingiustificata resistenza ai farmaci equivalenti in tutte le Regioni del Centro-Sud»
«I punti di forza del nostro SSN? Resilienza e formazione. Tecnologia e sostenibilità le sfide da affrontare»
L’analisi di Americo Cicchetti, direttore ALTEMS: «La gestione della pandemia ha accelerato lo sviluppo della telemedicina. In 12 settimane ideate 174 nuove soluzioni digitali, di cui solo il 30% per gestire pazienti Covid a domicilio»
di Isabella Faggiano
“L’Europa alla prova del Coronavirus”, nell’ebook di Luisa Regimenti le sfide della sanità e dell’Ue nel post Covid
Nel saggio, scritto durante il lockdown, l'eurodeputata della Lega riflette sul ruolo dell'Unione europea e su prospettive e priorità di rinascita che la pandemia ha reso ormai indifferibili
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...