Salute 24 Ottobre 2017

Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui

«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi

di Lucia Oggianu

Buona pratica clinica, corretto approccio ai problemi della salute, gestione dei casi a basso rischio e urgenze inaspettate. Questi i principali argomenti discussi in occasione del 92° Congresso Nazionale Sigo, 57° Congresso Nazionale Aogoi e 24° Congresso Nazionale Agui di recente svolto a Roma.

«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali – afferma ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico, già segretario regionale Aogoi Puglia e già vicepresidente nazionale Aogoi – argomenti sui quali è necessaria grande accortezza».

Dottor Sozzi, quali sono le novità affrontate in occasione di questo importante Congresso?

«Devo dire che questo Congresso è stato organizzato in modo perfetto, ha scandagliato tutti gli angoli della ginecologia e dell’ostetrica a 360° e ogni sessione ha avuto grande successo. Tra i temi che io ritengo essere una nuova frontiera nella professione di ginecologia e ostetricia vi sono la diagnosi prenatale e le cellule staminali. Credo che i ginecologi, in collaborazione con i genetisti, debbano avere grande accortezza per queste due materie.

Ho sentito una relazione del Professor Vito Chiantera sulla neuropelveologia, un nuovo tipo di chirurgia che il professore inizierà forse per primo in Italia, e secondo soltanto in Europa, all’Ospedale Civico di Palermo, a dimostrazione di come anche il sud risponda perfettamente agli standard italiani ed europei.

Un’altra cosa importante credo sia la Legge 24/2017, una legge in cui tutti abbiamo creduto, di cui è stato fatto finora uno scheletro per cui dobbiamo aspettare i decreti attuativi che ne rappresenteranno definizione e che tutti noi speriamo possa creare uno stato di serenità sia nei confronti del medico che lavora sia del paziente che riceve il giusto risarcimento».

Alla luce della Legge Gelli, quali sono i principali cambiamenti dal punto di vista assicurativo e legale per il medico ginecologo e ostetrico?

«Credo sia importantissima l’assicurazione obbligatoria per tutti gli esercenti delle attività professionali e per le strutture. È importante perché il medico che lavora in sala parto, in sala operatoria e nello studio molte volte non si rende conto del tipo di assicurazione da fare. Noi dobbiamo puntare, insieme alle Società Scientifiche e alle organizzazioni, a trovare una carta dei servizi e consigliare al medico la polizza più idonea».

Articoli correlati
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...