Salute 12 Novembre 2019

Rifiuti Roma, vertice OMCeO – Ama: “Nuova collaborazione per il bene della Capitale”

Nuovi mezzi e più attenzione alla raccolta rifiuti vicino scuole, ospedali e farmacie. Sono queste le novità emerse al termine di un incontro a tre tra il nuovo Amministratore Unico di Ama, Stefano Zaghis, Michele Lepore, Responsabile del servizio prevenzione ambientale e il Presidente dell’OMCeO romano, Antonio Magi. Il vertice ha avuto luogo proprio nella […]

Nuovi mezzi e più attenzione alla raccolta rifiuti vicino scuole, ospedali e farmacie. Sono queste le novità emerse al termine di un incontro a tre tra il nuovo Amministratore Unico di Ama, Stefano Zaghis, Michele Lepore, Responsabile del servizio prevenzione ambientale e il Presidente dell’OMCeO romano, Antonio Magi. Il vertice ha avuto luogo proprio nella sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Roma.

L’Ordine dei Medici, in quanto garante della salute dei cittadini, nel corso di quest’anno, prima dell’arrivo di Zaghis, aveva a più riprese lanciato un allarme rifiuti per la Capitale, sottolineando il pericolo di un rischio igienico.

Nel corso del colloquio Stefano Zaghis, a poco più di un mese dalla sua nomina ai vertici dell’azienda, ha fatto il punto della situazione. In sostanza, ha spiegato l’AU di Ama, è iniziata una fase di rinnovo del parco mezzi dell’azienda, fase che si completerà a giugno e inoltre si sta ponendo particolare attenzione alla raccolta rifiuti nei pressi di scuole, ospedali e zone definite “sensibili” quali i parchi giochi, le mense pubbliche, le farmacie e via dicendo.

“Sono soddisfatto dell’incontro – riferisce Antonio Magi –. Attualmente la situazione della raccolta rifiuti è in fase di miglioramento, e di questo do atto al lavoro svolto dall’amministratore Zaghis. Tuttavia l’Ordine dei medici ha una responsabilità nei confronti non solo dei propri iscritti ma anche dei cittadini che vivono e lavorano a Roma e non vorremmo, per il bene di tutti, rivedere nuove criticità. Per questo motivo ci siamo lasciati con l’impegno di tenerci continuamente aggiornati, a tal proposito l’Azienda ci invierà dei report costanti, e di rivederci presto”.

“E’ stato un incontro estremamente proficuo all’insegna di un clima di costruttiva collaborazione – sottolinea Stefano Zaghis – La città di Roma, come è noto, sconta un deficit strutturale in tema di gestione dei rifiuti ma da parte di Ama c’è la piena disponibilità ad operarsi con il massimo impegno per mettere in campo a medio termine soluzioni che permettano di superare definitivamente questo gap, assicurando a tutti i romani standard di servizio sempre migliori”

Articoli correlati
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia
In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture
Magi (OMCeO Roma): «Prima che sia emergenza vera le Regioni si dotino dei Dpi per tutelare medici e pazienti»
«In questo modo eviteremo anche la chiusura degli ambulatori ospedalieri e territoriali e la conseguente sospensione delle cure a milioni di cronici - dichiara il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi - è necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri colleghi e tutelare i pazienti»
Medico scolastico. Sumai: «Utile per garantire sicurezza di alunni e personale»
La grave condizione di epidemia che viviamo ormai da mesi, legata al Sars-Cov 2, sta spingendo a ripensare ruoli e modelli assistenziali. Nel Lazio, la prossima riapertura delle scuole, vedrà il ritorno del medico scolastico. Figura che sta facendo molto discutere tra favorevoli e contrari, tra chi la vive come un’opportunità e chi invece come un problema, un ritorno al passato che no, non può tornare.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...