Salute 5 Novembre 2021 15:30

Rizatriptan: un’opzione terapeutica efficace per l’emicrania moderata-severa

Disponibile in compresse e in liofilizzato orale, consente un rapido sollievo dai sintomi dolorosi e da quelli associati

Rizatriptan: un’opzione terapeutica efficace per l’emicrania moderata-severa

Colpisce circa il 14% della popolazione mondiale, ma nel nostro paese, secondo alcune stime epidemiologiche, ne soffre in media il 24% della popolazione generale, con punte del 32% tra le donne [1]. Sono queste le allarmanti cifre dell’emicrania, una condizione che gli specialisti concordano nel considerare non più un sintomo ma una malattia neurologica a sé stante: secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), rappresenta la terza patologia più frequente al mondo e la seconda più disabilitante [1]. Nonostante ciò, rimane ancora una patologia sottodiagnosticata e sotto-trattata [1].

La letteratura sull’argomento non manca di sottolineare l’enorme impatto dell’emicrania, in termini sia sanitari sia sociali. In primo luogo, si associa a un notevole grado di disabilità, del 34% più grave nel sesso femminile rispetto a quello maschile, secondo uno studio che ha utilizzato la scala MIDAS [1]. Inoltre, l’emicrania si accompagna di frequente ad altre patologie, quali epilessia, sindrome dolorose croniche, allergie asma e patologie circolatorie [1]. Ciò, ancora una volta, avviene più frequentemente nelle donne in età fertile, con gravi ripercussioni sulla produttività lavorativa o di studio [1]. Dati riferiti a uno studio internazionale del 2018 condotto in 31 paesi tra cui l’Italia, mostrano che il 60% circa degli intervistati si è assentato per quasi una settimana lavorativa (4,6 giorni) nel mese precedente [1].

Non bisogna trascurare infine l’impatto dell’emicrania sugli aspetti emozionali, cognitivi e comportamentali, con grave ripercussioni sulla vita affettiva e sociale, non solo perché le crisi cefalgiche sono di grave ostacolo alle relazioni interpersonali, ma anche perché le persone con questa condizione vivono costantemente nell’attesa angosciante di una nuova crisi [1]. Particolarmente sentito è anche il problema dello stigma sociale e della banalizzazione della sintomatologia, che spesso viene considerata assimilabile a un comune mal di testa [1]. La sfera psichica ne risulta fortemente investita: gli studi sottolineano anche un’associazione dell’emicrania con ansia e depressione [2], una comorbilità che contribuisce a peggiorare ulteriormente la qualità della vita [1].

Per ridurre l’impatto del dolore e migliorare la qualità di vita, i soggetti che soffrono di emicrania possono avvalersi di un trattamento sintomatico, al bisogno, così come di un trattamento preventivo. [3]. Per il trattamento del dolore episodico, sono disponibili farmaci aspecifici (FANS, paracetamolo o una loro combinazione), e farmaci specifici come i triptani, che agiscono sul dolore trigemino-vascolare [3].

In questa classe di farmaci si distingue il rizatriptan, in compresse da 5 o 10 mg o in liofilizzato orale, indicato per il trattamento acuto della fase cefalalgica degli attacchi emicranici con o senzaa ura negli adulti [4]. L’efficacia di rizatriptan nel trattamento acuto degli attacchi di emicrania è stata dimostrata in quattro studi multicentrici, controllati con placebo, che hanno incluso più di 2.000 pazienti che hanno ricevuto dosi del farmaco di 5 o 10 mg fino a un anno [4]. Dai trial è emerso che il sollievo dalla cefalea si verificava già 30 minuti dopo la dose; le percentuali di risposta due ore dopo il trattamento erano del 67-77% con le compresse da 10 mg e 60-63% con le compresse da 5 mg, rispetto a percentuali del 23-40% de braccio trattato con placebo [4].

 

Bibliografia

1. Emicrania: una malattia di genere. Impatto socio-economico in Italia. A cura dell’Istituto superiore di Sanità – Centro
di riferimento per la malattia di genere 2018
2. Lampl C. Headache, depression and anxiety: associations in the Eurolight project. J Headache Pain 2016; 17: 59
3. trattamento e profilassi dell’emicrania – Vademecum per il medico di Medicina generale. Allegato A al Decreto n. 56
del 18 giugno 2020
4. RCP Maxalt

Articoli correlati
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi