Salute 12 Ottobre 2018

Risonanze magnetiche, Ordine TSRM contesta il decreto su standard di sicurezza: «Rischio rallentamento delle attività, pronti ad azioni legali»

L’Ordine presieduto da Alessandro Beux sottolinea la necessità che nella gestione del rischio clinico ci sia «il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari». Dietro l’angolo «un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative»

Immagine articolo

L’Ordine delle professioni sanitarie tecniche e di riabilitazione (TSRM e PSTRP) non ci sta. E preannuncia battaglia nei confronti del Decreto del Ministero della Salute “Determinazione degli standard di sicurezza e impiego per le apparecchiature a risonanza magnetica”, colpevole, secondo l’Ordine presieduto da Alessandro Beux, di non garantire la sicurezza nei siti di Risonanza magnetica. Un «cedimento alle corporazioni del Ministro Grillo», secondo i rappresentanti della Federazione Nazionale Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della riabilitazione e della prevenzione che chiedono un incontro urgente alla titola de dicastero della Salute.

«Il Decreto – sottolinea una nota – contraddice quanto le più autorevoli raccomandazioni internazionali indicano sia necessario per assicurarla: la gestione del rischio clinico richiede il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari; la prevenzione alla base della gestione del rischio clinico richiede processi complessi e articolati, da fondare su un’impostazione funzionale; i suoi approcci devono facilitare la collaborazione tra i vari professionisti sanitari in una logica di team; il miglioramento della qualità e della sicurezza delle prestazioni richiedono un continuo miglioramento dei percorsi e dei processi, mediante l’interazione tra tutti i professionisti sanitari, ciascuno per le proprie competenze».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM e PSTRP): «ORDINE FAVORIRA’ QUALITA’. ORA SERVONO DECRETI ATTUATIVI»

Dunque al centro dello scontro l’apporto dei tecnici sanitari di radiologia medica, la cui assenza dai siti RM rischia di far venire meno la sicurezza delle persone assistite. Un modello che viene definito «anacronistico» e «pericoloso» secondo il quale «nelle professioni che hanno percorsi formativi temporalmente più ampi sono contenute quelle che hanno percorsi formativi diversi ma non meno importanti ai fini della sicurezza e della qualità. È vero il contrario: a prescindere dalla durata dei loro studi, quindi dalle loro dimensioni professionali, quindi della quota parte del processo a loro affidata, le professioni sanitarie sono tutte portatrici di competenze tipiche e riservate, ognuna delle quali è contestualmente insufficiente e imprescindibile per una piena, efficace e sicura realizzazione delle singole prestazioni e dei processi di cura».

Il rischio è quello di un forte rallentamento delle attività, oltre che di azioni legali che l’Ordine si dice pronto ad effettuare: «Le Regioni dovranno fronteggiare un significativo rallentamento delle attività nei siti RM, un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative, con buona pace della clinical governance, della sostenibilità del sistema sanitario, del suo ammodernamento, della sua efficienza, della valorizzazione delle professioni sanitarie e del benessere organizzativo».

Viene escluso che gli operatori possano operare al di fuori della norma, una eventualità che li esporrebbe a «importanti rischi medico-legali e assicurativi». Pertanto si va verso un rallentamento delle operazioni: la Federazione invita sin d’ora «tutti i Tecnici sanitari di radiologia medica al più rigoroso rispetto di quanto indicato dal DM».

 

Articoli correlati
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
Chinesiologi, Berloffa (UNC): «Inserire la nostra categoria tra le professioni socio-sanitarie»
Il presidente dell’Unione Nazionale Chinesiologi: «La prima richiesta è datata 11 novembre 2018. Negli anni ne sono seguite molte altre. Se entro settembre non otterremo una risposta procederemo per vie legali»
di Isabella Faggiano
Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia
Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L'incremento più importante va all'area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata
Forum Risk e Simedet riuniscono le professioni sanitarie. Da Beux a Mangiacavalli, tutti d’accordo: «Occasione irripetibile per riforma SSN»
Al webinar dal titolo “Le professioni sanitarie nell'era post Covid-19” hanno partecipato esponenti di Ordini, società scientifiche e politici. Messaggio dal Ministro Speranza: «Le professioni sanitarie hanno, ancora una volta, dimostrato di essere una preziosa risorsa nel nostro Paese. Donne e uomini che si sono messi a disposizione del Servizio sanitario nazionale per far fronte alla pandemia»
Infermiere di famiglia, De Palma: «Non limitarlo ad assistenza domiciliare». Beux: «Attenti a sovrapposizioni con assistente sanitario»
Nel corso delle audizioni in Senato, il presidente del sindacato Nursing Up Antonio De Palma chiede l’istituzione di una “Convenzione nazionale” sul modello dei medici di famiglia. Per il presidente del maxi ordine delle professioni sanitarie Alessandro Beux il territorio va rafforzato anche con altre figure professionali che garantiscano un ampio ventaglio di prestazioni, dalla riabilitazione alla diagnostica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 luglio, sono 10.695.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 516.255 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli