Salute 14 Maggio 2020

Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»

Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

«Una polmonite atipica è un indizio, due polmoniti atipiche sono una coincidenza; tre polmoniti atipiche, però, sono una prova». Il professor Andrea Lenzi, oltre ad essere un medico, è un uomo di governo. Dal 2016 è presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Comitato Nazionale dei Garanti per la Ricerca del MIUR; direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza, è intervenuto al webinar “I sindaci nel governo della sanità post-Covid 19”, un’occasione di dibattito e confronto proposta da Anci e da Ifel Formazione. Un’occasione, spiega l’organizzazione in un comunicato, che «ha proposto una riflessione compiuta e articolata sulla salute nelle città come bene comune, alla luce dei profondi cambiamenti che l’emergenza da coronavirus determinerà nelle modalità di intervento degli amministratori locali nel settore socio-assistenziale e sanitario». In effetti, quanto spiegato da Lenzi nella relazione introduttiva ha provato a indicare quale sia il rapporto, molto stretto invero, fra organizzazione della città e tutela della salute.

La città, infatti, non è solo un luogo e soprattutto non è un luogo neutrale. Come è organizzata, come è costruita, come sono allocati gli spazi è in grado di fare tutta la differenza del caso. «Sappiamo dalle analisi a disposizione – ha detto Lenzi nella sua relazione – che nel 2050 il 70% della popolazione mondiale vivrà in una città. In Italia il fenomeno è anche più pronunciato perché già il 70% dei nostri abitanti vive in città e nel nostro futuro c’è un ulteriore aumento della popolazione media delle città. Fino ad oggi tutti noi, sia policy maker, sia sanitari che ricercatori, ci eravamo concentrati sul miglioramento della qualità della vita, sugli indici della speranza di vita e sulle malattie non trasmissibili e sui fattori di rischio, come l’obesità. Ci siamo dedicati alla medicina di precisione, alla medicina di eccellenza, tagliata sull’individuo. Oggi ci siamo resi conto che nel farlo ci siamo persi l’insieme, i grandi numeri».

GUARDA LA PRESENTAZIONE DEL PROF. LENZI

«La pandemia da coronavirus è stata una sorta di sveglia brutale sia per l’area sanitaria che per chi riflette sugli assetti di comunità», spiega Lenzi, contattato al telefono da Sanità Informazione per un approfondimento: «Il sistema si è dimostrato enormemente fragile proprio dove meno ce lo aspettavamo: tutti magnificavano e invidiavano, quasi, il sistema sanitario lombardo, fatto di indubbie punte di eccellenza che però si sono rivelate sganciate dalle esigenze dei territori. Quando il Covid-19 si è manifestato, penso di poterlo rendere così, la trasduzione dei segnali sanitari ha dimostrato di non funzionare. Io da tempo penso che serva un meccanismo che coaguli la comunità intorno ad un bene imprescindibile, quale è la salute: la medicina puntuale di precisione serve, è fondamentale, ma la comunità della salute, la health community è altrettanto importante».

La proposta è allora quella di favorire la nomina all’interno delle amministrazioni comunali di un health city manager, una figura specifica di coordinamento «che sappia portare al sindaco tutte le istanze della collettività» sui temi della salute pubblica, con compiti, si legge nel contributo del presidente della CNBBSV, «di gestione della sanità pubblica, di sociologia e psico-sociologia delle comunità, di architettura urbana e di controllo nella riduzione delle disuguaglianze sociali e di salute, in grado di coordinare e implementare le azioni per la salute pubblica nel contesto urbano in funzione degli obiettivi di mandato espressi dal documento di programmazione dell’amministrazione comunale con cui s’interfaccerà diventando elemento d connessione tra la stessa e le amministrazioni sanitarie locali».

«Negli ultimi decenni – aggiunge Lenzi – è indubbio che abbiamo saputo mantenere una qualità della vita con alti standard che abbiamo ulteriormente prolungato grazie al lavoro dei medici. Questa rete deve essere continuamente rinforzata, è come una rete che deve essere mantenuta in salute: nei piccoli centri, ma anche nei grandi, il sindaco è il referente della comunità e ad oggi i primi cittadini non hanno nel loro staff, e non parlo di assessorati alla salute, una persona sufficientemente giovane, sufficientemente dinamica e sufficientemente flessibile da mettere in sincronia i vari assessorati e i vari dipartimenti». La proposta dell’health city manager deriva da una lunga sequela di studi internazionali che trova il suo accoglimento, in Italia, in un paper di recentissima pubblicazione su Acta Biomedica.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Salute, benessere e stili di vita: nasce Senior News, il Tg di Senior Italia FederAnziani
Senior news sarà pubblicato ogni giorno alle ore 14:30 sul canale YouTube di Senior Italia FederAnziani e sulle pagine Facebook della federazione e sarà distribuito via Whatsapp a tutti gli aderenti
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...