Salute 5 Novembre 2021 15:30

Rizatriptan: un’opzione terapeutica efficace per l’emicrania moderata-severa

Disponibile in compresse e in liofilizzato orale, consente un rapido sollievo dai sintomi dolorosi e da quelli associati

Rizatriptan: un’opzione terapeutica efficace per l’emicrania moderata-severa

Colpisce circa il 14% della popolazione mondiale, ma nel nostro paese, secondo alcune stime epidemiologiche, ne soffre in media il 24% della popolazione generale, con punte del 32% tra le donne [1]. Sono queste le allarmanti cifre dell’emicrania, una condizione che gli specialisti concordano nel considerare non più un sintomo ma una malattia neurologica a sé stante: secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), rappresenta la terza patologia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante [1]. Nonostante ciò, rimane ancora una patologia sottodiagnosticata e sotto-trattata [1].

La letteratura sull’argomento non manca di sottolineare l’enorme impatto dell’emicrania, in termini sia sanitari sia sociali. In primo luogo, si associa a un notevole grado di disabilità, del 34% più grave nel sesso femminile rispetto a quello maschile, secondo uno studio che ha utilizzato la scala MIDAS [1]. Inoltre, l’emicrania si accompagna di frequente ad altre patologie, quali epilessia, sindrome dolorose croniche, allergie asma e patologie circolatorie [1]. Ciò, ancora una volta, avviene più frequentemente nelle donne in età fertile, con gravi ripercussioni sulla produttività lavorativa o di studio [1]. Dati riferiti a uno studio internazionale del 2018 condotto in 31 paesi tra cui l’Italia, mostrano che il 60% circa degli intervistati si è assentato per quasi una settimana lavorativa (4,6 giorni) nel mese precedente [1].

Non bisogna trascurare infine l’impatto dell’emicrania sugli aspetti emozionali, cognitivi e comportamentali, con grave ripercussioni sulla vita affettiva e sociale, non solo perché le crisi cefalgiche sono di grave ostacolo alle relazioni interpersonali, ma anche perché le persone con questa condizione vivono costantemente nell’attesa angosciante di una nuova crisi [1]. Particolarmente sentito è anche il problema dello stigma sociale e della banalizzazione della sintomatologia, che spesso viene considerata assimilabile a un comune mal di testa [1]. La sfera psichica ne risulta fortemente investita: gli studi sottolineano anche un’associazione dell’emicrania con ansia e depressione [2], una comorbilità che contribuisce a peggiorare ulteriormente la qualità della vita [1].

Per ridurre l’impatto del dolore e migliorare la qualità di vita, i soggetti che soffrono di emicrania possono avvalersi di un trattamento sintomatico, al bisogno, così come di un trattamento preventivo. [3]. Per il trattamento del dolore episodico, sono disponibili farmaci aspecifici (FANS, paracetamolo o una loro combinazione), e farmaci specifici come i triptani, che agiscono sul dolore trigemino-vascolare [3].

In questa classe di farmaci si distingue il rizatriptan, in compresse da 5 o 10 mg o in liofilizzato orale, indicato per il trattamento acuto della fase cefalalgica degli attacchi emicranici con o senzaa ura negli adulti [4]. L’efficacia di rizatriptan nel trattamento acuto degli attacchi di emicrania è stata dimostrata in quattro studi multicentrici, controllati con placebo, che hanno incluso più di 2.000 pazienti che hanno ricevuto dosi del farmaco di 5 o 10 mg fino a un anno [4]. Dai trial è emerso che il sollievo dalla cefalea si verificava già 30 minuti dopo la dose; le percentuali di risposta due ore dopo il trattamento erano del 67-77% con le compresse da 10 mg e 60-63% con le compresse da 5 mg, rispetto a percentuali del 23-40% de braccio trattato con placebo [4].

 

Bibliografia

1. Emicrania: una malattia di genere. Impatto socio-economico in Italia. A cura dell’Istituto superiore di Sanità – Centro
di riferimento per la malattia di genere 2018
2. Lampl C. Headache, depression and anxiety: associations in the Eurolight project. J Headache Pain 2016; 17: 59
3. trattamento e profilassi dell’emicrania – Vademecum per il medico di Medicina generale. Allegato A al Decreto n. 56
del 18 giugno 2020
4. RCP Maxalt

Articoli correlati
Gonfi e stanchi, dieta detox contro la “sindrome post-abbuffate”
Da Serena Missori endocrinologa, nutrizionista e docente della serie Ecm “Gusto è Salute” di Consulcesi consigli utili per rimettersi in carreggiata dopo gli eccessi natalizi
«Esperienza faticosa ma profonda». In “Fango e risate” Muccioli racconta il padre e i “fratelli” di San Patrignano
La presentazione del volume, organizzata dall’associazione Impresa per la Vita, è avvenuta nella clinica Santa Famiglia. Possemato: «Un libro che vuole aiutare a combattere le patologie dell’età evolutiva». Marrocco (Fi): «Proposta di legge per istituire psicologo scolastico»
Emicrania moderata-forte: i principi del trattamento con triptani
La scelta del farmaco dovrebbe essere personalizzata in base alla tipologia del singolo attacco e alle preferenze del singolo paziente
Prevenzione andrologica, gli uomini ne fanno poca. In loro aiuto arriva “Wikipene” con tutto ciò che c’è da sapere
Il volume, pensato per uomini di tutte le età, è stato presentato in Senato. Annamaria Parente (Presidente Commissione Igiene e Sanità): «Un ragazzo su tre può avere problemi andrologici»
Medicina estetica, con i fili di trazione lifting non chirurgico e risultati garantiti? Cosa dice l’esperto
Domenico Centofanti, vicepresidente SIME, analizza l’ultima moda in ambito estetico: costi, benefici ed effetti collaterali: «Terapia efficace e poco invasiva, con ridotti rischi di complicanze. Indicata per pazienti con un grado di lassità cutanea lieve e anche per chi ha già fatto botox e filler»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 gennaio, sono 330.836.470 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.545.953 i decessi. Ad oggi, oltre 9,66 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre