Formazione 24 Ottobre 2017 13:12

Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui

«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi

di Lucia Oggianu

Buona pratica clinica, corretto approccio ai problemi della salute, gestione dei casi a basso rischio e urgenze inaspettate. Questi i principali argomenti discussi in occasione del 92° Congresso Nazionale Sigo, 57° Congresso Nazionale Aogoi e 24° Congresso Nazionale Agui di recente svolto a Roma.

«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali – afferma ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico, già segretario regionale Aogoi Puglia e già vicepresidente nazionale Aogoi – argomenti sui quali è necessaria grande accortezza».

Dottor Sozzi, quali sono le novità affrontate in occasione di questo importante Congresso?

«Devo dire che questo Congresso è stato organizzato in modo perfetto, ha scandagliato tutti gli angoli della ginecologia e dell’ostetrica a 360° e ogni sessione ha avuto grande successo. Tra i temi che io ritengo essere una nuova frontiera nella professione di ginecologia e ostetricia vi sono la diagnosi prenatale e le cellule staminali. Credo che i ginecologi, in collaborazione con i genetisti, debbano avere grande accortezza per queste due materie.

Ho sentito una relazione del Professor Vito Chiantera sulla neuropelveologia, un nuovo tipo di chirurgia che il professore inizierà forse per primo in Italia, e secondo soltanto in Europa, all’Ospedale Civico di Palermo, a dimostrazione di come anche il sud risponda perfettamente agli standard italiani ed europei.

Un’altra cosa importante credo sia la Legge 24/2017, una legge in cui tutti abbiamo creduto, di cui è stato fatto finora uno scheletro per cui dobbiamo aspettare i decreti attuativi che ne rappresenteranno definizione e che tutti noi speriamo possa creare uno stato di serenità sia nei confronti del medico che lavora sia del paziente che riceve il giusto risarcimento».

Alla luce della Legge Gelli, quali sono i principali cambiamenti dal punto di vista assicurativo e legale per il medico ginecologo e ostetrico?

«Credo sia importantissima l’assicurazione obbligatoria per tutti gli esercenti delle attività professionali e per le strutture. È importante perché il medico che lavora in sala parto, in sala operatoria e nello studio molte volte non si rende conto del tipo di assicurazione da fare. Noi dobbiamo puntare, insieme alle Società Scientifiche e alle organizzazioni, a trovare una carta dei servizi e consigliare al medico la polizza più idonea».

Articoli correlati
Inositolo, Vittorio Unfer primo al mondo per gli studi sulla molecola che aiuta la fertilità
Il ginecologo: «Stiamo testando il dichiositolo, in grado di riequilibrare il testosterone sia negli uomini che nelle donne. Puntiamo ad una medicina personalizzata»
di Isabella Faggiano
Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute
La Fondazione presieduta da Federico Gelli sta lavorando all’aggiornamento del manuale sulla legge 24/17 sulla responsabilità professionale. Il terzo “Quaderno” della collana sarà dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo
Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a tutti i medici dipendenti di una struttura sanitaria»
Punti nascita, la voce di ginecologi e ostetriche: «Ridurli non peggiora l’assistenza»
A Sanità Informazione, la presidente AOGOI, Elsa Viora, e la presidente della FNOPO, Silvia Vaccari, commentano le parole del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, sulla possibile rimodulazione dei punti nascita in Italia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco