Salute 18 maggio 2016

Salute, la sfida della longevità. «Puntare su formazione e innovazione»

Intervista al presidente di Federanziani, Roberto Messina: «Impatto economico insostenibile per la sanità, il futuro è la telemedicina. Apple, Windows e Google pronti a investire oltre 20 miliardi in Italia sulla e-health»

Formazione ed innovazione. Sono queste le armi da mettere in campo per affrontare il fenomeno del costante aumento dell’età media della popolazione ed il suo impatto economico sul Ssn.
Il tema è stato al centro del dibattito del convegno dal titolo “I percorsi cardiologici per il paziente anziano: la sfida del III Millennio”, svoltosi nei giorni scorsi presso la Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” – Sala degli Atti Parlamentari “. Nel corso del convegno, organizzato dalla Onlus “Lazio Salute e Sanità per l’Eccellenza“, promosso e moderato dal dottor Stefano De Lillo, si sono registrati autorevoli interventi da parte dei numerosi relatori che hanno partecipato, tra cui, considerando il tema, di particolare rilevanza la posizione di Federanziani, che attraverso il presidente Roberto Messina ha posto l’accento sulle strategie di intervento.

«Sicuramente il fenomeno della longevità di massa è un processo inarrestabile, ma anche allarmante. Anzi, – afferma il presidente di Federanziani – se non lo si prenderà seriamente in considerazione sarà uno tsunami che nessun governo e nessuna Regione sarà in grado di sostenerne l’impatto economico. Occorre, negli scenari complessi cui assisteremo nei prossimi anni, che i decisori pongano in essere soluzioni concrete. Sicuramente il modello attuale è obsoleto e dobbiamo pensarne di nuovi. Gli unici modelli sostenibili ed economici saranno quelli della telemedicina che permetteranno agli ospedali di tenere sotto stretto controllo i pazienti nei loro territori e nelle loro abitazioni e chiamarli nei momenti opportuni».

Una sostenibilità del servizio sanitario che guarda al fenomeno dell’aumentata longevità e attinge a piene mani dalle nuove tecnologie nel campo della formazione, per gestire al meglio la situazione.
«Non solo. Ci sono nel mondo 286 miliardi di dollari a disposizione per la formazione e per la  e-health, e per l’Italia da qui ai prossimi venticinque anni ne sono stati destinati ben 23 miliardi dai big del settore: Apple, Windows, Google, e tutti gli altri big del settore. Dobbiamo utilizzare questi fondi per la formazione e per fare innovazione. Soltanto questi due fattori renderanno un connubio così corretto da consentire un risparmio allo Stato ed un aumento di quel livello di professionalità, che permetterà di riportarci sempre più ai primi livelli dei sistemi sanitari nazionali».

Articoli correlati
Formazione ECM, parla Carpani: «Fondamentale aggiornamento costante e conoscenza linee guida»
Il nuovo braccio destro del Ministro, grande esperto di tematiche sanitarie, tratteggia in una recente intervista rilasciata a Sanità Informazione in occasione delle giornate formative organizzate dalla FNOMCeO a Bari, la sua idea di professionista sanitario 'modello'. Un medico sempre aggiornato e attento alla cura nel rapporto con il paziente
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...