Salute 29 Dicembre 2021 12:22

Ricoveri Covid, FIASO: «In terapia intensiva 71% senza vaccino, gli altri vaccinati senza booster»

L’84% dei vaccinati in rianimazione non aveva fatto la terza dose, nell’ultima settimana ricoveri ordinari aumentati del 33%. Crescono anche i pazienti pediatrici. Migliore (FIASO): «In questa fase occorre guardare meno al numero di tamponi positivi e di contagi e focalizzare l’attenzione sugli ospedali»

Ricoveri Covid, FIASO: «In terapia intensiva 71% senza vaccino, gli altri vaccinati senza booster»

Dai primi dati, la nuova ondata di Covid alimentata dalla variante Omicron, con gli oltre 78 mila nuovi casi registrati ieri solo in Italia, sembra abbia una sintomatologia meno grave, soprattutto sulla popolazione vaccinata. Tuttavia, il tasso di crescita dei ricoveri Covid è in accelerazione, del 13,7% secondo gli ospedali sentinella FIASO. Si parla di “effetto festività” per il maggior numero delle ospedalizzazioni, che confermano di concentrarsi maggiormente sulle persone non vaccinate.

I dati sui ricoveri ordinari

Le 21 strutture sanitarie e i quattro ospedali pediatrici italiani che forniscono i dati all’osservatorio FIASO hanno portato alla luce queste considerazioni. Senza fare distinzioni tra chi è vaccinato e non, l’aumento nell’ultimo mese è stato del 33% nei ricoveri e del 13,7% solo nell’ultima settimana. Dal 7 al 28 dicembre i ricoveri di persone non vaccinate sono aumentati del 46%, mentre la cifra si ferma al 19% nello stesso periodo per i vaccinati. Nei reparti ordinari la presenza di pazienti non vaccinati è del 54%. Resta una forte differenza di età fra vaccinati e non: i primi hanno in media 70 anni, i secondi 63 anni. Diverso anche lo stato di salute tra le due categorie: il 71% dei vaccinati ricoverati soffre di gravi patologie mentre meno della metà dei pazienti non vaccinati (47%) è affetto da altre malattie.

Terapie intensive e ricoveri pediatrici

Nelle terapie intensive la crescita è stata più forte nell’ultima settimana, stanziandosi al 18%. Maggiore anche il numero di non vaccinati rispetto ai vaccinati: 21,6% rispetto al 10%. Chi non ha nemmeno una dose di vaccino compone il 71% dei pazienti in rianimazione, dai 21 agli 85 anni, mentre il restante 29% è la platea vaccinata, dai 35 ai 90. Tra questi ultimi l’84% aveva completato il ciclo vaccinale da oltre quattro mesi ma non aveva ancora eseguito il booster.

Un dato importante sottolineato dai dati FIASO riguarda i pazienti sotto i 18 anni, che nell’ultima settimana sono aumentati del 46%. Oltre la metà (56%) dei 66 ricoverati su cui si basa la survey, ha tra 0 e 4 anni, mentre il 44% tra 5 e 18. Nessuno aveva completato il ciclo di vaccinazione.

Migliore (FIASO): «Meno attenzione ai tamponi, più ai ricoveri»

«In questa fase occorre guardare meno al numero di tamponi positivi e di contagi e focalizzare l’attenzione sugli ospedali che danno davvero il passo dell’epidemia – commenta il Presidente FIASO, Giovanni Migliore -. Assistiamo a un incremento dei ricoveri ma di gran lunga inferiore rispetto ai numeri di un anno fa; le Aziende sanitarie e ospedaliere hanno comunque predisposto, in linea con quanto richiesto dal Ministero della Salute, piani per l’attivazione di posti letto in base all’andamento dei ricoveri. I numeri ci restituiscono il quadro di una pandemia che colpisce e corre soprattutto tra i non vaccinati e che tra chi non ha la protezione del vaccino determina le più gravi conseguenze. La copertura vaccinale più elevata riduce, infatti, sia la frequenza dell’ospedalizzazione sia dell’accesso in terapia intensiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Caldo, una mappa degli interventi per proteggere i fragili a domicilio
Una mappa di alcuni degli interventi in corso da Nord a Sud per proteggere i pazienti fragili dall’emergenza caldo. Il presidente Fiaso, Migliore: «Grande attenzione alla comunicazione per evitare afflusso eccessivo nei pronto soccorso nei prossimi giorni»
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
PNRR, Migliore (Fiaso): «Ora arriva la parte difficile. Puntare su formazione personale sanitario»
Intervista al Presidente della Federazione Italiana Aziende Sanitarie Ospedaliere, che ha preso parte al Sesto forum Mediterraneo 2022 in Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...