Salute 25 Giugno 2018

Sanità Calabria, l’allarme del Presidente Oliverio: «LEA non garantiti e liste di attesa sempre più lunghe, chiediamo fine commissariamento»

«Ho chiesto incontro al Ministro Grillo, vogliamo poterci assumere le nostre responsabilità», spiega il governatore che sottolinea: «Cittadini del sud devono avere stesse opportunità di quelli del nord»

Immagine articolo

È una fase delicata per la sanità calabrese. E non solo perché dal 2010 la Regione è commissariata. Tagli orizzontali e blocco totale del turn over hanno determinato un impoverimento dell’offerta sanitaria e l’accesso alle cure sanitarie risulta essere sempre più limitato e modesto, tanto che recenti dati Istat pongono la Calabria al terzo posto per la mobilità ospedaliera in uscita dopo Molise e Basilicata. I cittadini calabresi, sempre secondo i dati Istat, sono tra i più insoddisfatti dell’assistenza medica ospedaliera. «I Livelli essenziali di assistenza non sono garantiti, le liste di attesa sono cresciute, nelle ultime settimane la rete dei laboratori ha sospeso le prestazioni e questo ha determinato un disagio grave», spiega a Sanità Informazione il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio che per questo ha chiesto un incontro urgente al Ministro della Salute Giulia Grillo: «Dobbiamo lavorare perché a partire dalla garanzia della qualità delle prestazioni sanitarie e dei LEA un cittadino che vive in Calabria, in Sicilia, in Campania o nel resto del Sud possa avere pari opportunità rispetto a un cittadino che vive in Lombardia e nel Veneto».

Presidente, al ministro della Salute Giulia Grillo che ha incontrato i rappresentanti delle Regioni cosa ha chiesto in tema di sanità?

«Ho chiesto il superamento della gestione commissariale. La Regione Calabria è commissariata da oltre 7 anni e l’esperienza del commissariamento non solo non affronta i problemi che si ponevano in partenza ma li ha aggravati. Si pensi che il numero dei calabresi che ricorre all’esterno della Calabria per curare e tutelare la propria salute è aumentato in modo esponenziale. Siamo passati da 200 milioni di euro che la regione pagava nel 2010 a oltre 300 milioni di euro che la regione ha pagato al 31 dicembre 2017 per quanto riguarda le prestazioni fuori regioni. I Livelli essenziali di assistenza non sono garantiti, le liste di attesa sono cresciute, nelle ultime settimane la rete dei laboratori ha sospeso le prestazioni e questo ha determinato un disagio grave, siamo in una situazione di straordinaria emergenza. Io ho chiesto che venga superato il commissariamento, che come tutte le altre regioni italiane la Calabria sia messa nelle condizioni di poter esercitare le proprie funzioni in materia di sanità assumendosi anche le proprie responsabilità: per affrontare il problema non è assolutamente giustificabile la situazione in cui vive la nostra regione. Ho chiesto al ministro un incontro e ha dato disponibilità. Mi auguro che si proceda rapidamente a decisioni che consentano di superare questa situazione di emergenza».

LEGGI ANCHE: RAPPORTO ISTAT, ITALIA DIVISA IN DUE: 1 SU 4 DA SUD A NORD PER CURARSI. A BOLZANO IN SALUTE FINO A 70

Il tema del divario nord-sud a livello di sanità è in cima all’agenda del ministro, anche a livello di accesso alle cure. Lei cosa si aspetta?

«Io mi aspetto che ci sia una inversione di tendenza perché il dato della mia regione è un dato particolarmente acuto ma è la spia di una situazione che complessivamente coinvolge il sud Italia. Bisogna avere politiche differenziate rispetto a situazioni differenziate perché si porti il Sud nelle condizioni di pari opportunità rispetto al resto del Paese. Un Sud mantenuto in queste condizioni, anche per quanto riguarda il sistema sanitario e le prestazioni sanitarie, è un problema per il Paese, non una opportunità. Noi invece dobbiamo lavorare perché a partire dalla garanzia della qualità delle prestazioni sanitarie e dei LEA un cittadino che vive in Calabria, in Sicilia, in Campania o nel resto del Sud possa avere pari opportunità rispetto a un cittadino che vive in Lombardia e nel Veneto».

Articoli correlati
Decreto Calabria, la protesta della sanità privata regionale: «A rischio servizi e posti di lavoro»
Critico anche il senatore Giovanni Pittella: «Non credo sinceramente che questo tipo di problemi si risolvono attraverso i commissariamenti»
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Lea, Vecchietti (RBM Salute): «Diventino Livelli effettivi di assistenza. Un cittadino su 3 non vi ha avuto accesso»
Il direttore generale e amministratore delegato di RBM Assicurazione Salute: «Più che puntare su un’estensione più ampia possibile della copertura del perimetro pubblico, si miri alla copertura di quelle patologie per le quali la specializzazione, le risorse e gli investimenti del SSN sono fondamentali»
Liste d’attesa, Report Fp Cgil: in media 60 giorni per una visita nel pubblico
Tempi di attesa medi nettamente maggiori per il SSN rispetto a quelli dell’offerta privata: 60 giorni nel pubblico, 9 nell’intramoenia, 7 nel privato e 39 per il privato convenzionato. Si arriva a quattro mesi di attesa per una colonscopia. Eccelle l'Emilia-Romagna, male le Marche. È ciò che emerge dal Rapporto promosso dalla Funzione Pubblica Cgil
Consiglio di Stato, psicologi potranno accedere alla direzione delle strutture di salute mentale
Lazzari (CNOP): «La sentenza difende il principio della multiprofessionalità già ribadito nei nuovi Lea». Tuttavia, l’emergenza è un’altra: «l’Italia investe troppo poco per la cura della salute mentale e la presenza di psicologi all’interno di queste strutture è inadeguata»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano