Salute 12 ottobre 2018

Risonanze magnetiche, Ordine TSRM contesta il decreto su standard di sicurezza: «Rischio rallentamento delle attività, pronti ad azioni legali»

L’Ordine presieduto da Alessandro Beux sottolinea la necessità che nella gestione del rischio clinico ci sia «il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari». Dietro l’angolo «un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative»

Immagine articolo

L’Ordine delle professioni sanitarie tecniche e di riabilitazione (TSRM e PSTRP) non ci sta. E preannuncia battaglia nei confronti del Decreto del Ministero della Salute “Determinazione degli standard di sicurezza e impiego per le apparecchiature a risonanza magnetica”, colpevole, secondo l’Ordine presieduto da Alessandro Beux, di non garantire la sicurezza nei siti di Risonanza magnetica. Un «cedimento alle corporazioni del Ministro Grillo», secondo i rappresentanti della Federazione Nazionale Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della riabilitazione e della prevenzione che chiedono un incontro urgente alla titola de dicastero della Salute.

«Il Decreto – sottolinea una nota – contraddice quanto le più autorevoli raccomandazioni internazionali indicano sia necessario per assicurarla: la gestione del rischio clinico richiede il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari; la prevenzione alla base della gestione del rischio clinico richiede processi complessi e articolati, da fondare su un’impostazione funzionale; i suoi approcci devono facilitare la collaborazione tra i vari professionisti sanitari in una logica di team; il miglioramento della qualità e della sicurezza delle prestazioni richiedono un continuo miglioramento dei percorsi e dei processi, mediante l’interazione tra tutti i professionisti sanitari, ciascuno per le proprie competenze».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM e PSTRP): «ORDINE FAVORIRA’ QUALITA’. ORA SERVONO DECRETI ATTUATIVI»

Dunque al centro dello scontro l’apporto dei tecnici sanitari di radiologia medica, la cui assenza dai siti RM rischia di far venire meno la sicurezza delle persone assistite. Un modello che viene definito «anacronistico» e «pericoloso» secondo il quale «nelle professioni che hanno percorsi formativi temporalmente più ampi sono contenute quelle che hanno percorsi formativi diversi ma non meno importanti ai fini della sicurezza e della qualità. È vero il contrario: a prescindere dalla durata dei loro studi, quindi dalle loro dimensioni professionali, quindi della quota parte del processo a loro affidata, le professioni sanitarie sono tutte portatrici di competenze tipiche e riservate, ognuna delle quali è contestualmente insufficiente e imprescindibile per una piena, efficace e sicura realizzazione delle singole prestazioni e dei processi di cura».

Il rischio è quello di un forte rallentamento delle attività, oltre che di azioni legali che l’Ordine si dice pronto ad effettuare: «Le Regioni dovranno fronteggiare un significativo rallentamento delle attività nei siti RM, un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative, con buona pace della clinical governance, della sostenibilità del sistema sanitario, del suo ammodernamento, della sua efficienza, della valorizzazione delle professioni sanitarie e del benessere organizzativo».

Viene escluso che gli operatori possano operare al di fuori della norma, una eventualità che li esporrebbe a «importanti rischi medico-legali e assicurativi». Pertanto si va verso un rallentamento delle operazioni: la Federazione invita sin d’ora «tutti i Tecnici sanitari di radiologia medica al più rigoroso rispetto di quanto indicato dal DM».

 

Articoli correlati
Educatori professionali, il presidente Anep Nicola Titta: «L’Ordine è già operativo ma le iscrizioni non sono consentite ai laureati in Scienze dell’Educazione»
L’appello alle istituzioni: «La classe politica provveda a rimuovere tutti gli ostacoli che  impediscono ad alcuni professionisti di iscriversi all’Ordine e di esercitare in maniera libera»
di Isabella Faggiano
Osteopatia, Paola Sciomachen (ROI): «Avviato confronto con Ministero per l’individuazione del profilo professionale dell’osteopata»
«È un passaggio fondamentale per istituire la professione», afferma la presidente del Registro Osteopati d’Italia che aggiunge: «Abbiamo realizzato la prima proposta di core competence dell’osteopatia in Italia, in cui sono classificate le competenze esclusive e caratterizzanti»
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»
La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara
Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»
Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...