Salute 14 Maggio 2020 13:08

Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»

Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»

di Tommaso Caldarelli
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»

«Una polmonite atipica è un indizio, due polmoniti atipiche sono una coincidenza; tre polmoniti atipiche, però, sono una prova». Il professor Andrea Lenzi, oltre ad essere un medico, è un uomo di governo. Dal 2016 è presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Comitato Nazionale dei Garanti per la Ricerca del MIUR; direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza, è intervenuto al webinar “I sindaci nel governo della sanità post-Covid 19”, un’occasione di dibattito e confronto proposta da Anci e da Ifel Formazione. Un’occasione, spiega l’organizzazione in un comunicato, che «ha proposto una riflessione compiuta e articolata sulla salute nelle città come bene comune, alla luce dei profondi cambiamenti che l’emergenza da coronavirus determinerà nelle modalità di intervento degli amministratori locali nel settore socio-assistenziale e sanitario». In effetti, quanto spiegato da Lenzi nella relazione introduttiva ha provato a indicare quale sia il rapporto, molto stretto invero, fra organizzazione della città e tutela della salute.

La città, infatti, non è solo un luogo e soprattutto non è un luogo neutrale. Come è organizzata, come è costruita, come sono allocati gli spazi è in grado di fare tutta la differenza del caso. «Sappiamo dalle analisi a disposizione – ha detto Lenzi nella sua relazione – che nel 2050 il 70% della popolazione mondiale vivrà in una città. In Italia il fenomeno è anche più pronunciato perché già il 70% dei nostri abitanti vive in città e nel nostro futuro c’è un ulteriore aumento della popolazione media delle città. Fino ad oggi tutti noi, sia policy maker, sia sanitari che ricercatori, ci eravamo concentrati sul miglioramento della qualità della vita, sugli indici della speranza di vita e sulle malattie non trasmissibili e sui fattori di rischio, come l’obesità. Ci siamo dedicati alla medicina di precisione, alla medicina di eccellenza, tagliata sull’individuo. Oggi ci siamo resi conto che nel farlo ci siamo persi l’insieme, i grandi numeri».

GUARDA LA PRESENTAZIONE DEL PROF. LENZI

«La pandemia da coronavirus è stata una sorta di sveglia brutale sia per l’area sanitaria che per chi riflette sugli assetti di comunità», spiega Lenzi, contattato al telefono da Sanità Informazione per un approfondimento: «Il sistema si è dimostrato enormemente fragile proprio dove meno ce lo aspettavamo: tutti magnificavano e invidiavano, quasi, il sistema sanitario lombardo, fatto di indubbie punte di eccellenza che però si sono rivelate sganciate dalle esigenze dei territori. Quando il Covid-19 si è manifestato, penso di poterlo rendere così, la trasduzione dei segnali sanitari ha dimostrato di non funzionare. Io da tempo penso che serva un meccanismo che coaguli la comunità intorno ad un bene imprescindibile, quale è la salute: la medicina puntuale di precisione serve, è fondamentale, ma la comunità della salute, la health community è altrettanto importante».

La proposta è allora quella di favorire la nomina all’interno delle amministrazioni comunali di un health city manager, una figura specifica di coordinamento «che sappia portare al sindaco tutte le istanze della collettività» sui temi della salute pubblica, con compiti, si legge nel contributo del presidente della CNBBSV, «di gestione della sanità pubblica, di sociologia e psico-sociologia delle comunità, di architettura urbana e di controllo nella riduzione delle disuguaglianze sociali e di salute, in grado di coordinare e implementare le azioni per la salute pubblica nel contesto urbano in funzione degli obiettivi di mandato espressi dal documento di programmazione dell’amministrazione comunale con cui s’interfaccerà diventando elemento d connessione tra la stessa e le amministrazioni sanitarie locali».

«Negli ultimi decenni – aggiunge Lenzi – è indubbio che abbiamo saputo mantenere una qualità della vita con alti standard che abbiamo ulteriormente prolungato grazie al lavoro dei medici. Questa rete deve essere continuamente rinforzata, è come una rete che deve essere mantenuta in salute: nei piccoli centri, ma anche nei grandi, il sindaco è il referente della comunità e ad oggi i primi cittadini non hanno nel loro staff, e non parlo di assessorati alla salute, una persona sufficientemente giovane, sufficientemente dinamica e sufficientemente flessibile da mettere in sincronia i vari assessorati e i vari dipartimenti». La proposta dell’health city manager deriva da una lunga sequela di studi internazionali che trova il suo accoglimento, in Italia, in un paper di recentissima pubblicazione su Acta Biomedica.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
Costa: «Recovery opportunità per garantire concretamente diritto alla salute»
«Solo quest'anno 400mila persone non hanno potuto accedere alle cure farmacologiche – ha precisato il sottosegretario alla Salute -. Garantire il diritto alla salute significa renderla accessibile a tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...