Salute 14 febbraio 2018

Sanità, Di Biase (Pd): «Azzerato debito regione Lazio, ora è momento di investire»

Il capogruppo dei democratici in Aula Giulio Cesare, candidata alla Pisana, attacca il sindaco Raggi sui vaccini: «Non usi tema vaccini per fare campagna elettorale»

È uno dei consiglieri comunali che, dall’opposizione, sta dando maggior filo da torcere al sindaco Virginia Raggi. Ora tenta il salto alla Regione Lazio, dove si voterà il 4 marzo. Michela Di Biase, Partito Democratico, vanta giù un lungo curriculum politico. Dal 2006 al 2013 è stata consigliere nel VII Municipio di Roma, dal 2013 membro dell’Assemblea di Roma Capitale dove ha ricoperto il ruolo di presidente della Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro. Nel 2016 viene rieletta e diventa capogruppo Pd in aula Giulio Cesare.

Di Biase, sappiamo quanto per le Regioni sia fondamentale il capitolo Sanità. Il nostro è un quotidiano che si occupa di sanità. Quali saranno le linee guida in materia per i prossimi anni?

«Penso che la Regione Lazio si sia contraddistinta per un grandissimo impegno proprio sui temi della sanità. Bisogna che questa era una regione con un debito immenso e il presidente Zingaretti è riuscito in cinque anni di buon governo a uscire fuori dal commissariamento e quindi dall’emergenza. Penso che sia davvero un risultato straordinario. È evidente che se i cinque anni precedenti sono serviti a risanare il debito enorme che c’era stato lasciato dall’amministrazione Polverini, i successivi cinque anni saranno il momento per investire in quelli che sono i temi caldi che riguardano proprio la nostra cittadinanza: penso a tutta quella che è la vicenda dei pronto soccorso dove sappiamo che ci sono delle difficoltà perché spesso ci vengono segnalate. Risanamento e grandissima attenzione per quello che dev’essere il rilancio e quindi lo sviluppo di un settore fondamentale e strategico. Non solo per Roma ma per tutto l’indotto della nostra regione».

Un altro tema che riguarda la salute dei cittadini è diventato un tema forte della campagna elettorale, quello dei vaccini. Lei è stata in Consiglio comunale in questi anni a Roma. In questi giorni c’è stata una forte presa di posizione contro la presa posizione in materia del sindaco Raggi. I Cinque Stelle anche a livello nazionale su questa questione dei vaccini stanno dividendo l’opinione pubblica.

«La verità è che il sindaco Raggi o non conosce la mozione che è stata votata dall’aula Giulio Cesare o non conosce la legge. In entrambi i casi mi sembra francamente un atteggiamento abbastanza inusuale per un sindaco. La mozione chiede e ha chiesto solo l’approvazione della legge. Noi siamo rimasti molto colpiti che il sindaco abbia voluto strumentalizzare la vicenda vaccini. Sulla salute dei bambini non si scherza. Noi siamo a favore della scienza. Abbiamo detto da subito che i bambini vanno vaccinati e questa riforma sul tema dei vaccini da parte del ministro Lorenzin è un grandissimo passo in avanti. Rispetto a questo, il sindaco Raggi si occupasse di fare il sindaco, perché è questo che dovrebbe fare, quindi si occupasse di quelli che sono i temi cari ai cittadini e non utilizzasse il tema dei vaccini per fare campagna elettorale a favore dei no vax. No agli apprendisti stregoni, sì alla scienza e ai medici che svolgono il loro ruolo con serietà e competenza».

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»
«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea Silenzi che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Liste d’attesa, Piano del Governo trasmesso alle Regioni. Grillo: «Fondi triplicati in manovra. Mai stanziate in passato risorse su questo»
Il provvedimento prevede la digitalizzazione delle agende di prenotazione e l’uso delle classi di priorità per visite e ricoveri. «È un primo passo concreto verso un cambiamento reale. La sanità del Paese deve ritornare in cima alle priorità dell’agenda politica», sottolinea la titolare della Salute
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...